Auto elettriche, 11 novità entro il 2020 e obiettivi attuali in Italia

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Auto elettriche, 11 novità entro il 2020

Le città si attrezzano al meglio

Da qui al 2020 sono da mettere in conto un gran numero di veicoli di modelli in grado di competere con le più quotate vetture alimentate a diesel o a benzina.

Anche se la diffusione delle auto elettriche prosegue un po' a rilento rispetto alle migliori aspettative, resta il dato di fatto che il percorso di crescita sia in corso senza soluzione di continuità. E c'è da scommettere che da qui ai prossimi anni possa subire un'accelerazione anche in Italia per almeno due ragioni. Innanzitutto per la migliore dotazione infrastrutturale in termine di stazioni di ricarica e quindi per la produzione di un maggior numero di modelli, in grado di competere con le più quotate vetture alimentate a diesel o a benzina. Da qui al 2020 sono allora da mettere in conto un gran numero di veicoli, tra cui le seguente 11 da segnare sul taccuino:

  1. Audi e-tron (2018)
  2. BMW i4 (2020)
  3. BMW ix3 (2020)
  4. Hyundai KONA Elettrica (2018)
  5. KIA Niro EV (2018)
  6. MINI Electric (2019)
  7. Opel Corsa elettrica (2020)
  8. Porsche Taycan (2019)
  9. Seat: auto elettrica (2020)
  10. Skoda Citigo Elettrica (2019)
  11. SsangYong SUV Elettrico (2019)

Auto elettriche: intanto le città si attrezzano al meglio

Ma che il tasso di sensibilizzazione rispetto ai vantaggi ambientali che deriverebbero dall'adozione delle auto elettriche è dimostrato dalle continue convinzioni stipultate dalle amministrazioni comunali italiane. Come quella di Ravenna che mette a disposizione di Enel X aree di proprietà per l'installazione di 50 infrastrutture per la ricarica dei veicoli.

Il tutto a costo zero per le casse municipali perché il protocollo sottoscritto dalle parti prevede che a farsi carico dei costi per l'installazione delle colonnine, per il funzionamento e per la gestione da remoto sia proprio la divisione del Gruppo Enel dedicata alla mobilità elettrica, ai prodotti innovativi e alle soluzioni digitali. Da qui fino a 8 anni, quando scadrà appunto l'intesa con il Comune.

Il Gruppo Enel ci tiene poi a far sapere di aver avviato un programma di ricerca e di investimenti al fine di supportare lo sviluppo del settore della mobilità.

L'azienda ha ideato un sistema di infrastrutture per la ricarica delle auto elettriche composta da diversi modelli, guidati con le più avanzate tecnologie informatiche per il controllo e la gestione da remoto, in grado di rispondere alle esigenze di una mobilità urbana sostenibile.

Per dirla con le parole degli assessori allo Sviluppo economico e alla Mobilità del Comune di Ravenna, la mobilità elettrica propone interessanti potenzialità in termini di riduzione dell'inquinamento atmosferico e acustico e offre la possibilità di numerose applicazioni a livello cittadino per la crescita e l'occupazione.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle auto per rimanere aggiornato su tutte le novità: