Le nuove city car Fiat 2023-2024 saranno ben quattro auto differenti tra gli 8mila-22mila euro

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Le nuove city car Fiat 2023-2024 saranno

City car Fiat 2023-2024

Il debutto di Fiat Topolino sarebbe stato rimandato di qualche mese, con la presentazione ufficiale che potrebbe avvenire nel 2024. E non è la sola novità.

Ci sono grandi movimenti in casa Fiat. Alla fine del 2023 è atteso il rilancio della 600 secondo gli stilemi attuali richiesti dal mercato, e perfino il ritorno della Topolino. In agenda ci sono anche la sostituzione della Panda nel 2024 e la possibile riproposizione della Punto, l'utilitaria per eccellenza.

L'ipotesi di un ritorno della Topolino, in particolare, ha ricevuto pareri contraddittori, tra chi è felice e favorevole al riutilizzo di un nome così emblematico e chi piuttosto critica la possibilità scelta data la lontananza del progetto iniziale. Cerchiamo allora di capire come stanno le cose e dunque:

  • Le prime due city car 2023-2024: Fiat Panda e Fiat Punto

  • Ci sono anche la Topolino e la Fiat 600

Le prime due city car 2023-2024: Fiat Panda e Fiat Punto

Se l'attuale Panda viene prodotta in Italia nello stabilimento di Pomigliano d'Arco, la sua sostituzione sarà assemblata in Serbia nello stabilimento di Kragujevac, che produce la 500L. Questa nuova Panda si posizionerà nel segmento B delle city car versatili abbandonate dalla Punto dal 2018.

Progettata sotto la guida del nuovo direttore del design, questo modello vedrà le sue dimensioni allungarsi fino a circa 4 metri rispetto ai 3,69 metri attuali, standard in questa categoria. Non dovrebbe necessariamente ispirarsi al concept Centoventi presentato nel 2019 visto che sul tavolo c'erano due progetti: una city car della Panda originale e un modello riferito alla Punto.

Fiat non ha dovuto guardare lontano per sviluppare questa city car. Quest'ultimo assumerà la base CMP della nuova Citroen C3, il cui sviluppo è stato ritardato e che uscirà all'inizio del 2024. Il produttore lancerà inizialmente la versione economica con un motore da 60 kW e una batteria Svolt cinese da 40 kWh. Seguirà una versione più potente con motore da 80 kW e batteria da 50 kWh, quando l'attuale Panda uscirà di scena con l'entrata in vigore della normativa Euro 7 nel 2026.

Proprio la Fiat Punto potrebbe essere allora la grande sorpresa del prossimo biennio. Potrebbe infatti presentarsi con una motorizzazione alternativa così da assecondare le norme attuali sulle emissioni, ma allo stesso tempo tempo conservare un prezzo di vendita contenuto.

Ci sono anche la Topolino e la Fiat 600

Il debutto di Fiat Topolino sarebbe stato rimandato di qualche mese, con la presentazione ufficiale che potrebbe avvenire nel 2024. Il condizionale si impone, in questo caso e per tutto il progetto visto che né il marchio italiano né Stellantis hanno mai confermato ufficialmente la realizzazione di questa possibilità.

Prima dell'estate, però, si vociferava che il marchio torinese fosse pronto a riportare in auge questo celebre modello adattandone le forme a quelle del Citroen Ami, il quadriciclo elettrico del marchio francese che sta riscuotendo molto successo in Italia e in Europa. Le stesse indiscrezioni sono tornate a farsi insistenti nei giorni scorsi, parlando appunto di un possibile rinvio del debutto della nuova Fiat Topolino rispetto al calendario che la casa automobilistica italiana si era prefissata in precedenza.

Nel caso del modello della Fiat 600 parliamo di un'auto meno improntata al pop e alla modularità e più orientata al segmento premium, con finiture curate e la possibile aggiunta di una variante con tetto in tela.

L'auto avrà un aspetto notevolmente migliorato, forse sarà un suv urbano compatto, con un pacchetto appositamente progettato, splitter anteriore, spoiler posteriore, minigonne laterali e sospensioni ribassate. I cerchi possono essere da 18 pollici di serie. Anche la strumentazione interna e l'abitacolo saranno proposti per questa versione sportiva con sedili e audio appositamente progettati.

Il pacco batterie da 52 kWh consentirà, a fronte dell'aumento delle prestazioni, un'autonomia di 350-380 chilometri. Si può valutare la possibilità di inserire qualche kWh in più per dare a questo crossover un range accettabile tra le due cariche.