Spese condominiali sono incluse o no nel contratto di affitto. I vari casi

Quando le spese condominiali sono incluse nel contatto di affitto e come devono essere pagate dall’inquilino: i chiarimenti

Spese condominiali sono incluse o no nel

Le spese condominiali sono incluse o no nel contratto di affitto?

Generalmente le spese condominiali nei casi di una casa in affitto nel caso di contratto di locazione all'interno di un condominio sono dovute dal proprietario che può rifarsi sull’inquilino e nella quasi totalità dei casi sono incluse nel contratto di affitto e per casi di servizi e lavori specifici.

Le spese condominiale devono essere incluse nel contratto di affitto o no? Quando si stipula un contratto di affitto insieme al pagamento del canone di locazione che si pattuisce con il proprietario di casa, bisogna considerare anche eventuali spese condominiali.

Tutti i condomini sono obbligati al pagamento delle relative spese condominiali e non esistono casi in cui ci si può esentare dal versamento periodico delle spese di condominio spettanti. Vediamo allora cosa prevede il contratto di affitto per il pagamento delle spese condominiali e se e quando esse sono incluse nello stesso contratto di affitto.

  • Spese condominiali sono incluse o no nel contratto di affitto
  • Spese condominiali contratto di affitto tutti i casi

Spese condominiali sono incluse o no nel contratto di affitto

Generalmente le spese condominiali nei casi di una casa in affitto nel caso di contratto di locazione all'interno di un condominio sono dovute dal proprietario che può rifarsi sull’inquilino e nella quasi totalità dei casi sono incluse nel contratto di affitto.

Le voci, però, di canone di locazione mensile da versare e spese condominiali da pagare sono distinte e lo stesso pagamento delle spese condominiali da parte dell’inquilino può avvenire o direttamente all’amministratore di codominio o tramite il proprietario che percepisce la cifra totale di affitto e spese condominiali dall’inquilino e versa poi la dovuta quota al condominio.

Se, per esempio, è stato pattuito un canone di affitto di 650 euro più 50 euro di spese condominiali, il pagamento mensile da parte dell’inquilino può essere di complessivi 700 euro direttamente al proprietario di casa che poi, a sua volta, si occupa di versare i 50 euro di spese di condominio all’amministratore, o di 650 euro di canone di locazione al proprietario cui aggiungere i 50 euro che l’inquilino personalmente può pagare direttamente all’amministratore.

In ogni caso, le spese condominiali sono a carico dell’inquilino nei casi di case in affitto quando riguardando lavori di manutenzione ordinaria, come pulizia del condominio, manutenzione dell’ascensore e del verde del condominio, ecc, si tratta di opere che interessano l’inquilino per servizi di cui egli stesso gode.

Spese condominiali contratto di affitto tutti i casi

Come sopra anticipato, non tutte le spese condominiali possono essere a carico dell’inquilino e pertanto incluse nel contratto di affitto. I casi previsti per cui l’inquilino paga le spese condominiali riguardano lavori e servizi specifici e sono individuati dalle norme in vigore. In particolare, il pagamento riguarda:

  • spese per il servizio di pulizia;
  • spese per funzionamento e ordinaria manutenzione dell'ascensore;
  • spese per la fornitura dell'acqua;
  • spese per fornitura di energia elettrica, riscaldamento e condizionamento dell'aria;
  • spese per eventuale spurgo dei pozzi neri e delle latria;
  • spese per la fornitura di altri servizi comuni.
  • spese per il servizio di portineria.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie