Veranda in condominio limiti e divieti per costruzione secondo ultime sentenze Cassazione 2021

Permesso di costruire dal Comune, comunicazione all’amministratore di condominio, verifica di quanto previsto da singolo regolamento condominiale: limiti a costruzione verande in condominio

Veranda in condominio limiti e divieti p

Quali sono limiti e divieti per costruire verande su balconi in condominio?

Stando a quanto stabilito da recenti sentenze della Corte di Cassazione 2021, sono diversi limiti e divieti da rispettare per costruire verande su balconi in condominio, a partire dall’obbligo di chiedere al Comune di competenza il relativo permesso di costruire, all’eventuale divieto di realizzare verande in condominio che può essere contenuto nei singoli regolamenti condominiali. 
 

Le norme in vigore permettono ai proprietari di case in condominio di poter realizzare verande sul proprio balcone per ottimizzare gli spazi, creare nuovi ambienti in casa in cui poter vivere e avere a disposizione una superficie maggiore interna alla casa da sfruttare. 

Esistono tuttavia regole precise da rispettare se si decide di costruire una veranda sul proprio balcone in condominio e limiti e divieti di costruzione delle verande previsti dalle ultime sentenze della Cassazione 2021. Vediamo quali sono.

  • Veranda in condominio limiti e divieti per costruzione secondo Cassazione
  • Ulteriori divieti per costruzione veranda in condominio

Veranda in condominio limiti e divieti per costruzione secondo Cassazione

Le ultime sentenze della Corte di Cassazione 2021 su limiti e divieti per la costruzione di verande sul balcone della propria casa in condominio stabiliscono innanzitutto l’obbligo per chi decide di fare una veranda di avere dal Comune di competenza il relativo permesso di costruire perché, come affermato dai giudici, i lavori di chiusura di un balcone circondato da muri perimetrali in veranda non costituiscono intervento di manutenzione straordinaria, di restauro o pertinenziale, ma sono lavori soggetti a concessione edilizia e attualmente a permesso di costruire.

La veranda sul balcone in condominio non rientra nell'elenco delle opere cosiddetta in regime di edilizia libera, cioè lavori che si possono realizzare senza necessità di alcun permesso, perché è un lavoro di ampliamento della volumetria dell'unità abitativa di pertinenza, per cui è necessario chiedere al Comune dove si trova l’immobile in cui costruire la veranda il permesso di costruire.

Insieme all’obbligo più volte ribadito di chiedere il permesso di costruire, la Cassazione ha anche affermato che ulteriori limiti alla realizzazione di una veranda su un balcone di una casa in condominio possono essere fissati dal rispetto del decoro architettonico dell’edificio. La costruzione di una veranda su un balcone in condominio può avvenire, infatti, solo a condizione che la stessa non alteri il decoro architettonico dello stabile condominiale. In caso contrario, è vietato costruire una veranda su un balcone in condominio.

Inoltre, secondo la Cassazione, considerando che le verande per essere ben salde al balcone devono essere fissate alla parte inferiore del balcone sovrastate, per effettuare quest’intervento bisogna chiedere l’autorizzazione al condomino proprietario dell’appartamento sovrastante, e se la veranda si sviluppa in obliquo è necessario che non intralci la veduta dall’appartamento superiore e essere costruita 3 metri sotto la soglia del balcone di sopra. 

E’ bene, infine, sapere che quando si decide di costruire una veranda su un balcone di una casa in condominio, trattandosi di un lavoro che interessa comunque la proprietà condominiale, seppur singola, bisogna sempre comunicare all’amministratore di condominio il lavoro che si sta andando a realizzare.

Ulteriori divieti per costruzione veranda in condominio

Insieme ai limiti stabiliti dalla Cassazione per la costruzione di verande su balconi in condominio relativi soprattutto ai permessi edilizi necessari da avere, è bene sapere che un ulteriore limite o divieto alla costruzione di una veranda in condominio può essere fissato dal singolo regolamento condominiale.

Se, infatti, è vero che ogni condomino proprietario di una casa in condominio può costruire una veranda sul proprio balcone, previo ottenimento del permesso di costruire dal proprio Comune, è anche vero che è vietato costruire una veranda in condominio, a prescindere dal permesso di costruire dal Comune, se è il singolo regolamento condominiale di origine contrattuale a prevedere tale divieto. 

Se, dunque, il regolamento condominiale prevede il divieto di realizzare verande su balconi in condominio, nessun condominio può costruirne una.

Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il