Fca, nuova tecnologia Mild Hybrid per iniziare ad andare oltre il diesel. Ecco come

Non solo Fiat 500 e Fiat Panda perché la soluzione ibrida troverà spazio anche nelle nuove auto degli altri marchi del gruppo, come Jeep.

Fca, nuova tecnologia Mild Hybrid per in

Quali nuovi auto mild hybrid


Avanti tutta sul mild hybrid e sulla mobilità alternativa. Fca ha indicato la stella polare da seguire nella realizzazione delle nuove auto per i vari brand sotto al suo ombrello, da Jeep a Fiat. Stando a quanto pubblicamente dichiarato, sono 13 i nuovi modelli, restyling o nuove motorizzazioni ibride o elettriche che saranno lanciati nell'arco dei prossimi cinque anni. E di obiettivo in obiettivo c'è anche quello di far circolare nel primo trimestre del 2020 le Fiat 500 elettriche. Insomma, tutte le prese di posizione pubblica vanno tutte nella stessa direzione, come quella del capo Emea, Pietro Gorlier, che ha annunciato investimenti per cinque miliardi di euro ovvero che la Fiat Panda resta a Pomigliano, ma avrà anche una versione ibrida. Rispetto agli annunci più recenti c'è stato solo una inversione di marcia e riguarda l'abbandono delle motorizzazione diesel che non avverrà, come inizialmente immaginato, nel 2021.

Avanti tutta sul mild hybrid

Dalle parole dell'amministratore delegato di Fca Mike Manley e del responsabile Emea (Europa, Medio Oriente e Africa) Pietro Gorlier, che hanno promesso anche il raggiungimento dell'obiettivo della piena occupazione negli stabilimenti e fissato il carico di lavoro per ogni stabilimento, è emersa allora con chiarezza l'intenzione di investire su piattaforme comuni ed elettrificate per rinforzare quel segmento di mercato in crescita e in cui il gruppo vuole recitare una parte da protagonista. Il passo successivo non può che essere quello della formazione del incentrato proprio sulle tecnologie ibride ed elettriche ovvero della parziale riconversione degli stabilimenti. Il percorso era stato annunciato da tempo, ma si trova adesso nella fase esecutiva, a distanza di sei mesi dall'illustrazione pubblica delle linee guida. Un periodo di pausa forzata dettata dalla riorganizzazione dei vertici aziendali.

Quali nuovi auto mild hybrid

Ma poi, quali sono le auto ibride (o meglio mild hybrid) su cui Fca intende giocare le sue carte? Di interessante c'è proprio la volontà di non limitarsi perché in questo processo di riposizionamento sul mercato sono coinvolti tutti i marchi con i differenti modelli. A iniziare dalla Fiat 500 che, dati alla mano, è la vettura che sta mantenendo in attivo i conti della casa automobilistica torinese. Una versione mild hybrid è in cantiere, al pari di quanto è in programma per la Fiat Panda. Non solo, ma rispetto alla storica auto che ha attraversato più generazioni, è stato già annunciato l'addio alla motorizzazione diesel. Ecco quindi che Jeep Renegade ibrida e Jeep Compass si affiancheranno alla Renegade ad alimentazioni classiche mentre alimentazioni ecologiche sono state messe in conto anche dalle parti di Alfa Romeo.

Caratteristica di fondo delle auto mild hybrid è la presenza di una doppia motorizzazione, elettrica e a benzina, da attivare in base alle circostanze. Non a caso si parla di ibrido leggero ovvero di una soluzione intermedia in attesa di puntare con sempre più decisione sui modelli completamente elettrificati.