Voltura auto: come fare il passaggio di proprietà?

Procedure, regole e tempi per effettuare il passaggio di proprietà auto: di cosa si tratta e costi per effettuare la voltura auto

Voltura auto: come fare il passaggio di proprietà?

Cos’è il passaggio di proprietà?

Il passaggio di proprietà auto è uno dei documenti auto obbligatori per legge che permette di registrare negli archivi pubblici il nuovo proprietario di una vettura, in modo da potergli attribuire tutte le responsabilità legali, civili e penali derivanti dal possesso di un veicolo. Si tratta di un documento che prevede un costo del passaggio sia per venditore che per compratore.

 

Nel momento in cui si decide di acquistare un’auto nuova, l’acquirente deve registrare il passaggio di proprietà, documento obbligatorio per legge che riconosce le eventuali responsabilità civili e penali dal proprietario della vettura. Sono due le procedure che si possono scegliere per fare il passaggio di proprietà auto, rivolgersi ad un’agenzia pratiche veicoli, cui insieme al costo effettivo della pratica bisognerà pagare anche relativa tariffa per il servizio offerto, o procedere da soli. In ogni caso è necessario presentare dei documenti.

Passaggio di proprietà auto: documenti necessari per la voltura

Per effettuare la voltura auto è, infatti, necessario presentare i seguenti documenti:

  1. documento di identità e il codice fiscale dell’acquirente;
  2. certificato di Proprietà (CdP);
  3. carta di circolazione originale e una fotocopia della stessa;
  4. documento di identità del venditore;
  5. modulo TT2119, per la richiesta di aggiornamento della carta di circolazione e gratuita presso gli sportelli telematici dell’automobilista (STA) presenti su tutto il territorio nazionale.

Per effettuare il passaggio di proprietà di automobili cointestate è necessaria la presenza di tutti i proprietari della vettura in modo da apporre la propria firma sul documento, mentre se si tratta dell’acquisto di un’auto intestata ad un defunto bisognerà fare una pratica in più.

Passaggio di proprietà auto: costi previsti

Effettuare il passaggio di proprietà di un’auto ha un costo, e non indifferente in alcuni casi. Per l’attuazione di questa procedura, infatti, servono:

  1. 27 euro per emolumento ACI;
  2. 32 euro di imposta di bollo per la presentazione dell’atto al PRA e il rilascio del CdP (certificato di Proprietà), ma si può arrivare anche a 48 se l’atto non è redatto sul CdP;
  3. 16 euro per l’imposto di bollo per il rilascio dell’aggiornamento della Carta di Circolazione;   
  4. 9 euro per i diritti ex MCTC.

Sommando tutti i costi fissi previsti di arriva ad un costo complessivo di 84 euro cui aggiungere poi l’Imposta Provinciale di Trascrizione (Ipt), che varia in base ai Kw/cavalli del veicolo e alla provincia di residenza dell’acquirente.

Passaggio di proprietà auto: tempi e sanzioni

Il passaggio di proprietà auto oggi può avvenire in un solo giorno, compresi pagamenti. Il passaggio idi proprietà deve essere registrato al PRA entro 60 giorni dall’atto di vendita e chi non rispetta questo termine è soggetto ad una multa del 30% dell’IPT dovuta, oltre al pagamento della stessa IPT non versata e agli interessi. Se, invece, si provvede alla registrazione entro 75 giorni la multa è l’1% dell’IPT per ogni giorno di ritardo mentre entro 90 giorni la multa è del 15% oltre agli interessi. Oltre le multe si rischia anche il ritiro della carta di circolazione.

Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il