Tfr (o TFS) anticipato per dipendenti privati e statali, tutti i motivi aggiornati per cui può essere dato nel 2022

In quali casi e chi può chiedere e ottenere un anticipo di Tfr o Tfs: motivi previsti dalla legge

Tfr (o TFS) anticipato per dipendenti pr

Quali sono i motivi 2022 aggiornati per avere Tfr (o TFS) anticipato per dipendenti privati e statali?

I motivi per cui un lavoratore dipendente, pubblico o privato, può chiede un anticipo di Tfs o Tfr sono diversi e specifici e, secondo quanto stabilito dalle leggi attuali, sono per sostenere importanti spese sanitarie o mediche, per acquisto prima casa per sè stessi o per i figli o per lavori di ristrutturazioni delle stesse, per ulteriori motivi personali, che non devono essere motivati obbligatoriamente dal lavoratore al datore di lavoro. In realtà, stando a quanto previsto dalle leggi, si può richiedere un anticipo del Tfr o Tfs anche senza motivazione obbligatoriamente. 
 

Quali sono i motivi 2022 aggiornati per avere Tfr (o TFS) anticipato per dipendenti privati e statali? Tfr (Trattamento di fine rapporto per lavoratori dipendenti privati) e Tfs (Trattamento di fine servizio per lavoratori dipendenti pubblici) sono somme di denaro che ogni lavoratore dipendente accumula nel corso della sua vita lavorativa, ogni anno, presso lo stesso datore di lavoro o ente, che viene versato dal datore di lavoro, e che può essere liquidato solo al momento della cessazione del rapporto di lavoro per qualsiasi motivo.

  • Motivi 2022 aggiornati per avere Tfr (o TFS) anticipato per dipendenti privati e statali
  • Tfr (o TFS) anticipato per dipendenti privati e statali chi può averlo per diversi motivi

Motivi 2022 aggiornati per avere Tfr (o TFS) anticipato per dipendenti privati e statali

I motivi per cui un lavoratore dipendente, pubblico o privato, può chiede un anticipo di Tfs o Tfr sono diversi e specifici e, secondo quanto stabilito dalle leggi attuali, sono i seguenti:

  • per sostenere importanti spese sanitarie o mediche;
  • per acquisto prima casa per sè stessi o per i figli o per lavori di ristrutturazioni delle stesse;
  • per ulteriori motivi personali, che non devono essere motivati obbligatoriamente dal lavoratore al datore di lavoro.

In realtà, stando a quanto previsto dalle leggi, si può richiedere un anticipo del Tfr o Tfs anche senza obbligo di fornire una motivazione potendo, però, avere in tal caso massimo fino al 30% dell’importo di Tfr maturato, ma non è detto sempre che il datore di lavoro accetti la richiesta di anticipo del Tfr, perché i datori di lavoro hanno sempre la libertà e facoltà di negare l’anticipo richiesto del Trattamento.

In base al motivo per cui si chiede un anticipo del Tfs o Tfr, viene concesso un importo in percentuale fissa in base alla somma maturata di Trattamento di fine rapporto fino al momento di presentazione della domanda di anticipo.

Le percentuali di anticipo di Tfr o Tfs che possono essere erogate in base ai motivi sono le seguenti:

  • fino al fino al 70% dell'importo del Tfr o Tfs maturato al momento della richiesta per acquisto prima casa per sé o per i figli;
  • fino al 70% dell'importo del Tfr o Tfs maturato al momento della richiesta per importanti spese sanitarie o mediche da sostenere e interventi straordinari; 
  • fino al 30% dell'importo del Tfr o Tfs maturato al momento della richiesta per ulteriori motivi personali, per esempio sostenere una spesa extra, o per matrimonio, ecc.

Tfr (o TFS) anticipato per dipendenti privati e statali chi può averlo per diversi motivi

A prescindere dal motivo per cui si chiede, possono richiedere l’anticipo di Tfs o Tfr non tutti i lavoratori dipendenti ma solo coloro che soddisfino particolari condizioni al momento della richiesta di Tfs o Trf anticipato al datore di lavoro e che sono, nel dettaglio:

  • aver maturato almeno 8 anni di anzianità lavorativa;
  • giustificare eventuali spese mediche o sanitarie per terapie e interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche; 
  • documentare le spese sostenute per l’acquisto della prima casa o ristrutturazione;
  • non aver mai presentato prima altra domanda di richiesta di anticipo del Tfr.





Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il