Bollo auto 2019 esenzioni in Lazio. Quando si può non pagare o pagare meno

Esenzione per tre anni dalla data di immatricolazione anche per le auto di nuova immatricolazione con alimentazione ibrida o con alimentazione doppia.

Bollo auto 2019 esenzioni in Lazio. Quan

Bollo auto, quando si può non pagare


La prima categoria di veicoli per cui sono proposte facilitazioni ed esenzioni in termini di pagamento del bollo auto nella regione Lazio è quella delle auto elettriche. Sono oggetto di esenzione dal versamento delle tasse automobilistiche per cinque anni dalla data di prima immatricolazione. Al termine di questo periodo occorre pagare una tassa pari a un quarto dell'importo previsto per le corrispondenti auto a benzina. Facilitazioni anche per le auto a uso promiscuo omologati per la circolazione solo con alimentazione a gpl o metano. La condizone espressamente indicata per fruire di questa è opportunità è la conformità con le direttive europee in materia di emissioni inquinanti. Se compatibili, scatta il pagamento di un quarto del bollo auto previsto per i corrispondenti veicoli a benzina.

Bollo auto, quando si può non pagare o pagare meno

Di più: esenzione per tre anni dalla data di immatricolazione per le auto di nuova immatricolazione con alimentazione ibrida - benzina ed elettrica - o con alimentazione doppia ovvero benzina e idrogeno. Da segnalare anche le riduzioni e le esenzioni del bollo per le auto consegnate ai concessionari per la rivendita. Entrando nel dettaglio delle regole attuali della regione Lazio, per ottenere l'esenzione dal pagamento occorre presentare a una delegazioni Aci gli elenchi quadrimestrali cartacei con i relativi supporti magnetici, di tutte le auto ricevute in consegna per la rivendita. Su queste liste, da presentare entro il mese successivo al quadrimestre nel corso del quale è avvenuta la consegna del veicolo, devono essere indicati i dati fiscali dei veicoli stessi, la categoria e il titolo in base al quale è avvenuta la consegna con i relativi estremi.

Ci sono poi altri due casi di esenzione parziale o totale del bollo auto. Il primo è quello dei veicoli storici costruiti da oltre 30 anni e non adibiti ad uso professionale o utilizzati nell'esercizio di attività di impresa, arti o professioni. Purché non sia in circolazione su strade pubbliche, l'esenzione del bollo auto è automatica e non occorre presentare alcuna domanda. Poi c'è il caso dei veicoli destinati ai disabili, per cui è prevista l'esenzione con limitazione di cilindrata fino a 2000 cc per i veicoli a benzina e fino a 2800 cc per i veicoli diesel. L'agevolazione si applica sia alle auto guidate dai disabili sia a quelle utilizzati per il loro accompagnamento. Spetta al portatore di handicap intestatario del veicolo oppure alla persona intestataria del veicolo se la persona è fiscalmente a suo carico.

Rimborso bollo auto 2019

La regione Lazio ha disposto che i soggetti autorizzati o abilitati al commercio e alla rivendita dei veicoli concessi in uso noleggio senza conducente, che risultino proprietari dei veicoli stessi, sono tenuti a variare la destinazione d'uso dei veicoli da uso di terzi a uso proprio prima di presentare la richiesta di sospensione. Il rimborso del bollo auto è invece previsto se è stato effettuato un doppio pagamento con la stessa scadenza, se è stato effettuato un pagamento in eccesso, se è stato effettuato un pagamento non dovuto.