Ecobonus auto elettriche: ora possibile anche con Euro 3

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Ecobonus auto elettriche: ora possibile

Ecobonus auto elettriche Euro 3

Estesi gli incentivi a chi rottama un mezzo di classe ambientale Euro 3, oltre a Euro 0, Euro 1 e Euro 2, e qualsiasi veicolo di categoria L.

Accedere agli incentivi nazionali è adesso un po' più facile. Lo schema dell'ecobonus introdotto dal governo con l'ultima manovra ed entrato formalmente in vigore dallo scorso primo marzo è stato infatti oggetto di un ritocco con il decreto Crescita. Accanto alle nuove regole sull'utilizzo di mezzi per la mobilità alternativa, l'esecutivo ha deciso di includere tra i veicolo da acquistare con l'agevolazione economica anche quelli di categoria L, con o senza rottamazione di un'auto (fino a Euro 3) già in proprio possesso. In buona sostanza, l'entità dello sconto da ricevere varia in base alla disponibilità di una vettura da demolire. Complessivamente sono quattro gli ecobonus previsti.

Ecobonus auto elettriche Euro 3

In base alle nuove disposizioni viene allargato l'ecobonus alle moto e alle microcar - a tutti i veicoli elettrici di categoria L - ovvero ciclomotori, moto di ogni cilindrata, tricicli e quadricicli. Estesi quindi gli incentivi a chi rottama un mezzo di classe ambientale Euro 3, oltre a Euro 0, Euro 1 e Euro 2, e qualsiasi veicolo di categoria L.

L'ecobonus di cui usufruire fino al 31 dicembre 2021 e fino a esaurimento è pari a 1.500 euro per comprare un'auto con emissioni da 21 a 70 grammi per chilometro di anidride carbonica, senza rottamazione auto; a 2.500 euro per comprare un'auto con emissioni da 21 a 70 grammi per chilometro di anidride carbonica, con rottamazione auto; a 4.000 euro per comprare un'auto con emissioni da 0 a 20 grammi per chilometro di anidride carbonica, senza rottamazione auto; a 6.000 euro per comprare un'auto con emissioni da 0 a 20 grammi per chilometro di anidride carbonica, con rottamazione auto.

Tutti i mezzi interessati dai nuovi incentivi

Codice alla strada e decreto Crescita alla mano, l'estensione dell'ecobonus 2019 riguarda anche i quadricicli la cui massa a vuoto è inferiore o pari a 400 kg, esclusa la massa delle batterie per i mezzi elettrici, e la cui potenza massima netta del motore sia inferiore o uguale a 15 kW. Quindi i veicoli a due ruote la cilindrata del cui motore non superi i 50 cc e la cui velocità massima di costruzione non superi i 45 chilometri orari. Poi i veicoli a tre ruote simmetriche rispetto all'asse longitudinale mediano con cilindrata del cui motore inferiore a 50 cc o la cui velocità massima di costruzione non superi i 45 chilometri orari.

Incentivi anche per veicoli a due ruote la cilindrata del cui motore non superi i 50 cc o la cui velocità massima di costruzione sia inferiore a 45 chilometri orari. Semaforo verde anche per i veicoli a tre ruote la cilindrata del cui motore non superi i 50 cc e la cui velocità massima di costruzione sia più bassa d i 45 chilometri orari.

Infine, sono compresi i quadricicli leggeri, la cui massa a vuoto è inferiore o pari a 350 kg, esclusa la massa delle batterie per i veicoli elettrici, la cui velocità massima per costruzione è inferiore o uguale a 45 chilometri orari e la cui cilindrata del motore è inferiore o pari a 50 cm³ per i motori ad accensione comandata.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle auto per rimanere aggiornato su tutte le novità: