Bollette a 28 giorni: attenzione ad aumento canone e tariffe con ritorno ai 30 giorni

E come era previsto l'aumento delle tariffe inizia dopo il ritorno alle bollette a 28 giorni. Si parla anche di rimborsi, ma quello che è certo ora sono i rincari

Bollette a 28 giorni: attenzione ad aume

Bollette a 4 settimane


Le multe e gli interventi del garante sulle pratiche sleali degli operatori nel passaggio alla tariffa a 28 giorni anzichè mensile, non hanno sortito gli effetti desiderati. Infatti il ritorno alla soluzione classica comporterà quasi sicuramente un aumento delle tariffe e dei canoni. Vediamo in quali casi.

Ritorno a 28 giorni delle bollette dei cellulari e adsl e linea fissa del telefono, ma come avevano previsto ampiamento già almeno 1 mese fa, vi è il rincaro e l'aumento del costo spalmato su 12 mensilità anzichè  tredici. E non è finita.

Aumento Canone e Tariffe

Il primo operatore ad aumentare ufficialmente le tariffe è Tim con linea telefonica e Adsl con un comunicato ufficiale ai propri cliente che lo scatto inizierà dal 1 Gennaio giorno in cui inizierà la fatturazione a 28 giorni nuovamente.
E il rincaro come scrivevamo anche sotto saà dello 8,6% proprio quelo perso con il ritorno alla fatturazione mensile.
E gli altri operatori, ma anche Sky dovrebbero fare lo stesso e, secondo alcuni esperti, potrebbero anche aumentare di più le bollette sia con rincari generalizzati, sia rendendo a pagamento servizi che prima non lo erano.

Il ritorno ai 28 giorni

L'anno che sta volgendo al termine passerà alla storia per essere stato quello della retromarcia delle compagnie telefoniche rispetto al pagamento delle bollette da 4 settimane a un mese. E quello sarà segnato dalle richieste di rimborsi, rispetto a cui si stanno moltiplicando le spiegazioni su come fare per richiederlo. Si ricorda che sono tra l'altro coinvolti Vodafone, 3 Italia, Wind, Tim e Fastweb. Non Tiscali che ha mantenuto la fatturazione con base mensile. In realtà, non si è trattato proprio di una mossa spontanea perché è stato il governo, su sollecitazione dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, delle associazioni dei consumatori e degli stessi utenti a spingere l'esecutivo ad adottare in tempi piuttosto ristretti un provvedimento in questa direzione. La ragione è semplice.

Non è mai stata una questione di rincaro dei costi poiché tutti gli operatori hanno la facoltà di muoversi come meglio credono in un regime concorrenziale. Ma di chiarezza perché orientarsi con base 4 settimane e non mensile rende difficili le comparazione e la comprensione di quanto realmente si spende. Non a caso con la fatturazione ogni 28 giorno, alla fine dell'anno gli utenti si trovano a pagare una mensilità in più. C'è anche chi ha provocato a quantificare l'impatto di questo aumento ed è risultato di circa l'8,6%. Insomma, una situazione piuttosto controversa rispetto a cui il legislatore ha cercato di porre rimedio fissando non solo una nuova tempistica della fatturazione delle bollette, sia in abbonamento e sia per ricaricabili, ma anche regole ben precise in caso di mancato rispetto delle nuove norme, con tanto di possibilità di chiedere il rimborso.

Come chiedere il rimborso: le nuove regole

Stando allora alle nuove norme, gli operatori hanno 120 giorni per adeguarsi alle nuove scadenze ovvero modificare la tempistica della fatturazione da 4 settimane a un mese. E se non lo fanno sono chiamati a rimborsare i clienti con un indennizzo di 50 euro, a cui aggiungere un euro per ogni giorno successivo alla scadenza del termine assegnato dall'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Di conseguenza occorre attendere il 121esimo giorno per poter essere sicuri di farsi restituire le somme indebitamente incamerate. Ma sempre e solo se nel frattempo il gestore telefonico non ha modificata la cadenza della fatturazione. Le nuove norme non sono retroattive ovvero nessun rimborso è previsto per il pregresso. E sono escluse le bollette di luce e gas, perché i costi sono vincolati ai consumi ovvero sono già regolate da una delibera dell'Authority per l'energia.

Se si rientra nella categoria di chi ha diritto al rimborso occorre allora procedere con la richiesta formale. Come fare? Ci sono due modi. Il primo è di rivolgersi direttamente alla propria compagnia telefonica con richiesta di rimborso. Il secondo è di contattare i Corecom ovvero i Comitati regionali per le comunicazioni. Oppure possono avviare una procedura di conciliazione tramite una associazione dei consumatori. In ogni caso, il percorso non è così semplice e immediato e i tempi possono essere lunghi, ma le regole parlano chiaro. In attesa degli aggiustamenti Vodafone (che ha promesso di tornare alla fatturazione mensile dal 4 aprile) propone offerte nel fisso di 28 giorni; Wind e 3 Italia hanno i 28 giorni nel fisso; Tim fattura a 28 giorni sulle linee fisse con bollette a 56 giorni; Fastweb fattura le offerte fisse a quattro settimane.

Tariffe riviste verso l'alto?

Il passo indietro restituisce maggior chiarezza ai consumatori, ma gli operatori rinunceranno al surplus di ricavi? Difficile da credere: è facile immaginare che i prezzi delle tariffe possano essere visti verso l'alto per compensare le mancate entrate.