Fiat Tipo fuori produzione. Le nuove auto e modelli sostituti possibili

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Fiat Tipo fuori produzione. Le nuove aut

Addio Fiat Tipo, fine produzione. Perché?

L'auto continuerà a essere prodotta in Turchia come Fiat Aegea, ma solo per i mercati medio orientale e nord africano. Chi prende il suo posto?

E quasi certo che la Fiat Tipo andrà fuori produzione, manca solo l'ufficialità. Ma è interessante capire quale potrebbe essere la sua sostituta, se ci sarà, mentre sono stati già ufficiali numerosi nuovi modelli di Fiat 500 e Fiat Panda. 
 

Questo è lo strano destino di Fiat Tipo perché l'auto è stata rilanciata sul mercato per espressa volontà di Sergio Marchionne, ma adesso potrebbe uscire di nuovo fuori produzione. E poco conti che, dati alla mano, sia stata acquistata nel 2018 già 82.045 volte, rappresentando una delle vetture più immatricolate nel segmento C del mercato e la più venduta del continente. Proposta in tutti i paesi dell'Area Emea (Europa, Medio Oriente e Africa) nelle tre varianti sedan, hatchback e station wagon, Fiat Tipo è materialmente realizzata negli stabilimenti Tofas di Bursa. E al termine di questo ciclo di produzione calerà il sipario su una delle vetture che ha dato in passato una decisa spinta verso l'alto dei conti Fiat. Troppo pressante la concorrenza su segmento di mercato per giustificare la sua presenza ovvero sperare di vincere e raggiungere quei livelli di redditività immaginati da Fca.

Addio Fiat Tipo, fine produzione. Perché?

Non ci sarà quindi alcuna seconda generazione di Fiat Tipo nonostante si tratti di una soluzione strategica per le famiglie, pragmatica e con tanta sostanza. Vegono dunque a cadere le ambizioni di trasformarla nel nuovo modello di massa. Resta però da capire perché i conti non tornano. Come è possibile che l'auto non sia redditiva nonostante i confortanti dati di vendita? La risposta arriva presto ed è l'isolamento di Fiat Tipo (denominata Aegea nei mercati medio orientale e nord africano e non inizialmente concepito per l'Europa occidentale) nella fase di produzione. In buona sostanza la su realizzazione passa dall'utilizzo di una piattaforma differente da quella impiegata per Alfa Romeo, Fiat e Jeep ovvero gli altri marchi sotto l'ombrello di Fiat Chrysler Automobiles. La mancanza di condivisione fa schizzare i costi di produzione verso l'alto fino a renderla poco conveniente dal punto di vista economico.

Ma c'è anche una seconda variabile che ha inciso nella decisione di far scivolare Fiat Tipo fuori produzione ovvero i nuovi limiti sul livello di emissioni delle auto. L'adeguamento alle norme comporta l'implementazione di continui ma soprattutto costosi aggiornamenti. Tirando dunque la linea finale, il rapporto costi-benefici di Fiat Tipo non è conveniente per Fca. E poco conta che sia la terza più vettura più acquistata in casa Fca, alle spalle di Fiat 500 e Fiat Panda e davanti a modelli come Alfa Romeo Giulia, Jeep Renegade e Jeep Compass. Così come poco importa che l'auto sia stata rispolverata per presenziare lo strategico segmento C dopo l'uscita dalla produzione di Fiat Bravo. La strategia ha previsto l'arrivo sul mercato italiano della solo 3 volumi, quindi quella a 2 volumi e infine la station wagon. Un piano ben studiato ma si è arenato con la prima generazione.

Resta solo Fiat Aegea, chi al suo posto?

Fiat Tipo continuerà a essere prodotta in Turchia come Fiat Aegea, ma solo per i mercati medio orientale e nord africano. Resta allora da capire chi prenderà il posto di Fiat Tipo, considerando che dalle parti di Fiat, la novità più importante è l'elettrificazione della 500 con il nuovo powertrain mild-hybrid con impianto a 12 volt. 

Certo che al posto della Fiat Tipo ci potrebbero anche essere, appunto, gli altri modelli preannunciti di altre auto che hanno fatto la storia come la Fiat 500 con tanti uovi modelli in arrivo   così come la Fiat Panda, ma anche nuove auto auto come la Fiat 120. E sono in pratica già tutti ufficiali.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle auto per rimanere aggiornato su tutte le novità: