Spostare la residenza nella seconda casa. I casi in cui si può fare nel 2021

Spostare la residenza nella seconda casa. I casi in cui si può fare nel 2021

Spostare la residenza nella seconda casa

Si può spostare la residenza nella seconda casa?

Non esistono casi particolari 2021 in cui sarebbe teoricamente permesso spostare la residenza nella seconda casa e, anzi, chi dichiara una falsa residenza corre rischi penali, perché implica il reato di falso in atto pubblico generalmente punito con la reclusione fino a due anni. Inoltre, per chi dichiara una falsa residenza è previsto anche l’accertamento Imu sugli ultimi 5 anni.  

Si può spostare la residenza nella seconda casa? Spostare la propria residenza nella seconda casa è una operazione che tanti fanno soprattutto per aggirare il pagamento delle tasse sugli immobili. Non è, infatti, raro che, per esempio, in una coppia il marito abbia la residenza in una casa e la moglie decida di spostarla nella seconda casa, come quella al mare, per evitare di pagare l’Imu che, come ben sappiamo, si paga solo sull’abitazione principale.

In tal caso, dunque, la casa di residenza del marito sarebbe la sua abitazione principale e la seconda casa al mare, quella della moglie. Ma si tratta di una operazione ormai nel mirino di diversi controlli fiscali. Vediamo allora se e quali sono i casi in cui si può spostare la residenza nel 2021.

  • Spostare la residenza nella seconda casa si può fare o no
  • Casi in cui si può spostare residenza nella seconda casa

Spostare la residenza nella seconda casa si può fare o no

Stando a quanto stabilito dalla Corte di Cassazione, non si può stabilire la propria residenza nella seconda casa. La legge prevede, infatti, che la residenza sia fissata dove la persona dimora stabilmente e abitualmente.

La Cassazione ha, dunque, ribadito che non si può spostare la residenza nella seconda casa, nemmeno per motivi fiscali, e per farlo non basta essere presenti a volte nella seconda casa nell’appartamento ma bisogna viverci in maniera abituale ed effettiva. Generalmente, dunque, non si può spostare la residenza nella seconda casa e, se da eventuali controlli dovesse risultare che la residenza è di fatto falsa, il Comune ha anche facoltà di revocare la stessa residenza.

Casi in cui si può spostare residenza nella seconda casa

Non esistono casi particolari 2021 in cui sarebbe teoricamente permesso spostare la residenza nella seconda casa e, anzi, chi dichiara una falsa residenza corre rischi penali, perché implica il reato di falso in atto pubblico generalmente punito con la reclusione fino a due anni. Ma non solo: per chi dichiara una falsa residenza è previsto anche l’accertamento Imu sugli ultimi 5 anni.  

Per iscriversi, dunque, all'anagrafe di un Comune bisoga fissarvi la propria dimora abituale. Considerando tale principio l'unico caso in cui si può spostare la residenza nella seconda casa è che quest'ultima diventi abitazione principale e dimora del soggetto in questione.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il