Incentivi auto rottamazione oltre quelli attuali locali in arrivo nazionali. Ecco per quali auto

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Incentivi auto rottamazione oltre quelli

Incentivi per la rottamazione auto

Sconti per i cittadini che vogliono sbarazzarsi di vetture alimentate a diesel appartenenti alle classi Euro 0, Euro 1 ed Euro 3 e per quelle spinte a benzina Euro 0 ed Euro 1.

Comprare un'auto è certamente più facile e comodo in caso di incentivi. La possibilità di risparmiare sul prezzo di listino al di à degli sconti del concessionario di fiducia è un'opportunità che ingolosisce. La novità degli ultimi tempi è rappresentata dal freno dei governi a proporre nuove agevolazioni - anche se l'attuale esecutivo potrebbe proporre una nuova stagione di incentivi come preannunciato dal ministro dell'Ambiente - e la parallela vivacità delle amministrazioni locali. Ci sono ad esempio le regioni Friuli Venezia Giulia e Lombardia, ma anche la provincia di Trento, a proporre a più riprese formule di convenienza per convincere gli automobilisti a cambiare vettura. L'obiettivo è naturalmente quello di far circolare sulle strade auto meno inquinanti per evitare continui blocchi alla circolazione e provocare un peggioramento della qualità di vita dei cittadini sotto più punti di vista.

Incentivi per la rottamazione auto a livello locale

Le regole degli incentivi per rottamare l'auto in Friuli Venezia Giulia sono allora presto dette: per i cittadini che vogliono sbarazzarsi di vetture alimentate a diesel appartenenti alle classi Euro 0, Euro 1 ed Euro 3 e per quelle spinte a benzina Euro 0 ed Euro 1 è concesso uno sconto in base al tipo di veicolo acquistato che, in ogni caso, deve essere ecologico ovvero con motore gpl, metano, ibrido benzina-elettrico (ma non diesel-elettrico) o elettrico puro. E poi, particolare di primo piano, deve essere nuova e non usata. Il concetto di fondo per capire a quanto ammonta l'incentivo si basa appunto sul livello di emissioni prodotte dall'auto: più sono basse e maggiore è la somma in base al principio dell'inversa proporzionalità. Ecco quindi 3.000 euro per chi acquista un'auto a metano, 4.000 euro per chi sceglie una ibrida benzina-elettrico, 5.000 euro per chi preferisce una vettura con motore solo elettrico.

Facilitazioni anche in Lombardia per l'acquisto di un'auto nuova e la contestuale rottamazione della vecchia, compresi autocarri e motocarri. Più nel dettaglio, lo sconto è di 90 euro per la rottamazione e l'esenzione per 3 anni del versamento dell'imposta di possesso. Le norme prevedono che l'auto da acquistare abbia una cilindrata fino a 2.000 cm3, sia una Euro 5 o una Euro 6, l'alimentazione sia a benzina, bifuel, ibrida, ma non diesel, sia destinata a uso privato, sia intestata a una persona fisica o una persona giuridica, l'acquisto o la trascrizione al Pubblico registro automobilistico avvenga tra il 2 gennaio e il 31 dicembre di quest'anno. E infine, il mezzo da rottamare deve essere intestato allo stesso proprietario della nuova auto o a un suo familiare, venga demolita tra il 2 gennaio e il 31 dicembre di quest'anno e sia una Euro 0 o Euro 1 alimentata a benzina o gasolio oppure una Euro 2 o Euro 3 diesel.

Cosa cambia nel 2019

La novità è appunto rappresentata dall'apertura del ministro dell'Ambiente a introdurre incentivi per la rottamazione di auto Euro 3 e classi inferiori. Ma rispetto a quanto accade a livello locale, si resta in attesa di tutti i dettagli operativi.

Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle auto per rimanere aggiornato su tutte le novità: