Si può pagare un lavoro o una prestazione professionale senza soldi ma in altri modi o è vietato per leggi 2021

I lavoratori hanno diritto a percepire una retribuzione commisurata alla qualità e quantità del proprio lavoro e sufficiente a garantire uno stile di vita dignitoso.

Si può pagare un lavoro o una prestazion

Lavoro e prestazioni professionali, come pagarli senza soldi?

Tra i modi per pagare lavoro e prestazioni professionali senza soldi ci sono il cambio merce, i voucher lavoro e il baratto.

La retribuzione è alla base di ogni rapporto di lavoro o di prestazione professionale. Eppure esistono anche altri modi per compensare il lavoro svolto, anche senza il passaggio di denaro. Si tratta naturalmente di operazioni perfettamente legali. Approfondiamole insieme in questo articolo:

  • Lavoro e prestazioni professionali, come pagarli senza soldi

  • Leggi 2021 sulla retribuzione di lavoro e prestazioni professionali

Lavoro e prestazioni professionali, come pagarli senza soldi

Tra i sistemi per pagare un lavoro o una prestazione professionale senza soldi c'è innanzitutto quello dei voucher lavoro. Ciascuno di loro ha un valore nominale di 10 euro. Di questo importo, 7,5 euro netti vanno nelle tasche del lavoratore mentre il resto finanzia la copertura assicurativa Inail e quella previdenziale Inps. Dal punto di vista contributivo, i voucher sono validi ai fini della pensione Inps, ma non danno diritto alle prestazioni a sostegno del reddito, come maternità e disoccupazione.

Un altro sistema che trova da tempo spazio nel mondo del lavoro in Italia è quello del cambio merce. Applicato soprattutto nel caso di prestazioni professionali di tipo pubblicitario, si tratta di un modello economico che si basa sullo scambio diretto di beni o servizi e senza l'utilizzo di denaro. Ogni passaggio deve essere accuratamente documentato ma in ogni caso può arrivare a conclusione anche senza il passaggio di un solo centesimo di euro. Può essere parziale o totale.

Se c'è poi una definizione che è di nuovo tornata al centro dell'attenzione è quella del baratto. Prima della circolazione del denaro, le imprese operavano in un'economia di baratto, in cui beni e servizi venivano scambiati liberamente e il denaro non era un mezzo di scambio. Quei giorni sono passati, ma alcune aziende lo hanno rimesso in modo. Il baratto è uno scambio di beni e servizi tra individui, comprese le imprese.

L'aspetto importante da considerare è che tenere un registro delle transazioni, comprese le spese e il reddito ricavato. In alcun caso entra in gioco il denaro. Vale la pena ricordare l'esistenza di strutture organizzate generalmente a livello locale che hanno siti web in cui sono elencati prodotti o servizi in vendita. Si tratta quindi di un passo in più rispetto al pagamento di un lavoro o di una prestazione professionale senza soldi, con l'obiettivo di rendere più solido e diffuso il sistema del baratto.

Leggi 2021 sulla retribuzione di lavoro e prestazioni professionali

Non esiste un salario minimo né a livello nazionale né regionale. Tuttavia, i lavoratori hanno diritto a percepire una retribuzione commisurata alla qualità e quantità del proprio lavoro e, comunque, sufficiente a garantire a sé e alla propria famiglia uno stile di vita dignitoso. Nel decidere questi livelli minimi di retribuzione, il giudice tiene spesso conto dell'importo minimo della retribuzione previsto dai contratti collettivi nazionali di lavoro per i settori interessati.

Non c'è alcun limite all'orario di lavoro giornaliero in quanto tale. Tuttavia, i dipendenti hanno diritto a un periodo di riposo giornaliero di 11 ore consecutive ogni 24 ore. Ciò limita efficacemente il numero di ore che un lavoratore può lavorare in un giorno. La settimana lavorativa normale è di 40 ore e la settimana lavorativa massima è di una media di 48 ore ogni sette giorni, straordinari inclusi, calcolata su un periodo di riferimento di quattro mesi. I contratti collettivi di lavoro possono estendere questo periodo di riferimento a sei o 12 mesi, a condizione che vi siano non possano superare le 250 ore annue.

Anche senza previo accordo scritto, lo straordinario può essere richiesto per motivi specifici previsti dalla legge e dai Ccnl quali requisiti di produzione eccezionali, circostanze al di fuori del controllo dell'azienda, eventi particolari come mostre o manifestazioni. Gli straordinari devono essere compensati con un aumento del salario, sebbene i Ccnl possano stabilire che al lavoratore deve essere consentito di prendere un periodo equivalente di riposo compensativo.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il