Rc auto familiare 2020, quando si paga di più con il bonus malus e non conviene

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Rc auto familiare 2020, quando si paga d

Conviene Rc auto familiare 2020

Uno in particolare è il cambiamento destinato a cambiare l'impatto della Rc auto familiare 2020 e la sua convenienza: la previsione del malus accanto accanto al bonus.

A grandi passi verso l'introduzione della Rc familiare 2020, ma non nella formula che era stata inizialmente immaginata.

L'idea iniziale prevedeva l'applicazione della migliore classe di merito assicurativa a tutti i membri della famiglia. In buona sostanza, se il capofamiglia per via della maggiore anzianità di guida ovvero del numero più elevato di anni dal conseguimento della patente ha una classe di merito migliore, in automatica anche gli altri componenti possono fare riferimento alla stessa collocazione.

Tradotto in termini pratici significa pagare di meno. Un provvedimento di questo tipo non può che rivelarsi meno conveniente per le società di assicurazione, per la semplice ragione che con la Rc auto familiare, gli assicurati risparmiano nella spesa e dunque si tratta per loro di un minore incasso.

Ecco dunque la parziale retromarcia che si è tradotta prima nel rinvio dell'entrata in vigore di questa formula e successivamente nell'introduzione di correttivi e modifiche che finiscono per intaccarne la convenienza.

Uno in particolare è il cambiamento destinato a cambiare l'impatto della Rc auto familiare: la previsione del malus accanto accanto al bonus. Vediamo quindi di cosa si tratta e in particolare analizziamo in questo articolo

  • Bonus malus Rc auto familiare 2020, quando si paga di più
  • Conviene o non conviene nuova Rc auto familiare 2020

Bonus malus Rc auto familiare 2020, quando si paga di più

Con la nuova Rc auto familiare i cittadini ottengono la classe di merito più conveniente tra quelle applicate per i veicoli di proprietà dello stesso nucleo familiare ed è applicabile sia ai nuovi contratti e sia ai rinnovi di quelli esistenti.

Si ricorda che la Rc auto è obbligatoria per la circolazione su strada poiché si tratta di quella polizza che copre i danni causati a terze parti mentre si guida la propria auto. In pratica gli assicurati possono fare riferimento al conducente più virtuoso della famiglia, ma a una sola condizione: l'assenza di incidenti negli ultimi cinque anni.

La novità è invece rappresentata dall'entrata in vigore del malus: se il mezzo che aderisce alla Rc auto familiare 2020 (si fa presente che anche le moto possono essere incluse) provochino un incidente con danni di almeno 5.000 euro, può perdere fino a 5 classi di merito.

Va da sé che la retrocessione avviene solo in fase di rinnovo del contratto di assicurazione ed esclusivamente per chi ha provocato il sinistro e non per il resto del componenti del nucleo familiari e tantomeno per il più virtuoso da cui discendono i benefici economici.

Solo a titolo informativo, ricordiamo che la prima proposta di modifica prevedeva invece il coinvolgimento nel malus di tutta la famiglia.

Conviene o non conviene nuova Rc auto familiare 2020

Scattata questa fotografia, il passo successivo è sapere se realmente conviene o non conviene nuova Rc auto familiare 2020.

Sulla base delle simulazioni effettuate, a Firenze perché qui una famiglia con due auto in prima classe e due moto in 14esima classe spenderebbe 1.000 euro in meno poiché i premi locali sono più alti e di conseguenza il risparmio ammonterebbe al 53%.

A Milano la stessa famiglia tratterrebbe nel portafogli circa 700 euro ovvero il 48%. Secondo una recente ricerca di GKF Eurisko, ad avvantaggiarsi dall'introduzione di questo nuovo strumento sono soprattutto le famiglie più benestanti del Nord Italia.

Ultime Notizie