Stress riconosciuto come malattia sul lavoro da Inail. Ecco quando, tutti i casi 2020-2021 previsti

Lo stress può avere un impatto a lungo termine sulla salute fisica con concrete possibilità di ammalarsi o di subire un peggioramento della salute. Cosa prevede l'Inail?

Stress riconosciuto come malattia sul la

Tra le malattie Inail sul lavoro c'è lo stress?

Lo stress rientra tra le patologie riconosciute dall'Inail, ma con alcune differenziazioni. Non prevede infatti alcun indennizzo se il grado certificato è minore del 6%. Ma se è tra il 6% e il 15% ecco che il diritto all'indennizzo è solo per il danno biologico. Solo tra il 16% al 100% scatta il risarcimento per danno biologico e per le conseguenze patrimoniali che ne derivano.

Lo stress sul posto di lavoro è una realtà per molti dipendenti, ma è riconosciuta come malattia dall'Inail? E in quali casi? In linea generale, la combinazione di elevate esigenze in un lavoro e un basso livello di controllo può portare a stress. Si generano risposte fisiche ed emotive dannose quando c'è un conflitto tra le richieste di lavoro al dipendente e la possibilità di svolgerle.

Lo stress sul posto di lavoro può avere molte origini o derivare da un singolo evento. Può avere un impatto sia sui dipendenti che sui datori di lavoro. Si ritiene generalmente che un po' di stress vada bene ma quando si verifica in quantità che non è possibile gestire, possono sorgere cambiamenti pericolosi a livello mentali e fisico. L'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro lo sa bene ed è quindi interessante sapere quali sono le disposizioni applicate.

Lo stress riguarda le reazioni che le persone hanno di fronte alle situazioni che devono affrontare. Queste reazioni non sono le stesse da persona a persona, ma evidentemente ci sono alcuni parametri comuni per il riconoscimento di questa situazione.

Lo stress aumenta quando le persone credono che le esigenze di una situazione siano maggiori della loro capacità di affrontarla. Può impedire loro di essere produttivi e spingere alcuni lavoratori ad affrontare il problema. Il che potrebbe peggiorare la situazione e aumentare lo stress per loro e per chi sta attorno. Quando sono molto stressati, potrebbero avere difficoltà a concentrarsi, prendere decisioni e sentirsi sicuri.

E il tutto si traduce in sudorazione, battito cardiaco accelerato o muscoli tesi, ma anche mal di testa e stanchezza. Lo stress può infatti avere un impatto a lungo termine sulla salute fisica con concrete possibilità di ammalarsi o di subire un peggioramento della salute. Vediamo quindi

  • Tra le malattie Inail sul lavoro c'è lo stress
  • Casi 2020-2021 previsti di stress sul lavoro

Tra le malattie Inail sul lavoro c'è lo stress

Non esiste una sola causa di stress sul posto di lavoro ma è certo che di stress ci si può ammalare e rientra infatti tra le patologie riconosciute dall'Inail. Ciascun lavoratore ha una differente vita professionale e personale e fattori diversi fattori possono influenzare le proprie reazioni alle condizioni sul posto di lavoro. Tuttavia, alcune situazioni hanno comunemente un impatto maggiore in termini di stress sul posto di lavoro.

Alcuni esempi includono il sovraccarico e il ritmo di lavoro, il tempo assegnato per completare un'attività, la mancanza di formazione o di preparazione, l'isolamento sul posto di lavoro. Lo stress può avere un impatto sulla salute generale con gli effetti generali che includono mal di testa, tensione muscolare, dolore al petto, aumento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna, sistema immunitario indebolito, problemi di stomaco e digestivi, aumento del colesterolo e degli acidi grassi nel sangue per i sistemi di produzione di energia. Di conseguenza può influenzare l'umore o il modo di pensare in termini di ansia, irrequietezza, irritabilità, capacità difensiva, sbalzi d'umore, ipersensibilità, rabbia e diminuzione della capacità di concentrarsi.

Esistono molte strategie che possono aiutare a controllare lo stress e ridurne l'impatto su una persona o sul posto di lavoro. E poiché le cause dello stress sul posto di lavoro sono variabili, cambiano anche le strategie per ridurlo o prevenirlo. In linea di massima una buona progettazione del lavoro si adatta alle capacità mentali e fisiche di un dipendente.

Casi 2020-2021 previsti di stress sul lavoro

L'Inail riconosce lo stress come malattia ma con alcune differenziazioni. Non prevede infatti alcun indennizzo se il grado certificato è minore del 6%.

Ma se è tra il 6% e il 15% ecco che il diritto all'indennizzo è solo per il danno biologico. Solo tra il 16% al 100% scatta il risarcimento per danno biologico e per le conseguenze patrimoniali che ne derivano. Ci sono molti modi per essere proattivi quando si affronta lo stress.

L'idoneità mentale, l'adozione di misure salutari, la formazione per la gestione dello stress e i servizi di consulenza possono essere utili ai lavoratori. Ma di certo è importante andare alla ricerca della radice dello stress e prendere provvedimenti per affrontarli.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il
Puoi Approfondire
Ultime Notizie