Se vendo una obbligazione prima della scadenza cosa succede? Ci perdo? Calcolo ed esempi 2021

Gli investitori devono essere consapevoli che il profilo di rischio della loro obbligazione può cambiare durante l'emissione.

Se vendo una obbligazione prima della sc

Obbligazione venduta prima della scadenza, cosa succede?

Se vendo una obbligazione prima della scadenza, il ricavo potrà essere inferiore o superiore rispetto al prezzo d'acquisto.

Chi detiene un'obbligazione nel portafoglio non deve tenerla fino alla scadenza. Esiste un mercato secondario che consente ai detentori di questi titoli di venderli e agli investitori interessati di acquistarli. Ma perché vendere un'obbligazione prima che scada? Se vendo una obbligazione prima della scadenza cosa succede? Di certo n investimento obbligazionario richiede la stessa vigilanza di un investimento in azioni.

Gli investitori devono essere consapevoli che questo tipo di investimento genera anche rischi, da prendere in considerazione e da rivedere durante tutto il periodo di emissione delle obbligazioni. Approfondiamo quindi in questo articolo:

  • Obbligazione venduta prima della scadenza, cosa succede

  • Calcolo ed esempi 2021 vendita obbligazioni prima della scadenza

Obbligazione venduta prima della scadenza, cosa succede

Ciascun investitore è libero di vendere le proprie obbligazioni prima della data di scadenza. Il valore di un'obbligazione dipende dal suo prezzo attuale, che è determinato dalla legge della domanda e dell'offerta. In altre parole, un ritorno dell'investimento del 100% non è mai garantito. Inoltre occorre tenere conto delle eventuali commissioni di intermediazione e di borsa applicate durante la vendita,

Diversi criteri possono guidare gli investitori nella decisione di vendere un'obbligazione prima che scada. Innanzitutto per profitto. Il tasso di interesse mostrato dalla loro obbligazione è più alto in un contesto generale di bassi tassi di interesse.

Poiché l'obbligazione ha un tasso di interesse superiore a quello di mercato, il suo prezzo si è apprezzato. Gli investitori potrebbero essere interessati a vendere i propri titoli per passare a un'altra classe di attività o a un'altra obbligazione.

Gli investitori hanno dubbi sulla salute finanziaria dell'emittente. In questo caso, hanno dubbi sulla capacità dell'azienda di rimborsare alla scadenza e preferiscono vendere, anche in perdita. Gli investitori devono essere consapevoli che il profilo di rischio della loro obbligazione può cambiare durante l'emissione.

Un'obbligazione che potrebbe essere qualificata come difensiva quando emessa può, a causa della scarsa performance dell'emittente o della sua esposizione geografica, diventare più rischiosa durante il suo periodo di emissione. Il mercato potrebbe ritenere che il rischio di insolvenza aumenti e richiedere tassi di interesse più elevati per le nuove emissioni. Il prezzo delle obbligazioni esistenti, che presentano tassi più bassi, scenderà quindi sul mercato secondario. Tuttavia, alcuni preferiranno vendere, anche in perdita,

Calcolo ed esempi 2021 vendita obbligazioni prima della scadenza

Entrambi gli investitori possono essere motivati da una preoccupazione fiscale. Se l'obbligazione di un emittente mostra ad esempio un tasso del 4% e il suo prezzo è 120, il portatore pagherà, a scadenza, una trattenuta sul 4%. Può scegliere di vendere la sua obbligazione a 120, oggi, e reinvestire il ricavato della vendita in una nuova emissione dello stesso debitore che quota 100 e offre 1,5 o 2%.

Ha preso la sua plusvalenza, non tassata, e l'ha reinvestita nello stesso emittente a un tasso che si tradurrà in una minore tassazione. Esistono anche le cosiddette obbligazioni convertibili che, volendo, possono essere scambiate con un numero predefinito di azioni.

Le aziende spesso emettono obbligazioni convertibili poiché l'emissione di azioni aggiuntive indica di solito che le azioni esistenti sono troppo care. Alcune obbligazioni possono essere richiamate e rimborsate dall'emittente prima della scadenza.

Si tratta più precisamente dei cosiddetti bond rimborsabili. Perché un emittente riacquista le sue obbligazioni? La risposta il più delle volte sta nella caduta del loro tasso di interesse.

Un'azienda che emette un bond rimborsabili desidera rifinanziare i propri debiti a un tasso più vantaggioso. Ricordiamo che se la società che ha emesso l'obbligazione dichiara bancarotta prima del raggiungimento della data di scadenza dell'obbligazione, il capitale non verrà restituito.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il