Si può comprare una auto in contanti totalmente, solo una parte oppure è vietato

Il punto di partenza è il budget a disposizione che determina se acquistare un'auto nuova o usata e, in prospettiva, quali sono i costi di gestione.

Si può comprare una auto in contanti tot

Posso comprare un'auto solo in contanti?

Non è invece ammesso il pagamento dell'auto in contanti. O meglio, le norme in vigore consentono di farlo solo in parte ovvero fino a 2.000 euro. Oltre questa cifra non è ammesso alcuna transazione e il rischio che si corre è di andare incontro a sanzioni amministrative e alla segnalazione alle autorità competenti.

Comprare un'auto solo in contanti è un'operazione che, al di là delle norme in vigore, può essere realmente complicata. Il prezzo d'acquisto, soprattutto se si tratta di un veicolo di nuova produzione e non di un mezzo usato, è mediamente più alto rispetto ad altre spese.

Anzi, nella maggior parte dei casi si tratta dell'impegno maggiore che segue quello dell'acquisto di una casa. Ecco quindi che è improbabile che un cliente possa presentarsi a un rivenditore di auto con 10, 20 o 30.000 euro, mettere il denaro sul tavolo e andarsene con le chiavi per poi mettersi al volante dell'auto scelta.

Tuttavia per quanto difficile, nulla è impossibile perché può anche capitare che un attento risparmiatore metta diligentemente tutto il denaro da parte mese dopo mese fino al raggiungimento dell'importo necessario per presentarsi al concessionario e aspirare all'auto così desiderata. Esaminiamo allora cosa prevedono le disposizioni in vigore e dunque:

  • Posso comprare un'auto solo in contanti o no
  • La difficoltà a comprare un'auto al giusto prezzo

Posso comprare un'auto solo in contanti o no

Il punto di partenza è il budget a disposizione che determina se acquistare un'auto nuova o usata e, in prospettiva, quali sono i costi di gestione.

È fondamentale che essere realistici ovvero non spendere troppo rispetto alle proprie disponibilità per evitare di affrontare seri problemi di liquidità in seguito, nel caso in cui il reddito dovesse inaspettatamente calare. Dopo aver calcolato quanto spendere per l'acquisto dell'auto, il passo successivo è capire se sarà possibile gestirla.

Arrivati a questo punto ovvero dopo aver fatto i calcoli necessari è quindi possibile passare all'acquisto vero e proprio. Tra i sistemi più frequenti c'è il pagamento a rate così da distribuire l'impegno di spesa in più tempo. L'alternativa è pagare tutto e subito, con un assegno ad esempio.

Oppure con un bonifico bancario. Non è invece ammesso il pagamento dell'auto in contanti. O meglio, le norme in vigore consentono di farlo solo in parte ovvero fino a 2.000 euro. Oltre questa cifra non è ammesso alcuna transazione e il rischio che si corre è di andare incontro a sanzioni amministrative e alla segnalazione alle autorità competenti.

Sebbene sia possibile organizzare un prestito auto tramite un concessionario di automobili, la maggior parte dei concessionari non li concede in maniera. La maggior parte di loro agisce come intermediari, organizzandoli con istituti di credito esterni, come società di finanziamento o banche locali. Spesso realizzano un profitto supplementare aumentando il tasso di interesse applicato.

La difficoltà a comprare un'auto al giusto prezzo

Di certo c'è che l'acquisto di un'auto non è una decisione semplice per via della spesa che comporta. L'acquirente può comunque ottenere un prestito personale da una banca o da un finanziaria se la solvibilità è buona. Per cercare di contenere la spesa, il modo più semplice è acquistare un modello usato anziché un veicolo nuovo.

Quando si acquista un'auto nuova, il deprezzamento inizia dal momento in cui il veicolo lascia il salone del concessionario. Perde una quota significativa del suo valore nei primi anni di proprietà. Quando si acquista un'auto usata è il proprietario originale ad assorbire il rapido deprezzamento con il vantaggio da parte del nuovo proprietario di pagare molto meno.

Occorre però mettere in conto una maggiore manutenzione e lo stesso finanziamento potrebbe essere più costoso. Ma la scelta di un veicolo con una buona valutazione di affidabilità e bassi costi di proprietà può aiutare a risparmiare un'enorme quantità di denaro.

Acquistare e trovare l'auto usata giusta è più difficile che trovare e acquistare un'auto nuova. Quando si trova una nuova auto che soddisfa le proprie esigenze e il budget, non resta che andare in concessionaria e acquistarla.

Quando si compra un mezzo usato bisogna trovare il modello giusto ovvero uno in vendita, che abbia un chilometraggio abbastanza basso per essere interessante. Ma anche sia in buone condizioni, non abbia subito incidenti e sia stato revisionato adeguatamente. E naturalmente bisogna valutare il grado di affidabilità del venditore.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il