Tfr, stipendi e crediti non pagati alla badante devono essere versati da parenti. Ecco da chi con nuove regole 2021

Tfr, stipendi e crediti non pagati alla badante devono essere versati da parenti. Ecco da chi con nuove regole 2021

Tfr, stipendi e crediti non pagati alla

Chi paga Tfr, stipendi e altri crediti non pagati alla badante?

Stando a quanto previsto dalle nuove regole 2021, nel caso di morte della persona assistita tocca ai parenti eredi conviventi con la stessa pagare alla badante eventuali crediti non pagati, come Tfr e stipendi. Dagli eredi non conviventi con la persona assistita, la badante non può pretendere il pagamento di eventuali crediti retributivi e contributivi.

Il contratto badanti prevede, esattamente come per ogni altro ccnl, regole specifiche relative a pagamenti di stipendi in base a Livello di inquadramento della lavoratrice, Trf e tutti gli altri aspetti che disciplinano un contratto di lavoro. La domanda che spesso ci si pone è cosa cambia per le badanti quando la persona che assistono muore e a chi spetta il pagamento di crediti di non pagati. Vediamo chi deve pagare Tfr, stipendi e crediti non pagati alla badante.

  • Pagamento Tfr, stipendi e altri crediti non pagati alla badante da eredi conviventi
  • Pagamento Tfr, stipendi e altri crediti non pagati alla badante da eredi non conviventi

Chi paga Tfr, stipendi e altri crediti non pagati alla badante

Partendo dal Tfr, Trattamento di fine rapporto, se la persona assistita dalla badante muore, è bene sapere che, stando alle nuove regole 2021, il versamento del dovuto Tfr alla badante non viene meno ma tocca ai parenti della persona assistita provvedere al dovuto pagamento.

Se, infatti, la persona assistita scompare, il rapporto di lavoro può cessare, ma coniugi, familiari coabitanti, ma anche persone unite da unione civile o legate da una stabile convivenza sono obbligati, per legge, al versamento di crediti di lavoro dovuti alla badante e maturati, da Tfr a stipendio.

Precisiamo che solo i parenti coabitanti presenti sullo stato di famiglia sono obbligati in solido per i crediti di lavoro maturati dalla badante fino alla momento del decesso della persona assistita, perchè il familiare convivente con la persona assistita entra comunque nel rapporto di lavoro domestico tanto da fruire seppur in minima parte della prestazione della badante.

Gli eredi conviventi risultano pertanto responsabili di pagamenti di eventuali debiti retributivi e previdenziali dovuti alla badante.

Pagamento Tfr, stipendi e altri crediti non pagati alla badante da eredi non conviventi

Ai parenti eredi non conviventi con la persona assistita, invece, la badante non può chiedere il pagamento di eventuali crediti retributivi e contributivi. Stando a quanto previsto dalle regole 2021, se la persona assistita muore, l’erede non convivente non è tenuto al pagamento di eventuali crediti della badante da accertare, come quelli retributivi, ma solo di crediti già dovuti, come Tfr, ferie non godute.

Tuttavia, sempre stando alle regole nuove in vigore, il pagamento di eventuali crediti alla badante alla morte della persona assistita dipende dal fatto se gli eredi, che siano conviventi o non conviventi, accettano o meno l’eredità, compresi i relativi debiti.

Se, infatti, l’erede, sia convivente sia non, accetta l’eredità accetta anche, come previsto dalla legge, tutti gli eventuali debiti presenti, compresi quelli relativi a crediti nei confronti di una badante che si è occupata dell’assistenza della persona deceduta fino alla fine.

Se, invece, l’erede decide di non accettare l’eredità, non ottiene nulla del patrimonio della persona scomparsa e non si accolla, di conseguenza, nemmeno debiti ed eventuali crediti dovuti alla badante.
 

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il