Con pensione anticipata se ho stipendio tra 1000-1600 euro quanto prendo e ci perdo

Tra le varie forme di pensione anticipata, quanto prenderò ed eventualmente ci perderò se nel corso della mia vita lavorativa ho avuto stipendi tra i 1000-1600 euro?

Con pensione anticipata se ho stipendio

Se vado in pensione anticipa dopo aver avuto stipendi tra 1000-1600 euro quanto prenderò?

Secondo quanto previsto dalle leggi in vigore, chi ha stipendi tra 1000-1600 euro e che andando in pensione di vecchiaia ordinaria percepirebbe, verosimilmente, importi di pensione non troppo distanti dallo stipendio, non può sapere con certezza quanto perderà e se ci perderà ad andare in pensione anticipata. Le eventuali perdite per chi decide di andare in pensione prima dipendono dai singoli casi e da lavoratore a lavoratore in base alle condizioni di lavoro fino al momento dell’uscita, forma pensionistica che sceglie, effettiva contribuzione versata, ecc. Se si decide di andare in pensione anticipata, dunque, con opzione donna, con quota 100 o con ape social, è possibile che si perda qualcosa sull’assegno finale come no. Bisogna semplicemente informarsi presso gli organi competenti con eventuali simulazioni di pensione. 
 

Se vado in pensione anticipa dopo aver avuto stipendi tra 1000-1600 euro quanto prenderò? Il calcolo di quanto si prenderà di pensione al termine della propria vita lavorativa non è universale e fisso per tutti ma dipende dai sistemi di calcolo per la pensione finale., se cioè contributivo, retributivo e misto, forma di pensione che si sceglie e anche coefficienti di trasformazione, tassi di sostituzione, rivalutazioni, ecc. che influiscono notevolmente sul calcolo della pensione finale. Vediamo allora quanto può prendere di pensione chi ha avuto tra mille e 1.600 euro e come cambia importo se si va in pensione anticipata. 

  • Stipendio tra 1000-1600 euro quanto si prende di pensione 
  • Pensione anticipata quanto si prende e perde con stipendio da 1000-1600 euro 

Stipendio tra 1000-1600 euro quanto si prende di pensione 

Per sapere quanto si prenderà di pensione con stipendi tra 1000-1600 euro, bisogna innanzitutto capire se effettuare il calcolo del trattamento finale con sistema retributivo, basato cioè sugli stipendi degli ultimi anni di lavoro, e quindi i più alti di fine carriera, o con sistema contributivo, vale a dire considerando solo ed esclusivamente i contributi effettivamente versati nel corso della propria vita lavorativa, sistema decisamente meno vantaggioso del precedete retributivo, o con sistema misto, cioè con una combinazione di entrambe i sistemi.

Bisogna poi calcolare il montante contributivo, che si ottiene sommando i contributi versati ogni anno e da rivalutare considerando il tasso annuo di capitalizzazione derivante dalla variazione media quinquennale del PIL (prodotto interno lordo) determinata dall’Istat, e quindi applicare al montante contributivo il coefficiente di trasformazione, che varia in funzione dell’età del lavoratore, al momento della pensione.

I coefficienti di trasformazione devono essere applicati solo alle pensioni o alle quote di pensione calcolate con sistema contributivo, mentre per il calcolo della pensione con sistema misto o con sistema retributivo per i lavoratori con anzianità contributiva maturata al 31 dicembre 1995, i coefficienti di trasformazione valgono solo per le anzianità maturate dopo il primo gennaio 2012 (se in possesso di almeno 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995) o al primo gennaio 1996; e per le donne che decidono di andare in pensione prima con l’opzione donna.

I coefficienti di trasformazione da considerare per sapere quando si prenderà di pensione avendo avuto stipendi tra 1000-1600 euro sono:

  • 4,186% per chi va in pensione a 57 anni;
  • 4,289% per chi va in pensione a 58 anni;
  • 4,399% per chi va in pensione a 59 anni;
  • 4,515% per chi va in pensione a 60 anni;
  • 4,639% per chi va in pensione a 61 anni;
  • 4,770% per chi va in pensione a 62 anni;
  • 4,910% per chi va in pensione a 63 anni;
  • 5,083% per chi va in pensione a 64 anni;
  • 5,220% per chi va in pensione a 65 anni;
  • 5,391% per chi va in pensione a 66 anni;
  • 5,575% per chi va in pensione a 67 anni.
  • 5,722% per chi va in pensione a 68 anni;
  • 5,985% per chi va in pensione a 69 anni;
  • 6,15% per chi va in pensione a 70 anni;
  • 6,466% per chi va in pensione a 71 anni.

Insieme al coefficiente di trasformazione, per il calcolo di quanto si prenderà di pensione se si hanno stipendi tra 1000-1600 euro, si deve considerare anche il tasso di sostituzione, che permette di capire più o meno di quanto cambierà il reddito tra stipendio e pensione, e che non è uguale per tutti ma varia in base a età, tipologia di lavoro svolto, se lavoro dipendente o autonomo, anni di contributi e periodi in cui sono stati versati i contributi, andamento del Pil, ecc; e poi la rivalutazione della pensione che viene attuata sulla pensione mensile e che ogni anno cambia, adeguando l’importo di pensione percepita all’andamento del costo della vita.

Per fare un esempio di calcolo di quanto si prenderà di pensione con uno stipendio di 1000-1600 euro al mese, per la pensione di vecchiaia possiamo dire che l’importo oscilla tra gli 800-900 euro e i 1.400 euro. 

Pensione anticipata quanto si prende e perde con stipendio da 1000-1600 euro 

Quando si raggiungono i requisiti per la pensione di vecchiaia a 67 anni di età e con almeno 20 anni di contributi, l’importo di pensione che generalmente si percepisce è poco lontano dallo stipendio fino al momento dell’uscita, per cui per stipendi di 1000 euro la pensione sarà di circa 800-900 euro, per stipendi di 1.200 euro la pensione dovrebbe essere di circa milla1.100 euro, per stipendi da 1.600 euro la pensione dovrebbe essere di circa 1.500 euro, secondo i calcoli generali.

La domanda che spesso ci si pone è cosa potrebbe accadere alla pensione finale se invece di attendere i requisiti della pensione di vecchiaia si decide di andare in pensione anticipata con le diverse forme attualmente possibili, come opzione donna, o nuova quota 102, o ape social. 

La risposta è che dipende: chi ha stipendi tra 1000-1600 euro non può sapere con certezza quanto perderà e se ci perderà ad andare in pensione anticipata. Le eventuali perdite per chi decide di andare in pensione prima dipendono dai singoli casi e da lavoratore a lavoratore in base alle condizioni di lavoro fino al momento dell’uscita, forma pensionistica che sceglie, effettiva contribuzione versata, ecc.

Se si decide di andare in pensione anticipata, dunque, con opzione donna, con quota 100 o con ape social, è possibile che si perda qualcosa sull’assegno finale come no. Bisogna semplicemente informarsi presso gli organi competenti con eventuali simulazioni di pensione. 

Per esempio, prendendo il caso di una lavoratrice dipendente privata con 37 anni e 3 mesi di contributi, di cui meno di 18 versati prima del 1996 che prenderebbe andando in pensione di vecchiaia ordinaria 1.200 euro lordi con il sistema misto, con opzione donna, e calcolo della pensione interamente contributivo, percepirebbe circa 1.100 euro lordi per un netto di circa 930 euro, per cui la perdita rispetto a quanto percepirebbe andando in pensione di vecchiaia è relativa.

In altri casi, secondo le stime, chi decide di andare in pensione prima con opzione donna può calcolare sulla pensione finale perdite fino al 30%. Ma, come detto, tutto dipende casi. Anche andando in pensione prima con quota 102, a 64 anni di età e con 38 anni di contributi, il discorso è lo stesso. C’è chi nulla perde, se per esempio consideriamo un alto montante contributivo accumulato nei 38 anni di contributi richiesti, pur anticipando l’uscita di tre anni, e c’è chi invece lavorando meno, uscendo a 64 anni invece che a 67, versa meno contributi ai fini del calcolo della pensione finale rispetto a chi aspetta la pensione di vecchiaia. 
 





Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il