Si può rifiutare una raccomandata o è obbligatoria ritirarla

E’ possibile rifiutarsi di ritirare una raccomandata: nessun obbligo di ritiro. Cosa prevedono norme in vigore ed effetti e conseguenze

Si può rifiutare una raccomandata o è ob

Si può rifiutare una raccomandata o è obbligatoria ritirarla?

Non c’è alcun obbligo per i cittadini di ritirare una raccomandata ma è bene sempre sapere che a prescindere dal fatto che si ritiri o meno, quando una raccomandata viene recapitata alla residenza anagrafica del destinatario e anche se non viene ritirata è considerata valida e con tutti gli effetti legali che ne derivano.


Quando si ha urgenza di inviare una comunicazione o per l’invio di atti ufficiali, ci si serve dell’invio della cosiddetta raccomandata, che permette di avere la certezza di invio del documento entro 4 giorni, permette di controllare lo stato di spedizione e che resta disponibile per 30 giorni presso l’ufficio postale di competenza nel caso di assenza e mancata consegna al destinatario.  Ma si può rifiutare una raccomandata o bisogna obbligatoriamente ritirarla?

  • Si può rifiutare una raccomandata o è obbligatoria ritirarla
  • Cosa succede se si rifiuta di ritirare una raccomandata

Si può rifiutare una raccomandata o è obbligatoria ritirarla

Ogni cittadino può rifiutare di ritirare una raccomandata che gli recapitata dal postino così come ha libera facoltà di scegliere di non andare a ritirarla alla posta. Non c’è alcun obbligo, dunque, di ritiro di una raccomandata ma è bene sempre sapere che a prescindere dal fatto che si ritiri o meno, quando una raccomandata viene recapitata alla residenza anagrafica del destinatario e anche se non viene ritirata è considerata valida e con tutti gli effetti legali che ne derivano.

Cosa succede se si rifiuta di ritirare una raccomandata

Se un cittadino rifiuta di ritirare una raccomandata, come anche in caso di assenza, essa viene depositata presso uno degli uffici postali della propria città dove resta in giacenza per un mese, periodo durante il quale il destinatario può decidere di andare a ritirare la raccomandata.

Se entro il mese di tempo disponibile in cui è possibile ritirare la raccomandata, il destinatario non la ritira, avviene la cosiddetta compiuta giacenza e la raccomandata viene restituita al mittente ma comunque si considera recapitata al destinatario, per cui di qualsiasi tipologia di raccomandata si tratti, produce effetti e conseguenze. Per esempio, se si tratta di un atto di cui non si conosce il contenuto, non si può contestarlo o se si tratta di un atto giudiziario, una multa o una cartella esattoriale, non ritirarla non esime dal pagamento richiesto.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie