Btp Italia Maggio 2017: tra due giorni asta dal 15 al 18 Maggio. Differenze rispetto precedenti emissioni e se conviene comprare

La donazione del Btp Italia è assimilabile a una vendita a titolo oneroso e di conseguenza il donatario non ha diritto al premio fedeltà.

Btp Italia Maggio 2017: tra due giorni a

Btp: rendimenti netti, premio fedeltà, come funziona


Innanzitutto si registra un aggiornamento importante sul fronte collocamento dei nuovi Btp Italia, dal 15 al 18 maggio 2017 e con durata di 6 anni. Il tasso cedolare reale annuo minimo garantito è dello 0,45%, quota inferiore rispetto al passato, mentre per quello definitivo sarà fissato dopo la raccolta ordini. A gestire l'operazione sul MOT ci pensano Unicredit e Banca Imi. Come fanno notare i consigli degli esperti, che invitano a non perdere d'occhio questa opportunità per far fruttare i propri risparmi, le fasi del collocamento dei Btp Italia 2017, in scadenza del 22 maggio 2023, sono due. La prima è pensata per i risparmiatori retail e impegnerà i primi tre giorni - dal lunedì 15 maggio a mercoledì 17 maggio 2017 - a meno di chiusura anticipata, ma non prima di due giornate. Il secondo momento è solo per gli istituzionali, dalle ore 11 del 18 maggio.

Btp Italia Maggio 2017: differenze per capire se conviene comprare

Di fatto il Tesoro ha deciso di mantenere inalterate la maggior parte delle caratteristiche di base di uno strumento che piace ai risparmiatori italiani. In caso di inflazione ovvero di aumento del livello generali dei prezzi, nei semestri successivi, la rivalutazione del capitale avverrà solo qualora l'indice torni a superare il livello massimo raggiunto nei semestri precedenti. Proprio il suo aggancio all'inflazione può essere ritenuto uno dei punti di forza. In caso di deflazione in un semestre, la cedola si calcola moltiplicando il tasso cedolare semestrale reale fisso per il capitale nominale non rivalutato. In buona sostanza in quei 6 mesi il rendimento sarà minimo ma garantito al livello del tasso cedolare reale semestrale fisso.

La cedola è semestrale e indicizzata all'indice Foi senza tabacchi del semestre di competenza, calcolata moltiplicando il tasso cedolare semestrale reale fisso per il capitale rivalutato. Un parte fissa da calcolare sul nominale acquistato e non rivalutato - pari al 4 per mille - viene versato dal Tesoro a coloro che detengono il Btp alla scadenza se acquistato nella prima fase di collocamento - lo detengono fino alla scadenza. Queste in sintesi le caratteristiche decise dal Tesoro per i Btp Italia di maggio 2017:

  1. Capitale nominale garantito a scadenza, anche in caso di deflazione
  2. Cedole semestrali calcolate sul capitale rivalutato
  3. Codice Isin del titolo della fase per i risparmiatori retali è IT0005253668
  4. Durata 6 anni
  5. Premio fedeltà per gli investitori retail che acquistano all'emissione e detengono il titolo fino a scadenza.
  6. Recupero immediato dell'inflazione grazie alla rivalutazione del capitale corrisposta ogni sei mesi
  7. Regime fiscale al 12,5%,
  8. Tagli minimi acquistabili di 1.000 euro per i risparmiatori retail e di 100.000 euro per quelli istituzionali
  9. Tasso reale annuo minimo garantito

Nel caso di una operazione prestito titoli avente ad oggetto BTP Italia, nella quale il cliente assume il ruolo di prestatore, siccome il titolo passa dalla disponibilità dell'intermediario prestatario, l'acquirente perde il diritto al premio fedeltà. La donazione del titolo è assimilabile a una vendita a titolo oneroso e di conseguenza il donatario non ha diritto al premio fedeltà.

Ultime Notizie