Incidente auto, cosa fare se si guida l'auto di un altro non intestata a sé

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Incidente auto, cosa fare se si guida l'

Incidente con un'auto non di proprietà

Il sinistro auto una situazione spiacevole perché poi le persone coinvolte direttamente e indirettamente sono almeno tre, compreso il proprietario del veicolo.

Cosa fare se si rimane coinvolti in un incidente mentre si guida intestata a un'altra persona? E vista dall'altro lato, cosa rischia chi ha prestato un'auto protagonista di un sinistro. I numeri continuano a essere impietosi e rivelano come gli incidenti siano una costante delle strade italiane.

I motivi sono tanti e non ci interessa adesso approfondirli e cosa fare per limitarli, ma è utile rilevare che una buona percentuale di questi sinistri coinvolge, con colpa o meno, automobilisti che non sono alla guida di un veicolo di proprietà. In questo articolo analizziamo

  • Incidente con un'auto non di proprietà
  • Cosa fare in caso di incidente con un'auto non intestata
  • Di chi è la responsabilità civile dell'incidente
  • Chi paga tra il proprietario e il conducente

Si tratta senza dubbio di una situazione spiacevole perché poi le persone coinvolte direttamente e indirettamente sono almeno tre. Premettendo che prestare la propria auto è perfettamente legale, così come guidare un'auto non di proprietà, cosa fare se si guida l'auto di un altro non intestata a sé e si rimane coinvolti in un incidente?

Incidente con un'auto non di proprietà

La guida di un'auto non di proprietà è quindi una situazione molta comune. Ma forse è il caso di capire cosa fare in caso di incidente perché sono numerosi gli aspetti cruciali. Ad esempio, come comportarsi con l'assicurazione?

Di chi è la responsabile civile? E quella penale? Sono coinvolti sia il conducente e sia il proprietario? E volendo andare anche oltre, ci sono differenze e cosa cambia se si guida l'auto intestata a un familiare oppure a un amico?

Il caso di scuola è quello di un'auto che ci viene prestata e nonostante la diligenza e all'attenzione finiamo per causare un incidente. Non necessariamente grave, ma anche un semplice tamponamento.

La prima cosa da fare è non farsi prendere dal panico perché non sussiste alcuna situazione di illegalità. Ma di certo vogliamo sapere chi paga ovvero quale assicurazione è chiamata a riparare il danno provocato.

Cosa fare in caso di incidente con un'auto non intestata

Il nostro esame si basa su cosa fare se si guida l'auto di un altro non intestata a sé e si provoca un incidente. Perché nel caso in cui si subisca un sinistro (pensiamo ad esempio al caso in cui qualcuno ci tamponi), la responsabilità - inclusa quella economica - è a carico dell'altro conducente.

La questione diventa delicata quando siamo noi a provocare un incidente o comunque se le colpe devono essere accertate magari con la constazione amichevole. In ballo c'è l'obbligo di risarcire i danni causati a cose o a persone.

Si tratta della cosiddetta responsabilità civile che è obbligatoria perché ogni danno ingiusto deve essere risarcito. E non occorre andare lontano per sapere come fare a individuare il responsabile dell'incidente nel caso in cui si è alla guida di un'auto non di proprietà. A metterlo nero su bianco è il Codice civile italiano.

Sono due i passaggi di cui tenere conto. Il primo tira in ballo il conducente dell'auto che è obbligato a risarcire il danno prodotto a persone o a cose se non prova di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno.

Il secondo riguarda il proprietario che è considerato responsabile in solido con il conducente, se non prova che la circolazione del veicolo è avvenuta contro la sua volontà. Di conseguenza nel caso in cui provochiamo un sinistro con un'auto prestata da un amico o da un familiare, la responsabilità è condivisa e occorre avvisarlo tempestivamente.

Al netto di condizioni particolari nella polizza, ci pensa l'assicurazione dell'auto a risarcire il danno prodotto con il premio che potrebbe aumentare. Ma attenzione: la responsabilità penale è invece sempre personale e non è condivisa con il proprietario dell'auto.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle auto per rimanere aggiornato su tutte le novità: