Si può fumare sul balcone o è vietato secondo leggi vigenti attuali

Cosa prevede la legge in tema di fumo sul proprio balcone, quando si può fare e quando è vietato: tutto quello che c’è da sapere

Si può fumare sul balcone o è vietato secondo leggi vigenti attuali

Si può fumare sul balcone di casa?

Stando a quanto previsto dalle leggi vigenti, non esiste alcun divieto di fumo sul proprio balcone di casa ma se il fumo infastidisce il vicino o i vicini perché intollerabile allora è bene prendere provvedimenti prima che il vicino si rivolga al giudice.

Non esiste alcuna legge attuale che vieta a chiunque di fumare sul proprio balcone di casa o in un luogo privato di proprietà. Tutti noi in casa nostra possiamo, infatti, fare ciò che desideriamo sempre, però, a condizione di non arrecare danno o disturbo ai nostri vicini nel caso si viva in condominio. Quali sono le leggi vigenti attuali per fumare in casa?

E' vietato o no fumare sul balcone? Le leggi in vigore antifumo

Non esistono leggi antiumo da seguire nei condomini e solitamente nemmeno i regolamenti condominiali prevedono regole in tal senso. La legge attuale vigente sul fumo è la cosiddetta legge antifumo che prevede il divieto di fumo nei locali chiusi. Sono esclusi da divieto i luoghi privati non aperti al pubblico, come la propria abitazione, per cui si può liberamente fumare in casa e in tutte le sue pertinenze. Tuttavia, è bene sapere che anche quando si è a casa propria e si decide di fumare sigarette sul balcone pur non esistendo leggi e regole di condominio che vietino di fumare in casa ci sono comunque regole da rispettare.

Stando, infatti, a quanto previsto dal codice civile, sono vietate le immissioni (che siano di calore, fumo, rumori, ecc) di qualunque tipo quando diventano intollerabili, per cui se il fumo arriva al nostro vicino e supera la normale tollerabilità, il vicino può fare ricorso al giudice chiedendo che le immissioni cessino ed anche un eventuale risarcimento dei danni, ma fumare sul balcone di casa può arrivare a creare un’immissione intollerabile solo se la quantità di sigarette fumate è notevole e il fumo proveniente da esse è talmente tanto da infastidire continuamente il vicino.

Cosa può fare un condomino disturbato dal fumo di un vicino

Nel caso in cui un condomino abbia l’abitudine del fumo troppo frequente e non faccia altro che fumare sul balcone di casa propria dando fastidio al vicino, se non rimedia alla sua condotta esagerata, potrebbe farlo davanti alla legge.

Il vicino infastidito dal fumo può rivolgersi all'Autorità Giudiziaria per chiedere che il vicino smetta di avere la sua condotta esagerata e anche un eventuale risarcimento del danno e spetta poi al giudice valutare se il fumo di sigaretta proveniente dal balcone del vicino sia davvero una immissione così insopportabile da rappresentare un serio pericolo per la salute del condomino che si è rivolto a lui e fissare un eventuale risarcimento da pagare.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie