Dieselgate Volkswagen, richiamo con problemi in officina per Altroconsumo

Dopo gli aggiornamenti sono stati lamentati problemi di vario tipo, come la perdita di potenza al motore, il maggiore consumo di carburante e anomalie varie.

Dieselgate Volkswagen, richiamo con prob

Dieselgate Volkswagen: problemi continuano


No, ancora non ci siamo perché la questione del dieselgate Volkswagen non può affatto considerarsi conclusa. Si tratta dello scandalo che ha coinvolto (anche) la casa di Wolfsburg per via della dichiarazione di dati non reali sulle emissioni inquinanti delle auto di sua produzione. Da lì la corsa al richiamo delle vetture coinvolte per ridurre le emissioni entro i limiti previsti dalle normative europee. Ebbene, le cose non sono andate per il meglio. La pesante denuncia arriva da Altroconsumo, associazione indipendente a tutela dei consumatori, secondo cui gli automobilisti che hanno portato la propria vettura Volkswagen in officina autorizzata per i necessari aggiornamenti continuano a lamentare problemi di vario tipo, come la perdita di potenza al motore, il maggiore consumo di carburante e anomalie varie.

Dieselgate Volkswagen: problemi continuano

E non si tratta allora di una piccola percentuale sfortunata, ma di circa la metà di 10.500 automobilisti europei (esattamente il 45%) contattati da Altroconsumo e dalle associazioni di consumatori Test-Achats, DecoProteste e Ocu. Una quota rilevante, dunque, a cui la sostituzione del software irregolare da parte di Volkswagen non ha portato affatto bene, riscontrando piuttosto peggioramenti nell'auto con marchio Volkswagen. Una bella tegola che casca in testa al produttore tedesco proprio nei giorni in cui festeggiava per gli ottimi riscontri di vendita. La ricerca di Altroconsumo sulle conseguenze della sostituzione del software irregolare da parte di Volkswagen ovvero sul grado di soddisfazione degli automobilisti è stata la più ampia possibile. Sono stati infatti contattati 10.500 possessori di veicoli coinvolti in quattro paesi tra Italia, Spagna, Belgio e Portogallo.

Non solo Volkswagen

A essere travolta dallo scandalo dieselgate non è stata solo Volkswagen. Ed ecco allora che allargando lo sguardo viene fuori che il 55% degli automobilisti europei - la maggior parte proprietaria di un'auto Seat - racconta di aver notato un aumento di consumi del carburante a un mese di distanza dall'intervento, mentre il 52% riporta perdite di potenza del motore, il 37% di una maggiore rumorosità e il 17% di problemi di tipo meccanico. Volendo stilare una classifica, alle spalle di Seat, le automobili con il numero di denunce più alto di problemi sono state le Skoda, le Volkswagen e le Audi. Il tutto ricordando che il motore sotto accusa è l'EA189 Euro 5 TDI. La conclusione condivisa è la difficoltà dei produttori di auto a ridurre le emissioni senza mettere in gioco funzionamento e prestazioni.

C'è poi un altro aspetto sotto i riflettori: anche se il 25% ha riferito che la casa automobilistica ha riconosciuto il problema come effettivamente legato all'aggiornamento software, solo l'11% degli italiano ha dichiarato di aver ricevuto la proposta di un rimborso totale per le riparazioni sostenute. E il tutto mentre sono due le class action contro Volkswagen ammesse dai giudici: quella di Altroconsumo in Italia e quella di Test-Achats in Belgio.

Ultime Notizie