Fiat Panda, Fiat 500 si punta sul Mild Hybrid in attesa della Fiat Centoventi elettrica

C'è un aspetto di fondo che non viene compromesso con le auto mild hybrid ed è quello che Fiat è pronto a proporre anche con le prossime versioni di 500 e Panda.

Fiat Panda, Fiat 500 si punta sul Mild H

Fiat punta sulle auto mild hybrid


Non è chiaro e sicuro se la Fiat 120, il vero modello totalmente nuovo, sarà solo elettrica o avrà altre motorizzazioni. Nel frattempo, però la Fiat Panda e la Fiat 500 Mild Hybrid insieme a diversi altri modelli sono il futuro attuale.

La transizione di Fiat verso l'elettrificazione è iniziata, ma il passaggio sta avvenendo con molta gradualità. E forse non c'è neanche tanto da meravigliarsi, tenendo conto il tipo di utenza a cui si sta rivolgendo la casa automobilistica italiana. Ecco perché con sempre maggiore insistenza all'annuncio della realizzazione delle varie Fiat 500 e Fiat Panda in versione elettrica si affiancano le ipotesi della produzioni di varianti mild hybrid.

L'unità termica è abbinata a un alternatore che fa anche da generatore e nei rallentamenti recupera energia, nelle riprese contribuisce alla spinta. Si tratta cioè delle auto alimentate con sistema ibrido leggero che propongono una esperienza di guida a metà strada tra quella con motore termico e l'elettrico puro. Un modo concreto per avvicinare il grande pubblico alle nuove tecnologie ma senza l'abbandono della zona di comfort.

Fiat punta sulle auto mild hybrid

C'è infatti un aspetto di fondo che non viene compromesso con le auto mild hybrid ed è quello che Fiat è pronto a proporre anche con le prossime versioni di 500 e Panda. La ricarica della batteria non avverrà con sistema plug-in ovvero collegando l'auto a una presa di ricarica esterna, pubblica o domestica che sia. Un'alimentazione di questo tipo è destinato a cambiare le abitudine e a provocare qualche disagio di troppo laddove non sono presenti stazioni per la ricarica.

Senza dimenticare il perenne rischio di rimanere a secco di energia nel bel mezzo di un viaggio. Tra l'altro l'autonomia garantita non è illimitata e dipende dalla capacità delle batterie installate.

Vantaggi mild hybrid

In più il mild-hybrid prevede un'unità a corrente di bassa potenza. Questo modulo fa da motorino di avviamento e fornisce una spinta aggiuntiva in ripresa. Ma soprattutto si ricarica durante la guida, in frenata o in fase di decelerazione. In questo modo il conducente non deve fare altro che guidare. E nelle future Fiat 500 e Fiat Panda, l'impianto prevede una unità elettrica da collegare al motore a benzina con una cinghia.

In pratica da da motorino di avviamento, e aiuta nella ripresa. L'energia per azionarlo proviene dalla batteria che affianca quella normale utilizzata per i servizi elettrici. La ricarica avviene nelle decelerazioni, quando il dispositivo genera corrente e la potenza recuperata è gestita dalla centralina dell'Abs.

Si tratta di una soluzione molto semplice e molto differente dalla complessità del plug-in. Oltre che nei rallentamenti, la batteria che alimenta il motore elettrico si può ricaricare collegando la presa esterna della vettura alla rete domestica. Quando è efficiente al 100%, l'unità elettrica aiuta quella termica e può muovere l'auto da sola.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle auto per rimanere aggiornato su tutte le novità: