Fca, il piano per Jeep, Alfa, Lancia e Maserati oltre Fiat

Il punto sulle strategie del gruppo automobilistico alle prese con la realizzazione di nuovi modelli, ma anche con inedite sfide per tutti i marchi.

Fca, il piano per Jeep, Alfa, Lancia e M

Fiat e non solo, quali prospettive


Occorre andare al di là del Piano Italia che coinvolge Fiat ovvero stabilimenti, lavoratori e nuove auto. Anche perché sarebbe sbagliato parlare di Fiat senza fare riferimento all'attività di tutta la casa madre. Fca opera attraverso società localizzate in 40 Paesi e intrattiene rapporti commerciali con clienti in circa 150 Paesi. Il Gruppo opera nel mercato automotive anche con i marchi Alfa Romeo, Fiat Professional, Jeep, Lancia e Maserati, cui si aggiungono la divisione sportiva dedicata ai veicoli ad alte prestazioni e il brand che offre servizi postvendita e ricambi.

Fiat e non solo, quali prospettive

Da più di un secolo, Fiat offre soluzioni innovative e accessibili a tutti per rispondere a un'esigenza complessa come la mobilità. La missione del marchio è unire la passione italiana per il design e l'originalità con efficienza e versatilità con veicoli funzionali in grado di soddisfare ogni esigenza. Eppure gli orientamenti sono adesso differenti. Anziché puntare sulla produzione di auto di massa, così com'è stato fino a pochissimo tempo fa, la strada seguita è adesso quella della specializzazione. Il modello di punta sarà allora la Fiat 500 nelle sue varie declinazioni, tra cui la release Giardiniera, rispolverata dopo decenni di assenza, con un'attenzione supplementare per i motori ecologici. Più specificatamente, è il mild hybrid la soluzione individuata per rispondere alle nuove esigenze in mobilità. La dimostrazione più chiara arriva dall'addio alla Fiat Panda a diesel, sostituita proprio dalla variante ibrida leggera.

I motori a gasolio saranno abbandonati entro il 2021 su tutti i modelli tranne che sui commerciali, ma verranno gradualmente sostituiti dall'alimentazione ibrida.

Jeep, Alfa, Lancia e Maserati

Dal 1941 il marchio Jepp continua a rappresentare un chiaro invito a vivere la vita on the road e offrendo ai clienti vetture versatili, in grado di regalare ai conducenti un senso di sicurezza per affrontare con serenità qualsiasi tipo di strada. Il mercato è in effetti in crescita e i principali investimenti sembrano indirizzati su questo brand. Ecco allora che sono previsti due modelli Jeep: un piccolo suv e un refresh della Compass. Già nel 2020 sono attesi il full hybrid della nuova Cherokee e l'ibrido plug-in su Wrangler e Renegade.

Con oltre un secolo di esperienza, Alfa Romeo produce auto progettate con un mix di tecnologia, performance e design. Da qui a cinque anni sono stati messi in programma quattro modelli Alfa, di cui due sportive di lusso denominate 8C e GTV, e due suv, uno piccolo e uno grande. Se il marchio ha nel fascino il suo punto di forza e Lancia è pensata per soddisfare un pubblico alla ricerca di auto che si distinguano per eleganza, personalità, stile e personalizzazione, il futuro non è dei più rosei.

I modelli Maserati sono immediatamente riconoscibili per la loro personalità e lo saranno, come da programmi, anche nell'immediato futuro. L'armonia tra la tradizione e l'eccellenza ingegneristica troverà spazio anche nelle future auto, al pari di quanto già avviene con i modelli Quattroporte e Ghibli. Quali? tre modelli: una versione coupe e una cabrio di una sportiva di punta chiamata Alfieri, che sostituirà la Gran Turismo, nonché un suv di medie dimensioni. Fca lancerà in Italia 13 modelli nuovi o sottoposti a restyling, ma anche nuove motorizzazioni ibride o elettriche. L'Italia riceverà la maggioranza dei modelli assegnati all'Europa ed è prevista anche la versione elettrica delle intere gamma italiane di Jeep, Alfa e Maserati.