Opel Astra 2022: perché conviene comprare o no. Pregi e difetti della nuova compatta

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Opel Astra 2022: perché conviene comprar

Perché conviene comprare la nuova Opel Astra

Opel non lo nasconde: con questa nuova versione di Astra, il costruttore intende tornare sul podio delle compatte in Europa.

Per la realizzazione di Opel Astra, i designer della casa automobilista tedesca hanno scelto di abbandonare le linee arrotondate per linee più spigolose. In fatto di motori, Stellantis ha fatto tabula rasa del passato. La compatta tedesca beneficia di un tre cilindri 1.2 turbo benzina disponibile in due livelli di potenza: 110 CV (BM6) e 130 CV (BVM6 o EAT8).

Opel mantiene un'unità diesel da 130 CV, essenziale per attirare flotte e grandi conducenti, che rappresentano più della metà degli acquirenti Astra.

Per soddisfare i nuovi e sempre più stringenti standard ambientali, la compatta si aggiudica due versioni ibride plug-in da 180 e 225 CV, in grado di offrire fino a 60 km di autonomia in modalità 100% elettrica. Questi motori associati al nuovo telaio consentono ad Astra di visualizzare fino a 200 kg in meno sulla bilancia. Approfondiamo in questo articolo:

  • Perché conviene comprare la nuova Opel Astra

  • Opel Astra, pregi e difetti della compatta

Perché conviene comprare la nuova Opel Astra

L'Astra ha fatto grandi progressi tecnici. Opel non lo nasconde: con questa nuova versione il costruttore intende tornare sul podio delle compatte in Europa. Il nuovo arrivato ha seri punti di forza per sedurre gli acquirenti, a cominciare dal suo stile e dalle sue tecnologie.

La nuova Opel Astra misura 4,37 metri, come la versione precedente. La griglia è più verticale. La maschera ViZor, il nuovo volto delle Opel inaugurato dalla Mokka e da allora assorbito dalla Grandland, comprende fari raffinati. Questi, ora di forma rettangolare, incorporano ancora la tecnologia Intellilux di cui Astra ha già beneficiato nel 2015. D'altra parte, la firma luminosa in L si è evoluta e allungata. Di profilo, si nota uno sbalzo più corto all'anteriore, più lungo al posteriore e un'altezza leggermente inferiore. Effetto rafforzato dalla presenza del tetto nero.

Il montante posteriore, più inclinato per rafforzare il dinamismo delle linee, integra in modo più visibile la pinna di squalo. Nella parte posteriore, le linee molto orizzontali e i fianchi larghi danno più seduta e presenza alla nuova Astra. Con i suoi 1,86 m è più largo di 5 cm rispetto alla release precedente. Nello spoiler, Opel ha elegantemente integrato la terza luce di stop. Oltre alla presenza di luci più sottili e allungate, il produttore ha inciso il nome del modello al centro del portellone.

Per accedere al bagagliaio della compatta di sesta generazione, non è più necessario cercare un pulsante. È sufficiente scuotere il logo. La capacità va da 367 a 422 l a seconda che si opti rispettivamente per una versione a benzina o diesel. I modelli ibridi plug-in sono i peggiori con un volume di carico di soli 305 litri poiché la batteria è alloggiata sotto il pavimento. Quest'ultimo sarà modulare, una novità, tranne che sulle versioni PHEV.

Opel Astra, pregi e difetti della compatta

Sui sedili anteriori, Opel Astra 2022 non ha davvero nulla da invidiare al suo predecessore. La plancia, dal design pulito, eredita un ampio pannello composto da due schermi digitali da 10 pollici ciascuno.

Il sistema multimediale beneficia di una nuova interfaccia software più reattiva, intuitiva e completa rispetto al passato, senza però diventare troppo complicata da utilizzare. Come nella vecchia generazione, sono stati mantenuti i controlli fisici per l'accesso rapido a determinate funzioni, come il volume della radio o l'aria condizionata. Tuttavia, sono meno numerosi e sono meglio integrati.

La consolle centrale è ricca di vani portaoggetti richiudibili, in particolare su questa versione con cambio automatico (EAT8) che riceve una mini leva del cambio identica a quella della Peugeot 308. L'attrezzatura ne approfitta per fare un salto di qualità. Opel ha aggiunto un caricabatterie a induzione, display head-up, sistema di guida autonoma (livello 2) e rilevamento dell'angolo cieco. I sedili sono ancora molto comodi e ancora più ergonomici.





Iscriviti al nostro gruppo Facebook sulle auto per rimanere aggiornato su tutte le novità: