Tende da sole diverse per colori e misure in condominio è possibile o no. Legge e normativa

Quando le tende da sole in condominio devono essere tutte uguali e cosa fare per averle diverse: regole e procedure

Tende da sole diverse per colori e misure in condominio è possibile o no. Legge e normativa

Si possono installare tende da sole diverse in condominio?

In linea generale ogni condomino può scegliere le tende da sole da installare sul proprio balcone o terrazzo ma quando vi sono particolari regolamenti o accordi condominiali per farlo, deve chiedere permesso all’assemblea condominiale.

 

Le tende da sole proteggono balconi, finestre, terrazzi, giardini da sole e calore ma anche da eventuali sguardi indiscreti di vicini o passanti curiosi e, oltre a contribuire alla efficienza energetica dei palazzi, impedendo ai raggi solari di riscaldare troppo gli ambienti nei periodi dell’anno più caldi, rappresentano un elemento di decoro della facciata dell’edificio.

Proprio per questo motivo, non è possibile installare tende da sole sul proprio balcone o sul proprio terrazzo senza conoscere il Regolamento del condominio. Quest’ultimo, infatti, spesso prevede che le tende da sole abbiano per tutti i condomini le stesse caratteristiche estetiche, da colori a misure. Vediamo cosa prevede la legge in tema scelta di tende da sole in condominio.

Richiesta installazione tenda da sole

Per l’installazione di tende da sole sul proprio balcone, non esiste alcuna regola che le vieta a meno che non sia il Comune o il regolamento condominiale a stabilire regole diverse. Per mettere tende da sole, in linea generale, non è necessaria nemmeno alcuna delibera per il permesso né alcuna imposizione su misura, modello o colore.

Per questi elementi, dalla richiesta di permesso a colore, misura, modello bisogna fare specifica richiesta nel caso in cui sussista una particolare normativa comunale in merito o un regolamento o accordo condominiale che definiscano come devono essere e come devono essere installate le tende da sole.

In questi casi bisogna presentare all’assemblea condominiale richiesta di installazione delle tende da sole e relativo modello e colore e ottenere da essa l’autorizzazione all’installazione. A meno che il regolamento condominiale non imponga tende da sole uguali per tutti, la scelta deve comunque ricadere su colori e modelli di tende da sole che non ledano il decoro dell’edificio.

Una volta installate le tende da sole, bisogna comunicare in via telematica la scheda descrittiva dell’intervento sul sito online dell’ENEA (Agenzia Nazionale Efficienza Energetica), l’ente che promuove il risparmio energetico del territorio. Per inviare la comunicazione ci sono 90 giorni di tempo dalla fine dei lavori.

Tende da sole condominio normativa

In qualsiasi condominio la tenda da sole debba essere installata, a prescindere dal regolamento condominiale che ne stabilisce, o meno, modello, colore e misura, è sempre necessario che abbia marchio CE, nome e indirizzo del fabbricante e che sia provvista di manuale di uso e manutenzione. Inoltre, come per legge stabilito, i tessuti per le tende da esterno devono essere resistenti a strappi e agenti atmosferici, come acqua o gelo; capaci di schermare i raggi solari, resistenti a muffe e impermeabili.

In ogni caso, la normativa per l’installazione di tende da sole in condominio prevede che le stesse siano uguali per tutti e nel caso in cui un condomino voglia installarle di diverso colore o misura deve prima chiedere il permesso all’assemblea dei condomini.

Tende da sole condominio cassazione

Tuttavia, stando a quanto recentemente stabilito dal Tribunale di Napoli, anche se in linea generale ogni condomino può scegliere le tende da sole per il proprio balcone, considerando che si tratta di una proprietà privata ed esclusiva, considerando la regola secondo cui non bisogna alterare l’estetica del palazzo, vi sono dei limiti alla libera e autonoma scelta delle tende da sole da parte dei condomini.

A limitare questa scelta ci sono il regolamento di condominio di tipo contrattuale, redatto dal costruttore dell’immobile e fatto approvare dai singoli acquirenti all’atto del rogito; e un accordo sottoscritto da tutti i condomini che può prevedere l’installazione di tende assolutamente tutte uguali.

Per installare tende da sole diverse da quelle degli altri condomini, dunque, bisogna chiedere permesso all’assemblea ma solo se sussistono limiti, come appena detto, importi da regolamento o accordo condominiale.

Inoltre, la Corte di Cassazione, esprimendosi sul concetto di decoro, ha specificato che perché un edificio sia di decoro non servono particolari fregi e decorazioni, ma solo la presenza di una linea armonica anche se molto semplice.

Cambiare colore alle tende da sole e regolamento condominiale colore tende da sole

Fermo restando, dunque, che un condominio è libero di scegliere le proprie tende da sole da installare a meno che non vi sia un regolamento o accordo condominiale che ne limiti la scelta libera, e fermo restando il concetto di decoro dell’edificio, il colore delle tende dovrebbe in ogni caso considerare il colore della facciata dello stesso edificio, in modo tale da dar vita ad un abbinamento cromaticamente armonico e non eccentrico.

Questo vale se si possono scegliere tende da sole da installare sul proprio balcone in maniera autonoma, altrimenti la scelta obbligata sarà quella di installazione di tende da sole dello stesso colore già usato dagli altri condomini.

Se, infatti, il regolamento condominiale approvato a maggioranza dall’assemblea o all’unanimità ha deciso per l’adozione di un determinato colore per le tende da sole, tutti i condomini devono attenersi all’installazione di tende da sole che siano di quel colore e non diverso.

Ti è piaciuto questo articolo?







Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie