CR-V Hybrid Suv Honda a confronto con altri Suv ibridi

La tecnologia monitora le prestazioni e i consumi di Honda CR-V Hybrid per individuare la migliore combinazione dei sistemi di alimentazione.

CR-V Hybrid Suv Honda a confronto con al

Honda CR-V Hybrid, le ragioni del successo


Ci sarà un motivo (o forse più di uno) perché Honda CR-V Hybrid sia un suv su cui si stanno concentrano le attenzioni dal mercato. In prima battuta non può che esserci l'alimentazione ibrida con tecnologia i-MMD ovvero il propulsore elettrico da 184 CV, una unità di controllo dell'energia, un motore a benzina a ciclo Atkinson 2.0 da 145 CV, una batteria agli ioni di litio e una trasmissione a componenti fisse. Tradotto in termini pratici significa per il conducente un consumo medio dichiarato pari a 5,3 litri ogni 100 chilometri. La tecnologia monitora le prestazioni e i consumi di Honda CR-V Hybrid per individuare la migliore combinazione dei sistemi di alimentazione. In sostanza trasferisce al suv l'energia ottimale in modo fluido e naturale passando in automatico da una modalità di guida all'altra ovvero tra propulsione endotermica, ibrida o solo elettrica.

Honda CR-V Hybrid, le ragioni del successo

Provando a dare qualche numero, Honda CR-V Hybrid è spinto da un 2.0 litri con 145 Cv e un elettrico da 184 Cv con una coppia di 315 Nm. In 8,8 secondi in versione FWD è in grado di raggiungere i 100 chilometri orario partendo da fermo e in 9,2 secondi in versione AWD. La velocità massima in grado di conquista è di 180 chilometri orari. E se i consumi sono uno dei punti di forza, ecco che le versioni di Honda CR-V Hybrid a trazione anteriore mostrano emissioni di anidride carbonica di 120 grammi per chilometro e un consumo di carburante medio di 5,3 litri ogni 100 chilometri. Le versioni di CR-V Hybrid a trazione integrale esibiscono invece emissioni di anidride carbonica di 126 grammi per chilometro e un consumo di carburante medio di 5,5 litri ogni 100 chilometri.

Per quanto riguarda gli interni, rispetto al modello benzina, la Honda CR-V Hybrid perde qualche litro di capienza e 8 millimetri in altezza libera dal suolo.

In ogni caso, nella versione ibrida l'aspetto non cambia con i fari full led di nuova generazione, i paraurti scolpiti, un passo più lungo rispetto al modello precedente, cerchi in lega da 18 pollici e un posteriore massiccio. Disponibile in quattro allestimenti - Comfort, Elegance Navi, Lifestyle Navi, Executive Navi, il prezzo di listino di base è di 32.900 euro per la Comfort fino ad arrivare a 44.500 euro per la Executive 4WD.

Quali altri suv ibridi

E se i suv continuano a rimanere centrali nelle scelte di mercato, quelli ibridi rappresentano la nuova tendenza. Cosa mettere in conto per il 2019? La Peugeot 3008 ibrida plug-in fino a 300 cv e un'autonomia in elettrico di 40 chilometri ovvero con un propulsore elettrico affiancato a un motore 1.6 turbo. Ecco quindi la nuova Rav4 di Toyota alimentata da un 2.5 litri benzina come motore termico e un nuovo cambio di tipo CVT, per una potenza di 222 cv ed emissioni da 102 grammi per chilometro. Da segnare in agenda anche Bmw X5 ibrida plug-in con motore termico da 6 cilindri benzina da 286 cv e motore elettrico da 112 cv, capaci di assicurare una potenza di 394 cv affiancata a una coppia di 600 Nm con consumi dichiarati di 2,1 litri per 100 chilometri.

Ibrido fondamentale

Non solo l'ibrido nei Suv, ma anche varie forme di ibrido in tutte le auto come la nuova Fiat Panda MHV con il Mild Hybrid o il carburante leggero mix tra idrogeno, benzina, diesel che si sta svillupando con il biometano e il diesel R33 bludiesel. Con una osservazione le auto ibride sono sempre le più ricercate