Tettoia, permesso necessario per costruzione o no. Quando e quali per leggi vigenti

Come e quando necessario avere il permesso per costruire una tettoia e quando non necessario: chiarimenti e informazioni

Tettoia, permesso  necessario per costruzione o no. Quando e quali per leggi vigenti

E necessario il permesso per costruire una tettoia?

Sì: la realizzazione di una tettoia prevede l’obbligo di permesso da parte del Comune, altrimenti si considera abuso edilizio e colui che l’ha fatta realizzare va incontro a procedimenti anche penali. Solo se la tettoia è di minime dimensioni e non crea volumetria non ha obbligatoriamente bisogno del permesso di costruire.

 

Per la realizzazione di tettoie è sempre necessario il permesso: considerando, infatti, che la tettoia fa volumetria per la sua costruzione è obbligatoria l’autorizzazione da parte del Comune. Solo se e quando la tettoia è di minime dimensioni non è necessario richiedere il permesso di costruzione al Comune. Cerchiamo di chiarire quando e come è necessario il permesso dal Comune per la realizzazione di una tettoia.

Tettoia: come viene definita

Per definizione, una tettoia è una struttura rigida che può essere ancorata ai muri dell'appartamento, aumentando lo spazio vivibile all’esterno della casa e può essere realizzata in vari materiali, o può essere movibile. Nel caso di opera edilizia fissa, per essere costruita deve avere un permesso costruttivo o una DIA, ed essendo spesso una struttura di grandi dimensioni deve rispettare le regole dettate dalla Sopraintedenza competente in materia di rispetto delle distanze tra edifici limitrofi ed aree vincolate.

Permesso obbligatorio per costruzione tettoia

Stando a quanto previsto dalle leggi vigenti, per costruire una tettoia è necessario avere il permesso da parte del Comune considerando che le tettoie di grandi dimensioni che creano volumetria rappresentano l’aggiunta di un elemento strutturale dell’edificio, con modifica del prospetto, per cui la sua costruzione richiede il permesso di costruire, soprattutto se di carattere permanente, come le tettoie per riparo per autoveicoli.

Il permesso necessario per la costruzione di una tettoia deriva dal fatto che essa rappresenta una costruzione vera e propria, che essendo tale incide sui parametri urbanistici e in mancanza del permesso il Comune può decidere anche per una sanzione demolitoria.

Le leggi vigenti sull'obbligo di permesso di costruire quando si tratti di un ‘manufatto edilizio’ possono essere modificate da eventuali normative regionali o comunali, che possono legiferano quali cambiamenti dell’uso di immobili o di loro parti devono avere necessariamente il permesso di costruire o la SCIA (segnalazione certificata di inizio attività).

Tettoia in condominio: regole

Anche le tettoie che vengono realizzate in condominio devono avere il permesso, come previsto anche per l'installazione di telecamere in condominio per cui è però necessaria l'autorizzazione da parte dell'assemblea, e devono anche rispettare determinati criteri. La tettoia costruita su un condominio, pur avendo l’autorizzazione dal Comune, non deve pregiudicare la stabilità e il decoro architettonico dell’edificio e non deve violare le norme sulle distanze minime.

In riferimento a quest’ultimo criterio è bene precisare che la distanza minima tra tettoie è di tre metri, che vengono calcolati dai muri delle case cui le tettoie sono ancorate se le tettoie sono abusive e dall’ultimo centimetro delle tettoie se le tettoie sono regolarmente autorizzate.

Quando si possono costruire tettoie senza permesso

Esistono casi eccezionali che permettono di costruire una tettoia senza necessità di permesso alcuno: è il caso di tettoie di così piccole dimensioni che non creano né nuovo spazio vivibile né apportano modifiche urbanistiche, come le coperture di pochi centimetri sulla porta di casa, o le tettoie movibili.

Stando alle leggi vigenti, anche una tettoia realizzata a copertura di un terrazzo, anche se di grandi dimensioni, non necessita di un permesso di costruire e non deve essere demolita anche se l’opera è stata realizzata senza titolo edilizio.

Ti piaciuto questo articolo?







Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il
Ultime Notizie