Fca-Renault fusione, nuovi modelli auto e attuali. E futuro marchi. Rischi e vantaggi

I tempi sembrano essere stretti ed Fca e sia vogliono andare fino in fondo, ma resta da capire come saranno gestite le strategie di produzione di nuove auto.

Fca-Renault fusione, nuovi modelli auto

Fca-Renault fusione, nuovi modelli auto

Se la fusione tra Fca e Renault andrà in porto, il mercato delle auto in Italia e all'estero subirà un grande scossone. Nascerebbe infatti il più grande gruppo automobilistico italiano che andrebbe a colmare le mancanze dei vari brand. In attesa di scoprire i nuovi modelli, Fca andrebbe a ricoprire un ruolo nel segmento dell'elettrico e più in generale nel comparto della mobilità alternativa in cui è adesso in evidente ritardo.

Da parte sua, Renault riuscirebbe a collocarsi nel segmento premium dove è adesso assente, grazie alla forza di Maserati e Alfa Romeo. Se i vantaggi sono evidenti, dall'altra ci sono le tante incertezze di un matrimonio di questo genere perché la storia insegna come sia sempre difficile riuscire a gestire questa grande unione.

Fca-Renault fusione, nuovi e attuali modelli auto

I tempi sembrano essere piuttosto stretti e sia Fca e sia Renault vogliono andare fino in fondo senza tirarle troppo per le lunghe. Resta quindi da capire come saranno gestite le strategie di produzione di nuove auto. C'è Fiat, ad esempio, che ha messo in cantiere l'aggiornamento dei modelli di maggior successo - Fiat Panda e Fiat 500 - rispetto a cui le principali novità vanno cercate nella realizzazione di varianti elettriche e ibride (leggere). E si muove anche Renault, che ha già annunciato la versione elettrica della sua Clio, accanto all'aggiornamento delle release alimentate a diesel e a benzina.

Allo stesso tempo sta cercando di ritagliarsi uno spazio sempre maggiore anche nel comparto dei suv. In fin dei conti i risultati di vendite raggiunti da Renault Captur invitano a pensare alla grande.

A tal proposito, i modelli di auto più venduti in Italia (i dati si riferiscono agli ultimi 12 mesi) fanno tutti parte dei gruppi Fca e Renault. Si tratta di Fiat Panda (135.156 auto), Lancia Ypsilon (54.705 auto), Renault Clio (45.243 auto), Fiat 500X (44.210 auto). Ma nella top ten in Italia rientrano anche Jeep Renegade, Jeep Compass e Fiat 500.

Nella classifica delle auto più vendute in Italia rientrano anche - in ordine decrescente - Fiat 500L, Renault Captur, Fiat Tipo 5Porte, Alfa Romeo Giulietta, Fiat Tipo Station Wagon, Fiat Punto, Alfa Romeo Stelvio, Renault Twingo, Fiat Qubo, Renault Scénic, Alfa Romeo Giulia, Renault Mégane Sporter, Renault Clio Sporter, Alfa Romeo Mito, Renault Mégane, Fiat Doblò, Fiat Tipo 4porte, Renault Kangoo, Renault Zoe, Jeep Cherokee.

Coinvolti anche Nissan e Mitsubishi, quali rischi e vantaggi

L'eventuale matrimonio tra Fca e Renault porterebbe con sé anche i due brand giapponesi Nissan e Mitsubishi andranno a formare un blocco societario dalle enormi prospettive. Ma se l'alleanza consentirebbe di mettere a fattore comune la presenza americana di Fca, la tecnologia giapponese e ottimizzare l'assetto in Europa, non vanno sottovalutati i rischi sotto il profilo della governance.

C'è già un precedente molto evidente: i dissidi interni del patto Renault-Nissan dimostrano come sia difficile trovare i giusti equilibri. E come metterla sul fronte occupazionale considerando che in Europa sono presenti 20 stabilimenti a marchio Renault e 23 Fca?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle auto per rimanere aggiornato su tutte le novità:
Ti è piaciuto questo articolo? star

Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il