Boeing e Airbus: la più significativa e grande commessa mai presa. Storica

Non si tratta di un contratto ufficiale, ma la lettera di intenti siglata con Indigo Partners vale certamente molto. In ballo ci sono ben cinquanta miliardi di dollari per l'acquisto di 430 aerei

Boeing e Airbus: la più significativa e

Boeing e Airbus stanno guadagnando commesse maxi commesse. Cifre davvero elevate per i due giganti dell'aria


Due colpi firmati Boieng e Airbus, con la presa di commesse pe svariati decine di milairdi di dollari, la più grande commessa storica mai presa.

Boeing e Airbus, i due colossi mondiali per quel che riguarda la produzione di aerei si stanno dando battaglia a colpi di super commesse che ne accentueranno di sicuro la leadership ma che avranno anche un ruolo non trascurabile sul futuro di un comparto che si appresta a vivere un’altra rivoluzione. Se il gigante americano Boeing, grazie anche al ruolo svolto dal presidente Donald Trump è riuscita a strappare una commessa dalle dimensioni davvero maxi con un accordo che prevede un ordine di trecento velivoli per un valore di circa trentasette miliardi di dollari l’Airbus aveva già annunciato la commessa più grande della storia per un valore di circa cinquanta miliardi di dollari.

Non si tratta ancora di un contratto ufficiale, ma la lettera di intenti siglata con Indigo Partners vale certamente molto. In ballo c’è l’acquisto di quattrocentotrenta aerei appartenenti al fortunato modello dell’A320neo. Frontier Airlines (Stati Uniti), JetSMART (Cile), Volaris (Messico), e Wizz Air (Ungheria) sono le compagnie low cost più popolari e forti sul mercato che hanno fatto richiesta si questi aerei. Indigo Partners, in questo modo, si classificherà ai primi posti nella speciale classifica dei clienti. I vettori all’interno della famiglia di Indigo Partner avevano in precedenza siglato ordini per 427 aeromobili della stessa famiglia di velivolo.

Boeing e Airbus commesse più grandi della storia

La risposta della Boeing all'Airbus non si è fatta attendere. Sia come sia quel che è certo è che i due titani dei cieli, si sono assicurati le commesse più grandi della storia. Boeing quindi ha reagito davvero in tempi record e le due commesse, messe insieme, generano il valore sbalorditivo di settantasei miliardi e rotti di dollari. La Boeing lo ha fatto annunciando l’ordine dagli Emirati.

In questo caso la Boeing è riuscita ad infliggere un colpo alla rivale europea visto che l’Airbus pensava che questa commessa venisse divisa tra i due titani dei cieli. La casa aerospaziale americana ha ricevuto infatti la commessa da Fly Dubai per l’acquisto di 175 dei suoi 737 Max planes e l’impegno per altri 50. Tradotto in monete sonanti si tratta di un business di ventisette miliardi di dollari.

Il futuro dell’aviazione civile

Alla luce di questi investimenti così corposi la domanda sorge spontanea e riguarda il futuro dell’aviazione civile. Senza dubbio lo scenario che ci si trova difronte à quello di una grande evoluzione. Il futuro dell’aviazione civile prevede infatti grandi novità che rivoluzioneranno senza dubbio anche questo comparto. Basti pensare al recente annuncio della compagnia aerea low-cost easyJet sull’imminente inizio della collaborazione con la startup americana Wright Elecric per la realizzazione di velivolo totalmente elettrico capace di ridurre le emissioni nocive dei voli a corto raggio fino ad azzerarle nell’arco di un paio di decenni.

Già collaudato un velivolo elettrico a due posti fatto da Wright Electric. La sfida, ora, è quella di riuscire ad adoperare questa tecnologia anche per gli aerei più grandi, e questo non può che avvenire riuscendo a costruire una batteria non eccessivamente pesante. Inoltre grazie alla collaborazione con Rakuten e Immfly, è nato stato Air Time che darà l’opportunità ai passeggeri di scegliere tra diverse opzioni per trascorrere il periodo a bordo dell’aereo: programmi tv, film, contenuti per bambini, giochi, audiolibri e guide sulle destinazioni, attraverso l’uso del proprio device.

E per finire, la ciliegina sulla torta è rappresentata dal ritorno sulla scena del Concorde, l’aereo supersonico che aveva fatto sognare intere generazioni di ricchi per la possibilità di raggiungere New York partendo dall’Europa in un batter d’occhio abbattendo il muro del suono. Il nuovo Concorde che sta vivendo le sue fasi di sviluppo, sarà ancora più veloce e permetterà di toccare quasi i duemila chilometri all’ora di velocità. A questa velocità i diecimila chilometri della traversata oceanica sembreranno davvero una passeggiata di salute.







Ti è piaciuto questo articolo?





Commenta la notizia
di Luigi Mannini pubblicato il