Si può assumere moglie come dipendente o è vietato. Tutti i casi 2020 e limiti esistenti

Sebbene la risposta dipenda dalle circostanze individuali e dalla struttura della tua attività, c'è una domanda preliminare da porsi: l'assunzione della moglie è possibile?

Si può assumere moglie come dipendente o

Moglie come dipendente, si può assumere o no?

La regola generale prevede che anche la moglie può essere assunta come dipendente dal datore di lavoro che è anche il marito. Ma bisogna stare attenti a una serie di dettagli, a iniziare dal reale rapporto lavorativo tra le parti. Il rischio più diffuso, come dimostrato dai numerosi casi di cronaca, è che si possa trattare di assunzioni fittizie finalizzate al versamento dei contributi previdenziali.

Il tuo coniuge potrebbe dedicare molto tempo ad aiutare in ufficio ed è una persona di cui ti fidi. Stai già pensando se ci sono vantaggi fiscali nel rendere tua moglie una dipendente dell'azienda.

Sebbene la risposta dipenda dalle circostanze individuali e dalla struttura della tua attività, c'è una domanda preliminare da porsi: l'assunzione è possibile o è vietata? C'è poi il caso particolare delle imprese individuali.

Molte persone immaginano che il proprietario sia nascosto in un piccolo ufficio a casa e lavori per lunghe ore per portare avanti i propri affari. Anche se questa immagine potrebbe essere vera per alcune imprese individuali, non è sempre. Almeno nelle intenzioni, crescono.

Man mano che la tua ditta individuale cresce si potrebbe aver bisogno di aiuto per tenere il passo con tutte le attività. Quindi si decide di assumere un dipendente, magari la moglie. Ma è possibile?

Il proprietario è in effetti l'unico proprietario e chi è titolare di una ditta individuale non divide il patrimonio personale con quello aziendale. In ogni caso è personalmente responsabile per qualsiasi responsabilità aziendale.

E dunque di tutta l'amministrazione del lavoro, della tenuta dei registri e delle tasse. Ha le stesse responsabilità di qualsiasi altro datore di lavoro.

Non è necessario modificare la struttura aziendale per assumere dipendenti, ma anche se è possibile avere dipendenti in una ditta individuale si può scegliere di cambiare la propria struttura aziendale e proprio il caso dell'assunzione della moglie è uno di quelli più delicati. Analizziamo quindi i dettagli e più esattamente

  • Moglie come dipendente, si può assumere o no
  • Casi e limiti esistenti assunzione moglie

Moglie come dipendente, si può assumere o no

Chi è titolare i una impresa può prendere in considerazione l'ipotesi di assunzione di un membro della famiglia, tra cui la moglie, e trattarla allo stesso modo di qualsiasi altro dipendente. Lavorare con una persona di fiducia può anche aiutare a mantenere in salute una impresa a conduzione familiare.

Nelle aziende più grandi si pone invece la questione di opportunità, legata al ruolo che la moglie andrà a ricoprire. Gli esperti di risorse umane suggeriscono ai datori di lavoro che hanno intenzione di coinvolgere la propria moglie come responsabile dell'ufficio di non avere un trattamento di riguardo, ma di considerarla un membro dello staff come tutti gli altri.

Anche se è difficile essere veramente obiettivi riguardo al tuo coniuge, occorre essere il più chiari possibili sulla posizione che andrà a ricoprire. Assumere la moglie come responsabile dell'ufficio può far scattare l'allarme negli altri membri del personale, soprattutto se a lei sarà assegnata la responsabilità esclusiva delle risorse umane. I lavoratori avranno la sensazione di avere a che fare con due capi.

Ebbene, la regola generale prevede che anche la moglie può essere assunta come dipendente dal datore di lavoro che è anche il marito.

Ma bisogna stare attenti a una serie di dettagli, a iniziare dal reale rapporto lavorativo tra le parti. Il rischio più diffuso, come dimostrato dai numerosi casi di cronaca, è che si possa trattare di assunzioni fittizie finalizzate al versamento dei contributi previdenziali.

Casi e limiti esistenti assunzione moglie

Come è facile immaginare, la questione del rapporto di lavoro tra moglie e marito è finita spesso sui tavoli del tribunali con i giudici chiamati in causa per definirne i confini.

Secondo la più recente delle sentenze della Corte di Cassazione, il marito può assumere la moglie come dipendente (e viceversa) facendo scattare un rapporto di lavoro di tipo subordinato se si avvale sistematicamente della prestazione lavorativa.

Ma anche se la persona assunta osserva l'orario di lavoro stabilito nel contratto di lavoro, è presente sul luogo di lavoro e riceve puntualmente lo stipendio concordato.

Attenzione però al caso della ditta individuale per cui l'attività lavorativa di un familiare si presume a titolo gratuito. In termini pratici l'assunzione della moglie con contratto di lavoro subordinato è considerata illegittima.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il
Puoi Approfondire
Ultime Notizie