Sono necessari permessi per montare grigliato su proprio balcone in condominio o non sono obbligatori

Nessun permesso obbligatorio per mettere un grigliato sul proprio balcone in condominio: cosa prevedono norme in vigore e chiarimenti

Sono necessari permessi per montare grig

Per montare un grigliato sul proprio balcone in condominio sono necessari permessi?

Stando a quanto previsto dalle norme attualmente in vigore, per montare un grigliato su cui far crescere piante rampicanti che creano un groviglio, che arreda, profuma e protegge la privacy di un balcone non è obbligatorio chiedere alcun permesso particolare al Comune, né all’amministratore di condominio e né all’assemblea. Ogni condomino può, dunque, mettere un grigliato sul proprio balcone in condominio liberamente a meno che non sia vietato dal singolo regolamento condominiale.
 

Sono necessari permessi per montare un grigliato sul proprio balcone in condominio? I grigliati sono reticolati in legno, con fioriera incorporato, costituiti da uno steccato in legno su cui possono, appunto, crescere diversi tipi di piante, come sempreverdi, o l’edera, o il falso gelsomino e che vengono messi sui balconi in condominio non solo per abbellire gli stessi balconi di ‘arredamento’ e piante ma anche per creare sistemi di protezione della tutela della privacy, considerando che si tratta di strutture che impediscono di vedere ciò che accade e si fa sul balcone di casa propria. Vediamo allora se sono obbligatori o meno permessi specifici per mettere un grigliato sul proprio balcone in condominio.

  • Permessi per montare grigliato su proprio balcone in condominio sono obbligatori o no
  • Casi in cui non si possono montare grigliati sul proprio balcone in condominio 

Permessi per montare grigliato su proprio balcone in condominio sono obbligatori o no

Stando a quanto previsto dalle norme attualmente in vigore, per montare un grigliato sul proprio balcone in condominio, su cui far crescere piante rampicanti che creano un groviglio, che arreda, profuma e protegge la privacy di un balcone, non è obbligatorio chiedere alcun permesso particolare al Comune, né all’amministratore di condominio e né all’assemblea. 

Se, inoltre, il grigliato messo sul proprio balcone in condominio dovesse essere considerato fastidioso o di intralcio ad un altro condomino, per esempio, un vicino, non è mai previsto che debba essere rimosso anche nel caso di richiesta dal vicino al diretto interessato, o all'amministratore di condomini o ad altre autorità competenti.

Le norme in vigore prevedono, infatti, che nessun condomino può pretendere la rimozione dei grigliati sul balcone in condominio, in quanto si tratta di strutture ornamentali che non rovinano o deturpano l'armonia architettonica dei fabbricati e che non possono essere considerate innovazioni, per cui nei casi di richiesta di rimozione dell'opera stessa, la tessa richiesta può essere tranquillamente respinta.

Casi in cui non si possono montare grigliati sul proprio balcone in condominio 

Si può, dunque, montare un grigliato sul proprio balcone in condominio liberamente, accertandosi prima, però, che non sia il regolamento condominiale a prevederne espresso divieto. Solo, infatti, i singoli regolamenti condominiali vietano di mettere sui balconi in condominio grigliati o simili, e in tali casi i condomini non possono montarli.

Stesso discorso vale per i regolamenti comunali. Per garantire il cosiddetto decoro architettonico degli edifici condominiali soprattutto in determinate strade e piazze o per alcuni palazzi, come quelli storici, i regolamenti comunali possono vietare l’installazione non solo di grigliati sul proprio balcone in condominio ma anche di altri addobbi o impianti, come tende da sole, o parabole, ecc. perché rovinerebbero il decoro non solo dello stabile ma dell’intera vista. 

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il