Le più interessanti Microcar e Quadricicli 2023, sempre più simili a vere auto e in forte crescita

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Le più interessanti Microcar e Quadricic

Modelli più interessanti di Microcar e Quadricicli

Tutto il piacere di guidare piccole auto che consentono di risparmiare sui costi di gestione e in grado di offrire una tenuta di strada affidabile.

Microcar e quadricicli sono sempre più ricercati da chi desidera una mobilità alternativa e più economica. I veicoli di questa categoria non superano i 425 kg con una potenza inferiore o uguale a 8,2 CV e una cilindrata limitata a 500 cm3 per i modelli diesel rispetto ai 50 cc a benzina. Anche le dimensioni contano poiché l'auto senza patente non supera i 3 metri di lunghezza, 1,50 metri di larghezza e 2,50 metri di altezza. Ultimo punto, la velocità di questi mezzi è limitata a 45 chilometri e hanno solo due posti.

  • Citroen Ami

  • Aixam Minauto

  • Microcar M.Go X

  • Renault Twizy

  • Ligier JS50

  • Bellier B8

Citroen Ami

Con i suoi 2,41 m di lunghezza e 1,39 m di larghezza, Citroen Ami consente di parcheggiare facilmente e percorrere le strade strette in tutta tranquillità. Preoccupato per l'ambiente, è dotato di un motore elettrico da 6 kW che consente un'autonomia di 70 chilometri. L'Ami si ricarica in 3 ore con una presa standard. Nonostante il suo corpo in plastica e le sue dimensioni ridotte, non ci si sente compressi grazie al suo ampio tetto panoramico, perfetto per godersi il bel tempo durante un viaggio. Da circa 6.000 euro.

Aixam Minauto

Leader nel suo settore e fondato nel 1983, il produttore Aixam detiene oggi quasi il 30% del mercato europeo con le sue tre gamme di auto diesel o elettriche. La sua linea Emotion, in coerenza con le precedenti, appare rigorosamente disegnata. Un bagagliaio gigante, una tenuta di strada rassicurante, un'ergonomia semplice. È la scelta giusta, soprattutto perché la reputazione del marchio in termini di affidabilità non è seconda a nessuno. Da circa 9.000 euro.

Microcar M.Go X

Il marchio Microcar presenta questo modello come un mini suv con la sua falsa aria di Citroen C3 Aircross. Offre aria condizionata opzionale, airbag conducente e autoradio con schermo da 6,2 pollici, poco più dello schermo di uno smartphone. Da circa 12.000 euro.

Renault Twizy

Renault è stato il primo costruttore di auto grandi a proporre un modello guidabile senza patente B. Spinto esclusivamente da un motore elettrico, l'originalissimo Twizy si colloca a metà strada tra lo scooter a tre ruote e un quadriciclo. Niente finestrini o porte laterali o riscaldamento di serie, ma un look super originale, personalizzabile grazie a tanti elementi colorati. A partire da 12.000 euro.

Ligier JS50

Fondato dal pilota di Formula 1 e capo squadra Guy Ligier, questo piccolo marchio si è fuso con Microcar nel 2008 per diventare Ligier Group. A ricordo degli anni di competizione, rimane la denominazione JS, come sulle vetture di Formula 1 di un tempo, così chiamata in omaggio al pilota Jo Schlesser, grande amico di Guy, morto in gara nel 1968. Da notare che la più recente, la JS50, utilizza i fari Peugeot 208 e la stessa base tecnica della Microcar M.GO X. Da 12.000 euro.

Bellier B8

In origine, Bellier produceva auto per bambini alimentate da motori VeloSolex. Con l'ascesa delle microcar, il marchio passò al diesel, ma mantenne l'anima da bambino con la B8, che prese le sembianze della Fiat 500. Da 17.000 euro.