Ecobonus auto e incentivi nazionali, ora al via. Come si può prenotare fino a 6mila euro. Elenco modelli

Mancava l'ultimo tassello burocratico ovvero la registrazione del decreto attuativo del Ministero dello Sviluppo Economico e Ministero delle Infrastrutture.

Ecobonus auto e incentivi nazionali, ora

Incentivi auto 2019 al via, come funziona

Alla fine il via libera e con poco più di un mese di ritardo gli incentivi auto 2019 sono realtà. Si tratta della possibilità di comprare una vettura nuova (ibrida ed elettrica Audi, Bmw, Citroen, Hyundai, Kia, Mini, Mitsubishi, Nissan, Peugeot, Renault, Smart, Tesla, Toyota, Volkswagen) con uno sconto sul prezzo di listino fino a 6.000 euro in caso di rottamazione auto. Due sono i paletti previsti: il livello di emissioni di anidride carbonica che deve essere sempre inferiore a 70.000 euro e il prezzo massimo dell'auto che non può superare 61.000 euro, Iva inclusa.

Ma se fino a questo momento mancava il decreto attuativo della misura, ecco che adesso Ministero dello Sviluppo Economico e Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ufficializzano il via libera: la procedura di erogazione dell'incentivo è realtà.

Incentivi auto 2019 al via, come funziona

Mancava l'ultimo tassello burocratico ovvero la registrazione del decreto attuativo del Ministero dello Sviluppo Economico e Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti da parte della Corte dei Conti e la successiva pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Come spiegato testualmente, i rivenditori di auto (per ora sono coinvolti Audi, Bmw, Citroen, Hyundai, Kia, Mini, Mitsubishi, Nissan, Peugeot, Renault, Smart, Tesla, Toyota, Volkswagen) possono adesso inserire sulla piattaforma dedicata agli ecobonus, comunque operativa dal primo marzo e raggiungibile attraverso il sito del Mise, l'ordine e la prenotazione dell'incentivo. Dalla prenotazione trascorreranno fino a 6 mesi per la consegna della nuova auto.

Gli incentivi auto nazionali riguardano due categorie di vetture. Innanzitutto quelle con emissioni di anidride carbonica fino a 20 grammi per chilometro per cui è previsto uno sconto di 6.000 euro per chi rottama un'auto da Euro 1 a Euro 4, altrimenti, scende a 4.000 euro. Quindi ci sono le auto da 21 a 70 grammi per chilometro di emissioni di anidride carbonica per cui il bonus passa da 2.500 euro a 1.500 euro, rispettivamente con e senza rottamazione auto.

L'ecobonus si applica fino a esaurimento risorse solo per l'acquisto da parte di privati o aziende, di veicoli con omologazione M1 ovvero quelli per il trasporto fino a nove posti, compreso il guidatore, con alcune eccezioni.

Elenco modelli con incentivi auto

L'incentivo ammonta da 4.000 a 6.000 euro (con o senza rottamazione) per Bmw i3, Citroen C-Zero Full Electric, Citroen E-Mehari, Hyundai Kona EV, yundai Ioniq Electric, Mitsubishi i-MiEV, Nissan e-NV200 Evalia EV, Nissan Leaf, Peugeot iOn, Renault Zoe, Smart forfour, Volkswagen e-Golf e Volkswagen e-up!. Da 1.500 a 2.500 euror per Audi A3, Bmw 225xe Active Tourer, Bmw 530e, Hyundai Ioniq Hybrid, Kia Niro GDi Dct Phev, Mini Cooper S E Countryman All4 automatic e Toyota Prius Plug-in.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle auto per rimanere aggiornato su tutte le novità: