Azioni e obbligazioni 2020, previsioni analisti con crisi per coronavirus e prezzo petrolio

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Azioni e obbligazioni 2020, previsioni a

Azioni e obbligazioni 2020, previsioni

Fino a quando durerà questa crisi e quali sono le ripercussioni su azioni e obbligazioni? Le posizioni degli esperti analisti non sono concordanti.

La crisi economica-finanziaria da coronavirus è in corso, ma fino a che punto c'è da preoccuparsi? Al di là delle difficoltà contingenti, fino a quando durerà questa crisi e quali sono le ripercussioni su azioni e obbligazioni?

A fornire previsioni e analisi sono gli esperti della finanza e, come vedremo nel corso dell'articolo, le posizioni non sono concordanti tra chi prevede scenari negativi e chi invita invece alla calma e immagina addirittura una crescita del Pil globale alla fine dell'anno.

Non solo l'Italia, l'epidemia da coronavirus sta infatti iniziando a colpire anche altri Paesi europei. Vediamo quindi

  • Previsioni Amundi post coronavirus
  • Analisi Credit Suisse su Italia e coronavirus
  • Scenari Allianz Global Investors dopo coronavirus
  • Standard & Poor, previsioni per l'Italia

Previsioni Amundi post coronavirus

Una posizione sicuramente singolare è quella di Amundi, tra le principali società in Europa nel risparmio gestito. Nonostante la crisi immediata che ha colpito l'Italia in seguito alla diffusione del virus e ai primi focolai in Europa, non prevede un futuro globale di segno negativo.

Anzi, prevede una crescita globale del 3% nel 2020. Il taglio delle stime dello 0,2% è il segnale più chiaro dell'ottimismo sui tempi di rientro dalla crisi per il coronavirus. Per Pascal Blanqué, chief investment officer, e Vincent Mortier, deputy Chief Investment Officer di Amundi, non ci sarà uno shock di lunga durata per la crescita potenziale.

Analisi Credit Suisse su Italia e coronavirus

Non c'è lo stesso ottimismo dalle parti di Credit Suisse, ma c'è piuttosto un invito esplicito a invesitori e risparmiatori a non farsi travolgere da panico. Di più, Walter Edelmann Chief Global Strategist di Credit Suisse, indica anche la strada da seguire per uscire da questo periodo difficoltà minimizzando i rischi ed è la diversificazione.

Come fatto notare dall'esperto, anche se i rendimenti dei titoli di Stato erano già bassi prima di queste dislocazioni, la diffusione del coronavirus ha fatto scendere ulteriormente i rendimenti, riflettendosi in una redditività positiva.

Scenari Allianz Global Investors dopo coronavirus

Chi invece prevede un futuro a breve termine negativo è Allianz Global Investors che invita a non illudersi ovvero a non credere alle voci su una rapida ripresa, anche per via del crollo del prezzo del petrolio al barile nell'ambito di una competizione globale che coinvolge anche i mercati arabi.

Da qui l'invito alla maggiore prudenza sui mercati azionari per via dell'incertezza legata al coronavirus. Secondo Stefan Scheurer, Director Global Capital Markets & Thematic Research di Allianz Global Investors, l'impatto economico del virus a livello mondiale non sarà temporaneo.

Standard & Poor, previsioni per l'Italia

La posizione di Standard & Poor è invece attendista e, almeno per il momento non è affatto catastrofista. La sola circostanza che potrebbe portare a scenari disastrosi è il prolungamento del periodo di crisi.

Se le misure si riveleranno efficaci non ci saranno rischi per il rating italiano. Per Frank Gill, director per il rating sovrano dell’area Emea di S&P Global, la domanda è se si tratta di un unico shock alla crescita o riduce il tasso di crescita potenziale di lungo termine dell'Italia.

Ultime Notizie