Bolletta luce 2020, nuovo metodo di calcolo. Ecco quanto si paga di più

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Bolletta luce 2020, nuovo metodo di calc

Bollette luce più care nel 2020

A testimoniare l'ennesima crescita dell'impegno di spesa richiesto ai clienti non è una rapida lettura dei costi delle bollette, bensì uno studio ben più approfondito e dettagliato.

La brutta notizia è sempre la stessa: trascorre il tempo e ogni anno aumentano i costi per le utenze, in particolare quelli della luce. E a rimetterci, si badi bene, non sono solamente le famiglie ovvero le utenze domestiche.

Perché anche i titolare o i gestori dei negozi, ma anche le piccole imprese o le società individuali devono fare i conti con la difficoltà di far quadrare i conti. E anzi, sotto molti punti di vista, gli ostacoli sono anche maggiori.

Ma non si tratta naturalmente di scatenare una guerra tra poveri bensì di prendere atto di una situazione ovvero del costante aumento dei prezzi che, come ben sappiamo, non viene sempre bilanciato da un aumento di ricavi e guadagni.

E a testimoniare l'ennesima crescita dell'impegno di spesa richiesto ai clienti non è una rapida lettura dei costi delle bollette, bensì uno studio ben più approfondito che ha messo nel mirino il nuovo metodo di calcolo dei consumi.

Possiamo già anticipare due punti: le novità al rialzo sono già in vigore e le piccole imprese italiano pagano le bollette più care d'Europa- Vediamo insieme

  • Bollette luce più care nel 2020 per negozi e piccole imprese
  • Nuovo metodo di calcolo rende le bollette italiane più care

Bollette luce più care nel 2020 per negozi e piccole imprese

Ad aver effettuato uno studio dedicato sul nuovo metodo di calcolo dei consumi della luce ci ha pensato Selectra, non nuova a confronto di questo tipo.

Le voci tenute in considerazione sono la quota di energia e commercializzazione, la quota trasporti e gestione contatore, gli oneri di sistema e le imposte. Dopodiché ha individuato quattro fasce tra costi fissi, consumo fino a 1.000 kWh, fino a 1.800 kWh, fino a 2.000 kWh, fino a 2.7000 kWh.

Ebbene, solo quest'ultimi riceveranno complessivamente una riduzione sul prezzo finale (-5,42%). Nel caso di consumi di elettricità fino a 2.000 kWh, il prezzo richiesto è sostanzialmente lo stesso. Bollette della luce più care per le altre due fasce (fino a 1.000 kWh e fino a 1.800 kWh) così come sono aumentati i costi fissi.

Dal punto di vista metodologico, il confronto è stato effettuato tra il costo applicato in questo inizio anno (dal primo gennaio 2020 sono entrati in vigore i nuovi parametri) e quella della fine dello scorso anno ovvero fino al 31 dicembre.

L'aumento è il risultato della cancellazione della progressività della quota relativa agli oneri di sistema ovvero del concetto più consumi e più paghi. Di conseguenza sono penalizzati negozi, piccole imprese e società individuali.

Nuovo metodo di calcolo rende le bollette italiane più care

C'è anche un secondo studio che merita attenzione. Riguarda il confronto tra le bollette della luce tra i vari Paesi europei. E in riferimento al primo semestre dello scorso anno, le piccole e media imprese italiane pagano di più.

Molto di più se il costo dell'energia elettrica è per un terzo superiore a quello della media dell'Unione europea. Per capirci, se per la differenza tra consumi domestici è di circa l'1,4% e dunque minima, nel caso delle imprese, il costo medio dell'energia elettrica è maggiore del 29,6%.