Opel, gamma SUV in promozione a tasso zero a maggio

Triplice possibilitÓ di acquistare in offerta uno dei tre modelli della gamma SUV, Opel Crossland X, Opel Mokka X e Opel Grandland X a tasso zero.

Opel, gamma SUV in promozione a tasso ze

Opel, la gamma SUV Ŕ in promozione a maggio a tasso zero


Continua a essere quello di maggio il mese delle promozioni per le case automobilistiche e non è da meno Opel con la nuova triplice possibilità di acquistare in offerta uno dei tre modelli della gamma SUV, Crossland X, Mokka X e Grandland X ovvero a tasso zero. Opel Crossland X, in versione Advance 1.6 da 99 CV, è proposto a 15.900 euro. In dote porta con sé luci diurne a LED, climatizzatore, sistema d'infotainment con display touch da 7 pollici con Apple CarPlay e Android Auto, cruise control e Lane Departure Warning. Opel Mokka X, versione diesel Advance 1.6 da 110 CV, è venduto ed è quipaggiata con cerchi in lega da 17 pollici, fari diurni a LED, IntelliLink con Apple CarPlay e Android Auto, OnStar con Wi-Fi 4G e 3 anni di garanzia, furto e incendio e manutenzione ordinaria con Scelta Opel.

Infine, ecco Opel Grandland X - diesel in stock nell'allestimento Advance con motore 1.6 turbodiesel da 120 CV - a 417 euro al mese. Dalla sua ci sono un bagagliaio con capacità che va da 514 a 1.652 litri, cerchi in lega da 17 pollici, luci diurne a LED, climatizzatore elettronico bizona, sensori di parcheggio anteriori e posteriori, infotainment touch da 7 pollici con Apple CarPlay e Android Auto. La stretta attualità passa anche da un'altra novità: la chiusura del servizio di assistenza OnStar nel 2020. Lanciato circa 3 anni fa, il suo ciclo di vita sarà allora di cinque anni. Si tratta di quella funzione che si attiva schiacciano un solo tasto vicino allo specchietto retrovisore interno. L'utilità è presto detta: mette in comunicazione i passeggeri dell'auto con una centrale europea, capace, ad esempio, di chiamare i soccorsi dopo un incidente.

Crossland X, un grandissimo successo. Caratteristiche del Suv

E chi l'avrebbe detto che il successo di Opel Crossland X arrivasse fino a questo punto? A un anno dalla presenza nei concessionari europei, il produttore rivela i primi numeri, come quello relativo ai 100.000 ordini. Si tratta di una cifra di tutto rilievo per la semplice ragione che nel segmento dei Suv del segmento B la concorrenza c'è e si fa sentire. Pollice in su, riferisce la casa tedesca, per il design, le dimensioni compatte, l'abitacolo spazioso, le, combinazioni bicolore di tendenza. E che sia in generale un periodo fecondo è dimostrato dalle statistiche italiane relative alla gamma X di Opel. La casa automobilistica registra il +40% nei primi due mesi del 2018, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Spinta dai motori diesel, benzina e GPL, con cilindrate che vanno da 1.2 a 1.6 litri, con potenze dai 55 kW e 75 cv a 96 KW e 130 cv, abbinati a cambi manuali a cinque e sei rapporti o al cambio automatico a sei rapporti, siamo davanti al terzo membro della famiglia Opel X, composta da Suv di tendenza, accanto al Mokka X e a Grandland X, di dimensioni superiori. I consumi dichiarati, secondo il nuovo ciclo New European Driving Cycle, nel combinato, di 6,9-3,6 litri ogni 100 chilometri. Risultato del primo progetto tra Groupe PSA e Opel, l'architettura di Crossland X è condivisa con la Citroën C3 Aircross ed entrambi i modelli sono prodotti nello stabilimento spagnolo di Saragozza.

Dalla sua ci sono numerosi sistemi di assistenza alla guida d'avanguardia come il rilevamento di stanchezza Driver Drowsiness Alert e l'allerta in caso di superamento involontario dei limiti di carreggiata, l'avviso pre-collisione (Forward Collision Alert) con rilevamento pedoni e frenata automatica di emergenza, i fari anteriori full Led, la telecamera panoramica posteriore con visione a 180 gradi e l'allerta angolo cieco laterale Side Blind Spot Alert.

Ulteriori novità Opel in arrivo nell'anno

Come spiegato da Peter Küspert, Managing Director Sales e Marketing di Opel Automobile GmbH, grazie alle tipiche tecnologie Opel come i sedili anteriori ergonomici certificati da AGR, unici in questo segmento di mercato, Crossland X ha un ruolo chiave nella offensiva del produttore. Insieme agli altri membri della famiglia X, Mokka X e Grandland X - rende noto - nel 2018 sarà disponibile per tutto l'anno e, stando alle aspettative, contribuirà alla crescita del marchio. A dimostrazione di come proprio questa sia un segmento di mercato in crescita.

Previsto da tempo, è arrivato anche in Italia il marchio Cayu (Car for you) ovvero lo strumento con cui acquistare una vettura Opel al di là del modo tradizionale ovvero nelle concessionarie. In buona sostanza, la vettura scelta e debitamente configurata può essere fatta propria attraverso una piattaforma che è un po' online e un po' offline ovvero nei luoghi di maggior afflusso dei clienti. E si tratta di un piccolo record (di un motivo di soddisfazione per i responsabili italiani), considerano che l'Italia è il secondo Paese dopo la Germania a garantire questa opportunità. Insomma, benvenuti nella nuova frontiera dell'acquisto di automobili.

L'auto si acquista al centro commerciale

Il taglio del nastro è avvenuto a Roncadelle, nel Bresciano, all'interno del centro commerciale Elnòs Shopping. Qui il marchio Opel ha inaugurato il primo Cayu store. Il funzionamento è semplice: vedi, testi, fai l'ordine online con l'aiuto del robot Cayuki e di sei personal shopper. Per la firma l'appuntamento è invece in concessionaria. Come fanno notare dalle parte di Opel, oltre la metà delle persone interessate ad acquistare una vettura inizia la propria ricerca online, ma sono pochi quelli che finalizzano l'acquisto in Rete. Forse è solo una mancanza di fiducia, della consapevolezza di andare avanti o di una spinta per concludere l'operazione, ma a un certo punto si assiste a un blocco.

Da qui l'idea di sviluppare una piattaforma digitale con la novità di piazzarla proprio in un centro commerciale ovvero in quei luoghi di maggiore frequentazione. L'acquirente potenzialmente interessato può così toccare con mano il modello preferito di auto, provarlo con un test drive e decidere se procedere con l'ordine online dei modelli scontati in pronta consegna oppure farsi spedire la proposta via pochi elettronica. Insomma, con pochi click l'operazione è conclusa e, tra l'altro, si ottiene anche una eventuale valutazione del proprio veicolo usato, se ne si possiede uno da dare in permuta, e una comparazione delle migliori offerte.

Esperienza di vendita innovativa

Come spiegato da Andrea Ciucci, direttore Vendite Opel Italia, Cayu è un nuovo modo di concepire l'acquisto dell'auto andando incontro alle esigenze dei clienti che vogliono ottimizzare il proprio tempo e quindi desiderano un acquisto che sia veloce, semplice e sicuro. Insieme all'imprenditore Barchetti, che è anche concessionario Autentika di Brescia, hanno così elaborato un'esperienza di vendita innovativa, che non cambia la strategia Opel di distribuzione, ma che ha l'obiettivo di massimizzare ancor di più la soddisfazione del cliente.

Previsto da tempo, è arrivato anche in Italia il marchio Cayu (Car for you) ovvero lo strumento con cui acquistare una vettura Opel al di là del modo tradizionale ovvero nelle concessionarie. In buona sostanza, la vettura scelta e debitamente configurata può essere fatta propria attraverso una piattaforma che è un po' online e un po' offline ovvero nei luoghi di maggior afflusso dei clienti. E si tratta di un piccolo record (di un motivo di soddisfazione per i responsabili italiani), considerano che l'Italia è il secondo Paese dopo la Germania a garantire questa opportunità. Insomma, benvenuti nella nuova frontiera dell'acquisto di automobili.

E la nuova Opel Grandland X

Riflettori puntati, in tutti i sensi, sulla Opel Grandland X, e il suo sistema per la guida autonoma. Si tratta di uno dei sistemi più evoluti presenti sul mercato, ma fino a che punto esaltarla (o meno)? A dare i voti a questo concentrato di innovazione e tecnologia che è l'Opel Grandland X ci ha pensato Luigi Melita di hdmotori.it e, anticipiamolo subito, le valutazioni sono state tutte di segno positivo. Ma anche se non ha assegnato alcuna insufficiente, è pur vero che non ci sono eccellenze da segnalare. In buona sostanza, il lavoro è stato quasi ottimale, ma la perfezione non è stata ancora raggiunta. Il voto più alto è stato comunque assegnato al riconoscimento segnali stradali (9,5) con il 10 che, sostiene, sarebbe arrivato con la possibilità di automatizzare la velocità impostata. Appena mezzo voto in meno per il monitoraggio dell'angolo cieco e il Cruise control adattivo.

Nel primo caso, per alzarlo servirebbe un sistema adattivo anche in base allo stile di guida del conducente, riconoscendo chi è in grado di fare sorpassi rapidi in sicurezza ma soprattutto chi di solito incespica ed effettua sorpassi lenti in stile camion. Nel secondo, argomenta l'autore, il voto altro va all'integrazione con il riconoscimento dei segnali stradali, anche se il sistema non è automatizzato. Un bell'8,5 spetta invece abbaglianti automatici dell'Opel Grandland X. Il riverbero dei cartelli catarifrangenti resta un problema con gli abbaglianti automatici attivi - fa puntualmente notare - ma viene considerata ottima la versatilità nell'adattarsi alle diverse situazioni di guida.

Ma che dire dell'8 assegnato al monitoraggio attenzione del conducente della Opel Grandland X? L'autore spiega chiaramente come per lui non sia un motivo di fastidio gli avvisi ma qualche grande viaggiatore potrebbe indispettirsi per l'alert automatico ogni due ore. A suo dire, per migliorare occorrerebbe un algoritmo in grado di analizzare lo stile di guida e cancellare l'avviso se il comportamento di guida è stato ineccepibile. Stesso voto anche il sistema di anticollisione con riconoscimento pedoni. Manca la frenata in retro, il range viene ritenuto ottimo per i pedoni all'estremo inferiore, un po' meno a quello superiore sebbene copra il limite massimo cittadino.

Opel Grandland X per la guida autonoma

In ambiente extraurbano per i veicoli sono coperte le situazioni di guida da codice. Per superare questa valutazione servirebbe un sistema in grado di gestire anche le velocità al di sotto dei 5 chilometri orari e in folle così da evitare i micro tamponamenti in ripartenza, decelerazione finale o discesa. Infine, il voto più basso viene assegnato al mantenimento di corsia per il comportamento altalenante della Opel Grandland X. Con le mani sul volante e leggerissime curva è quasi in grado di guidare da solo, soffre però nelle curve pronunciate e non tiene l'auto al centro. Arrivati a questo punto si attendono le valutazioni dell'utente medio: Opel Grandland X supererà l'esame di guida?