Auto Audi e Volkswagen grave rischio scoperto e rivelato da gruppo informatico

di Chiara Compagnucci pubblicato il

I due hacker hanno eseguito i test su nove veicoli privati caratterizzati dalla facilitÓ nell'estrazione o inserimento della scheda SIM in auto.

Auto Audi e Volkswagen grave rischio sco

Volkswagen Golf GTE e Audi A3

C'è evidentemente molto da migliorare se è bastato così poco agli hacker per violare il sitema di sicurezza di Audi e Volkswagen. La chiave utilizzata per fare centro è stata la radio che, senza troppi giri di parole, è stata in grado di aprire le porte ai malintenzionati. E il tutto, si badi bene, senza che ci sia stato bisogno di entrare in auto. Più esattamente, a essere coinvolti sono stati Volkswagen Golf GTE e Audi A3: alcuni hacker hanno dimostrato come il sistema di infotainment sia pericolosamente vulnerabile. La domanda è allora spontanea e inevitabile: chi protegge la tecnologia sulle auto, a sua volta è fondamentale per la sicurezza?

Volkswagen Golf GTE e Audi A3: infotainment vulnerabile

Il problema si dimostra in tutta la sua gravità perché non sono in ballo i motori, finiti di recente nel mirino, e né la privacy, altro tassello delicatissimo quando si ha a che fare con le nuove tecnologie a bordo delle auto. Questa volta c'è di mezzo la sicurezza ovvero il rischio di vedersi sfilata la propria auto con pochi click. Due dipendenti di una società impegnata nel campo della sicurezza informatica sono allora riusciti a violare il sistema a bordo della Volkswagen Golf e della Audi A3. Lo hanno fatto solo a scopo dimostrativo, per far vedere con sia bastato il web e qualche conoscenza più approfondita del bus CAN (Control Area Network) per riuscire a fare centro.

Dal punto di vista operativo, i due hacker hanno eseguito i test su nove veicoli privati (tutti di proprietà di colleghi) caratterizzati dalla facilità nell'estrazione o inserimento della scheda SIM in auto e dalla presenza di pochi strati tra la connessione cellulare e il bus CAN. Ma sono stati la Volkswagen Golf GTE e l'Audi A3 i modelli più facilmente violabile perché tutti e due equipaggiati con lo stesso sistema di infotainment IVI (In-Veichle Infotainment) prodotto dalla Harman.

Dopo aver comunicato alle case automobilistiche i risultati del loro esperimento, i dipendenti della società impegnata nel campo della sicurezza informatica, hanno poi avanzato il consiglio pubblico agli utenti di informarsi sui nuovi sistemi e chiedere standard più alti per la sicurezza informatica, così come si fa per i crash test. A proposito, Volkswagen ha risposto ammettendo come gli hacker siano riusciti ad accedere al sistema di infotainment e a ottenere le autorizzazioni ROOT ovvero i diritti di amministratore del sistema di infotainment destinati allo sviluppo Volkswgen, ma non all'utilizzo privato dei clienti.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle auto per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Seguici su Facebook, clicca su "Mi Piace":