Tasse 2020 su acquisto e vendita terreno agricolo. Quali sono e chi le deve pagare

Imposta di registro, di bollo, catastale, ipotecaria e non solo: quali sono le tasse da pagare per acquisto e vendita di un terreno agricolo

Tasse 2020 su acquisto e vendita terreno

Chi deve pagare le tasse 2020 per acquisto e vendita di un terreno agricolo?

Generalmente le tasse per acquisto e vendita di un terreno agricolo sono a carico di chi acquista. Secondo previsto dalle norme in vigore, chi vende non è soggetto al pagamento di alcuna tassa, mentre chi acquista un terreno agricolo deve pagare le dovute imposte ipotecarie, catastali e di registro.

Vendita e acquisto di un terreo agricolo e tasse: l’acquisto di un terreno agricolo prevede, come per ogni altro immobile, il pagamento di tasse che nella maggior parte dei casi sono a carico di chi lo acquista. Nella maggior parte dei casi, infatti, chi vende un terreno non è tenuto al pagamento di alcuna tassa, e, anzi, ottiene un guadagno grazie alla cosiddetta plusvalenza, cioè l’aumento di valore tra l’acquisto e la vendita.

La plusvalenza viene, infatti, tassata solo in alcuni casi e per quanto riguarda in particolare terreni agricoli, viene tassata in determinate ipotesi, al contrario di quanto avviene per i terreni edificabili, per cui è invece sempre tassata. Vediamo ora quali sono le tasse 2020 previste per acquisto e vendita di un terreno agricolo.

  • Tasse 2020 su acquisto e vendita terreno agricolo quali sono
  • Tasse 2020 su acquisto e vendita terreno agricolo chi deve pagare

 
Tasse 2020 su acquisto e vendita terreno agricolo quali sono

Le tasse che devono essere pagate per acquisto e vendita di un terreno agricolo 2020 sono diverse e prevedono:

  • imposta di bollo;
  • Irpef;
  • imposta sul reddito se il venditore è una persona fisica o una società semplice in regime di trasparenza fiscale;
  • Ires se il venditore è una società commerciale;
  • imposta di registro, che è del 9% per terreni agricoli e relative pertinenze vendute da privato o impresa a coltivatore diretto o Iap ed è del 15% per terrei agricoli venduti da privato o da impresa ad un soggetto diverso dall'imprenditore agricolo professionale;
  • imposta catastale, che ha un costo di 50 euro;
  • imposta ipotecaria, che ha un costo di 50 euro;
  • spese per le visure catastali, per cui è previsto il pagamento dei tributi speciali catastali, il cui importo dipende da visure in modalità telematica o visure non su base convenzionale.

Tasse 2020 su acquisto e vendita terreno agricolo chi deve pagare

La vendita di terreni agricoli produce una plusvalenza le cui relative tasse previste devono essere pagate dal venditore del terreno agricolo se lo stesso terreno è stato acquistato da meno di cinque anni.

La plusvalenza si calcola come differenza tra il prezzo di vendita e il prezzo di acquisto, aumentato con la somma degli altri costi come imposte pagate sull’acquisto, spese notarili per l’atto di acquisto, ecc. La plusvalenza deve essere inserita in dichiarazione dei redditi del venditore e prevede una tassazione in base ad aliquote progressive in base al reddito complessivo.

Nell'imposta di registro per terreni agricoli 2020 confluiscono le tasse per trascrizione ipotecaria, imposta di bollo, catastale e tributi speciali che non devono essere, pertanto, pagate da coloro che decidono di comprare un terreno agricolo.  

Generalmente le tasse per acquisto e vendita di un terreno agricolo sono a carico di chi compra il terreno agricolo. Stando, infatti, a quanto previsto dalle norme in vigore, chi vende non è soggetto al pagamento di alcuna tassa, mentre chi acquista un terreno agricolo deve pagare le dovute imposte ipotecarie, catastali e di registro.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie