Andamento incidentalità 2017 e proiezioni 2018. Dati allarmanti

Una serie di dati sicuramente allarmanti per la sicurezza sulle nostra strade in peggioramento. Vediamoli, insieme alle auto che si sono dimostrate più sicure.

Andamento incidentalità 2017 e proiezion

Andamento dell'incidentalità nel 2017 ed inizio 2018


Quanti sono stati gli incidenti finora in Italia? A questa domanda che poi ha diverse ripercussione sui costi delle Rc risponde la il Ministero dell'Interno che ha fornito i dati e il confronto tra il 2017 e l'anno precedente. E non sono dati del tutto positivi. E vi sono dei dati preliminari anche per il 2018.

I dati infortuni e incidenti ufficiali

Dalla Circolare prot. n. 300/A/1105/18/124/62 riferita al periodo dei primi 6 mesi dell'anno del 2016 si evince un calo del numero di feriti del 5% rispetto allo stesso periodo del 2016 e di incidenti del 4%, ma, putroppo, un dato maggiore di morti che passa ad +7,5%

Se questi numeri venissero confermati per l'intero anno, la proiezione sarebbe molto negativo dopo circa gli ultimi dieci anni positiva almeno per quanto riguarda i morti sulle strade. Nel 2015 vi erano stati 3428 morti, nel 2016 un calo a 3283 e ora un aumento di nuovo. 

Questi numeri dovranno essere confermati dall'Istat, che analizza le cifre e le integra da quelle fonire della Polizia di Stato e Carabinieri che controlla circa tra un terzo e due terzi degli incidenti su strada

Proiezioni 2018

Le proiezioni per il 2018 sono, da quanto risulta, ancora più negative rispetto a quelle del 2017 come numero di morti per incidente automobilistico o in generale su strada

Sicurezza auto a confronto

C'è da essere preoccupati se una delle auto più popolari tra gli italiani, la Fiat Punto, non ha superato i crash test Euro Ncap? E se i nuovi standard per i modelli vecchi hanno portato all'assegnazione di tre stelle su cinque a Dacia Duster, Kia Stonic e MG ZS? Ma che non tutte le macchine sia uguali è dimostrato anche dal massimo punteggio ottenuto da BMW Serie 6, Kia Stinger, Jaguar F-Pace e Hyundai Kona. Complessivamente sono 15 i modelli passati sotto esame dei tecnici di Bruxelles e a sorprendere è appunto la mancanza di uniformità. La metodologia delle prove seguite è stata chiara: sono state applicate le nuove regole di misurazione anche sui modelli meno recenti purché ancora in vendita.

Ma da dove nasce questa discrepanza di risultati nella sicurezza delle auto? Proviamo a prendere in esame i due casi limiti: BMW Serie 6 e Fiat Punto ovvero quelle che hanno rispettivamente ottenuto il massimo e il minimo del punteggio. Ebbene, per quanto riguardo la prima auto si sono rivelati efficaci cofano attivo frenata automatica d'emergenza, Lane Assist e limitatore di velocità. La Punto ha invece ben poco con cui fare la differenza. Di serie c'è soltanto il cicalino per le cinture di sicurezza del conducente. Questi i risultati del crash test Euro Ncap 2017:

  1. Alfa Romeo Giulietta - 3 stelle. Protezione adulti – 72%, Protezione bambini - 56%, Protezione pedoni - 59%, Sistemi di sicurezza – 25%
  2. Bmw Serie 6 GT – 5 stelle. Protezione adulti – 86%, Protezione bambini - 85%, Protezione pedoni - 81%, Sistemi di sicurezza – 59%
  3. Dacia Duster – 3 stelle. Protezione adulti – 71%, Protezione bambini - 65%, Protezione pedoni - 56%, Sistemi di sicurezza – 37%
  4. DS 3 - 3 stelle. Protezione adulti – 69%, Protezione bambini - 37%, Protezione pedoni - 55%, Sistemi di sicurezza – 29%
  5. Fiat Punto - 0 stelle. Protezione adulti – 51%, Protezione bambini - 43%, Protezione pedoni - 52%, Sistemi di sicurezza – 0%
  6. Ford C-Max – 3 stelle. Protezione adulti – 76%, Protezione bambini - 60%, Protezione pedoni - 59%, Sistemi di sicurezza – 29%
  7. Ford Grand C-Max – 3 stelle. Protezione adulti – 76%, Protezione bambini - 60%, Protezione pedoni - 59%, Sistemi di sicurezza – 29%
  8. Hyundai Kona: 5 stelle. Protezione adulti – 93%, Protezione bambini - 84%, Protezione pedoni - 70%, Sistemi di sicurezza – 58%
  9. Jaguar F-Pace – 5 stelle, Protezione adulti – 93%, Protezione bambini - 85%, Protezione pedoni - 80%, Sistemi di sicurezza – 72%
  10. Kia Stinger – 5 stelle. Protezione adulti – 91%, Protezione bambini - 87%, Protezione pedoni - 73%, Sistemi di sicurezza – 76%
  11. Kia Stonic (Base)– 3 stelle. Protezione adulti – 85%, Protezione bambini - 84%, Protezione pedoni - 62%, Sistemi di sicurezza – 25%
  12. Kia Stonic (Safety Pack)– 5 stelle. Protezione adulti – 93%m Protezione bambini - 84%m Protezione pedoni - 71%, Sistemi di sicurezza – 59%
  13. MG ZS – 3 stelle. Protezione adulti – 71%, Protezione bambini - 51%, Protezione pedoni - 59%, Sistemi di sicurezza – 29%
  14. Opel Karl – 3 stelle. Protezione adulti – 61%, Protezione bambini - 60%, Protezione pedoni - 58%, Sistemi di sicurezza – 25%
  15. Toyota Aygo (Base) – 3 stelle. Protezione adulti – 74%, Protezione bambini - 63%, Protezione pedoni - 64% , Sistemi di sicurezza – 25%
  16. Toyota Aygo (Safety Pack) – 4 stelle. Protezione adulti – 82%, Protezione bambini - 63%, Protezione pedoni - 64%, Sistemi di sicurezza – 57%
  17. Toyota Yaris – 5 stelle. Protezione adulti – 83%, Protezione bambini - 80%, Protezione pedoni - 63%, Sistemi di sicurezza – 57%

Per chi è interessato a conoscere tutti i dettagli, sul sito ufficiale dell'Euro Ncap sono presenti valutazioni, tabelle e risultati su un numero ben più alto di autovetture. Come spiegato da Euro Ncap, dovendo fronteggiare con un mercato competitivo e i gusti mutevoli dei clienti, sempre più costruttori scelgono di allungare la vita dei loro modelli, spesso introducendo solo modifiche minori per spingere le vendite. Per consentire ai costruttori di fare un paragone corretto con i modelli nuovi, ha aggiornato la valutazioni di numerosi modelli recentemente oggetto di facelift ovvero i cambiamenti estetici che non incidono sul comparto sicurezza.