Fiat Panda 4x4, una delle utilitarie più apprezzate di sempre è da comprare ora o mai più

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Fiat Panda 4x4, una delle utilitarie più

L'utilitaria dallo spirito avventuriero

Il principio della Fiat Panda 4x4 è abbastanza semplice: prendi il modello classico, sollevalo, proteggi la sua carrozzeria, fai muovere le ruote posteriori e il gioco è fatto.

Fin dalla sua prima generazione, che risale agli anni 80, Fiat Panda è stata accompagnata da una versione a quattro ruote motrici chiamata Panda 4x4.

La terza generazione lanciata nel 2012 non ha tracciato una linea sotto questa tradizione e ancora una volta ritroviamo questa versione, a dir poco originale, poiché unica sul mercato. Ma considerando il suo addio al mercato, le chance per acquistarla spariranno. Approfondiamo in questo articolo:

  • L'utilitaria dallo spirito avventuriero: Fiat Panda 4x4

  • Fiat Panda 4x4: quali prospettive

L'utilitaria dallo spirito avventuriero: Fiat Panda 4x4

Il principio della Fiat Panda 4x4 è abbastanza semplice: prendi il modello classico, sollevalo, proteggi la sua carrozzeria, fai muovere le ruote posteriori e il gioco è fatto. In pratica è la stessa macchina ma con più muscoli. Lo spirito è un veicolo pratico, poco costoso e, soprattutto, che non si prende troppo sul serio. Fiat Panda 4x4 non perde in alcun modo le qualità pratiche del modello base.

Cresce solo di 3 centimetri (3,68 m) e quindi rimane molto facile da guidare. Anche la sua abitabilità è intatta, così come il volume del bagagliaio (225 litri). Recuperi i pochi difetti del modello originale, come la qualità media dei materiali della plancia. Tuttavia l'ultima versione è più colorata grazie a inserti che ricordano la carrozzeria esterna, stessa cosa per la tappezzeria.

La posizione di guida è piacevolmente alta, il volante è ben posizionato e il comando superiore della leva del cambio rimane idealmente posizionato. L'ergonomia è generalmente buona, con comandi posizionati dove te li aspetti, a eccezione della regolazione dei fari, i cui pulsanti si trovano sotto l'autoradio.

Sotto il cofano di questa Fiat Panda 4x4 trovano posto due motori: il 0.9 l TwinAir block da 85 CV per il benzina e il 1.3 l MultiJet block da 95 CV per il diesel. Potenze ben proporzionate in relazione al peso del veicolo, che consentono di trovarsi a proprio agio in città e su strada. In aumento anche il suo livello di comfort, come per la versione classica. Solo un rumore un po' troppo forte del motore può rovinare la festa, ma qualcuno direbbe che contribuisce allo spirito avventuroso.

La trasmissione passa attraverso un cambio manuale a 6 marce. All'epoca, la prima Panda 4x4 era in condizioni di guida normale, trazione anteriore, e l'asse posteriore (rigido) era innestato tramite una maniglia situata tra i sedili. Niente di tutto questo qui: un accoppiatore invia automaticamente la coppia alle ruote posteriori non appena manca l'aderenza della ruota anteriore.

Fiat Panda 4x4: quali prospettive

Grazie alla sua trazione integrale che distribuisce la coppia motrice in tempo reale tra l'asse anteriore e l'asse posteriore, Fiat Panda 4x4 è a suo agio sui sentieri battuti. Il suo bloccaggio del differenziale arriva al punto di mettere tutta la potenza sulla ruota con la massima aderenza. A questi sistemi elettronici si aggiungono interessanti angoli di attacco e partenza e un'altezza di marcia sufficiente.

Il modello a catalogo che più degli altri prova ad avvicinarsi alla 4x4 è Fiat Panda Cross, Molto stilosa grazie ai suoi colori appariscenti come il giallo limone ai suoi elementi estetici aggiuntivi, Panda Cross non fa però tutto questo per il semplice scopo di darle un potere di attrazione maggiore di una Panda 4x4 Basic. Le protezioni paraurti anteriore e posteriore argento, i pannelli laterali allargati, i fendinebbia prominenti e le piccole luci diurne a Led a forma di linea hanno anche lo scopo di proteggere i componenti meccanici e la carrozzeria oltre a migliorare la visibilità del guidatore.

All'interno, l'atmosfera ramata dei rivestimenti e della plancia bicolore è gradevole, anche se non c'è da aspettarsi grandi cose sul rivestimento: le plastiche dure sono predominanti. I passeggeri posteriori hanno però uno spazio abitativo ridotto al minimo indispensabile e il volume del bagagliaio è limitato a 225 litri.