Auto come risparmiare realmente quando si compra e si decide di acquistare

Ci sono possibilità per risparmiare quando si acquista un'auto nuova. Ecco le opportunità in vigore nel 2019 e alcuni consigli.

Auto come risparmiare realmente quando s

Consigli per acquistare auto nuova


Pronti a conoscere tutti i modi per risparmiare nell'acquisto di un'auto nuova? Siamo pronto a fornire alcuni utili consigli a chi intende comprare una nuova vettura. Esistono infatti tante opportunità, ma di cui non si è sempre a conoscenza. Eppure basterebbe poco per risparmiare, a patto naturalmente di rispettare i requisiti previsti. Il caso più evidente è adesso davanti agli occhi di tutti.

Si tratta dei nuovissimi incentivi per acquistare una nuova auto. Sono proposti a livello nazionale e si basano sue due elementi imprescindibili: il prezzo di listino della vettura deve essere inferiore a 50.000 euro (Iva esclusa) e le emissioni devono essere contenute ovvero più basse rispetto alla soglia prestabilita. Rispettate queste premesse, il risparmio può arrivare fino a 6.000 euro. Ma non è la sola possibilità per risparmiare realmente quando si compra un veicolo.

Risparmiare con gli incentivi statali, ecobonus e rottamazione auto, primo consiglio per acquistare auto nuova

Fino al 31 dicembre 2021 (e fino a esaurimento risorse anno per anno: 60 milioni di euro per il 2019 e 70 milioni di euro sia per il 2020 e sia per il 2021), chi compra un'auto con basse emissioni beneficia di un incentivo economico fino a 6.000 euro. Lo sconto massimo spetta alle vetture con emissioni medie di anidride carbonica fino a 20 grammi per chilometro. Il risparmio si riduce per livelli di dichiarati tra 21 e 70 grammi per chilometro.

O se l'acquirente non ha un mezzo da rottamare. Proprio questa è la seconda variabile che incide sul risparmio finale perché la riduzione di prezzo può essre di 1.000 e 1.5000 euro aggiuntivi. Ma solo se la vettura da demolire sia di classe ambientale Euro 1, Euro 2, Euro 3 o Euro 4 (non Euro 0 e né le più recenti Euro 5 o Euro 6), appartenga alla stessa categoria della nuova auto da comprare, sia intestato da almeno 12 mesi rispetto alla data di acquisto alla stessa persona che acquista la nuova vettura o sia intestato da almeno 12 mesi a un familiare convivente.

Riassumendo, si comincia dalle auto con CO2 fino a 20 grammi per chilometro per cui è previsto un risparmio di 6.000 euro per chi rottama un'auto da Euro 1 a Euro 4 o di 4.000 euro senza veicolo da demolire. Allo stesso tempo, per le auto da 21 a 70 grammi per chilometro, lo sconto passa da 2.500 euro a 1.500 senza la rottamazione.

Comprare auto nuova incentivi regionali: secondo consiglio

Se gli incentivi nazionali rappresentano una novità, quelli regionali sono attivi da tempo in un numero crescente di regioni. Di interessante ci sono le minori limitazioni rispetto alle agevolazioni statali, ma resta il vincolo della residenza nella regione che li propone. Anche in questo caso sono favorite le auto a basse emissioni.

L'elenco delle auto da comprare è però più lungo perché nella maggior parte dei casi include anche le vetture a metano e quelle a gpl e non solo le ibride o le full electric. Infine, per aumentare la somma da risparmiare (ma occorre verificare caso per caso) è possibile far rottamare il mezzo inquinante in proprio possesso.

Agevolazioni disabili per acquistare un'auto

È invece una legge nazionale a stabilire una triplice possibilità di sconto per chi deve comprare un'auto nuova per un disabile oppure per un familiare che lo assiste. In prima battuta c'è la detrazione Irpef del 19% su una spesa massima di 18.075,99 euro per comprare un'auto per disabili con ridotte o impedite capacità motorie per i veicoli a loro adattati e omologati, non vedenti e non udenti per i veicoli a loro omologati, con grave limitazione di deambulazione o pluriamputati o con handicap psichico o mentali che hanno diritto all'indennità di accompagnamento.

Quindi c'è l'applicazione dell'Iva agevolata al 4% (anziché al 22%) per le auto a benzina fino a 2.000 cc di cilindrata e per quelle a diesel fino a 2.800 cc per i motori diesel. Infine è in vigore l'esenzione dal pagamento del bollo auto, altra voce di cui tenere conto nel calcolo della spesa complessava per la gestione di un'auto. L'imposta è regionale per cui l'importo da pagare è sempre variabile.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle auto per rimanere aggiornato su tutte le novità: