Una vedova può adottare un bambino o un ragazzo in Italia secondo leggi 2021

Non c’è possibilità per le vedove di adottare in Italia se non in casi particolari ed eccezionali previsti dalla legge: regole in vigore e chiarimenti

Una vedova può adottare un bambino o un

Una vedova può adottare o no un bambino o un ragazzo in Italia?

Stando a quanto previsto dalle leggi 2021, una donna rimasta vedova, al pari di una donna single, non può adottare bambini italiani o stranieri in Italia, perché, per legge, possono adottare un bambino o un ragazzo solo a coppie eterosessuali e coniugate e a condizione di soddisfare determinati requisiti. Tuttavia, sempre la legge prevede casi eccezionali e particolari che permettono ad una vedova di adottare un bambino o un ragazzo in Italia per garantire il suo benessere e soprattutto il suo equilibrio psico-affettivo.
 

Una vedova può adottare un bambino o un ragazzo in Italia? Le leggi 2021 sulle adozioni nel nostro Paese, sia nazionali che internazionali, sono molto chiare ma anche ferree e stabiliscono precisi e stringenti requisiti per poter essere considerati idonei all’adozione. 

La procedura di adozione di un bambino o un ragazzo in Italia è molto lunga e prevede diversi passaggi, implicando, nel caso di adozioni internazionali, anche costi molto elevati. E’ bene sapere che non tutti coloro che desiderano adottare un bambino o un ragazzo possono poi effettivamente farlo. Vediamo allora se e quando una vedova può adottare un bambino o un ragazzo in Italia.

  • Una vedova può adottare o no un bambino o un ragazzo in Italia
  • Casi particolari ed eccezioni vedova può adottare un bambino o un ragazzo in Italia


Una vedova può adottare o no un bambino o un ragazzo in Italia

Stando a quanto previsto dalle leggi 2021, una donna rimasta vedova non può adottare bambini italiani o stranieri in Italia. Le leggi 2021 permettono, infatti, di adottare un bambino o un ragazzo solo a coppie eterosessuali e coniugate a condizione di soddisfare determinati requisiti che sono:

  • essere sposati da almeno tre anni; 
  • rispettare determinati limiti di età che sono per il membro più giovane della coppia una differenza di età non inferiore ai 18 e non superiore ai 45 anni rispetto al figlio adottivo, con eventuali eccezioni in tal senso se il piccolo soffre di qualche malattia, o se i coniugi hanno figli, o se si parla di adozione di un fratello o una sorella di un minore già adottato dalla stessa coppia.

Casi particolari ed eccezioni vedova può adottare un bambino o un ragazzo in Italia

Nonostante le leggi generali non consentano l’adozione a persone single e vedove, la legge sull'adozione prevede la possibilità di adottare un bambino anche se non sussistono tutti i requisiti richiesti ma solo ed esclusivamente in casi particolari, permettendo così anche ad una vedova di adottare un bambino o un ragazzo in Italia.

Una vedova può, infatti, avere la possibilità di adottare un bambino o un ragazzo in Italia, pur essendo rimasta sola, in casi particolari e specifici previsti dalla legge che agiscono solo per la tutela del benessere e della stabilità del minore.

I casi particolari in cui una vedova può adottare un bambino o un ragazzo in Italia sono i seguenti:

  • quando il bambino è disabile (sotto l’aspetto fisico o psichico) ed è orfano di entrambi i genitori;
  • quando il bambino è orfano dei genitori e l’adottante ha già un rapporto affettivo stabile con lui, sia per legami di parentela e sia per legami di profonda amicizia;
  • quando i genitori per varie difficoltà non possono occuparsi adeguatamente del bambino o del ragazzo.

In questi casi, se l’obiettivo primario delle adozioni e di qualsiasi altra misura per bambini e minori è quello di pensare e agire solo ed esclusivamente nell’interesse del minore, una vedova può adottare un bambino o un ragazzo se ha condizioni economiche tali da garantirgli una buona vita o se ha già con lui un profondo legame affettivo che sarebbe meglio preservare e coltivare per il benessere del bambino stesso. 

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il