Bollette luce e gas, offerte placet. Come funzionano, costi e se convenienti per risparmiare

Cosa sono e cosa prevedono le offerte placet per luce e gas: caratteristiche e costi ed eventuale durata dei contratti. Informazioni e chiarimenti

Bollette luce e gas, offerte placet. Com

Bollette luce gas offerte placet regole costi

Dal primo luglio è diventato obbligatorio il passaggio per la fornitura di gas e luce dal servizio di maggior tutela al mercato libero, e da luglio 2020 il passaggio sarà definitivo e non esisterà più l’Autorità per Luce e Gas. Ciò significa che tutti gli utenti devono effettuare variazioni contrattuali, confrontando le offerte dei diversi fornitori, alla ricerca della migliore in base alle loro esigenze e abitudini.

Per invitare gli utenti a cambiare fornitore in maniera molto semplice, sono state introdotte le cosiddette offerte placet. Ma cosa sono le offerte placet di luce e gas? Come funzionano e quali sono i costi previsti dalle offerte placet?

Cosa sono le offerte Placet luce e gas

Le offerte Placet, Prezzo Libero a Condizioni Equiparate di Tutela, sono offerte standard per luce e gas del mercato libero valide volute da legislatore e ARERA (l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente), per informare i diversi utenti, pensate soprattutto per i clienti domestici e non domestici, per quanto riguarda il settore elettrico, connessi in bassa tensione, e per il gas naturale, titolari di PDR con consumi annui inferiori a 200.000 Smc.

Le offerte Placet prevedono la sottoscrizione di due contratti differenti, uno per luce e uno per gas,  condizioni contrattuali piuttosto semplici e lineari, sono a tempo indeterminato ma le loro condizioni economiche si rinnovano ogni dodici mesi e tre mesi prima della scadenza il venditore ha l’obbligo di informare il cliente delle nuove condizioni che saranno applicate dopo il dodicesimo mese e spetta al cliente decidere se accettarle o meno e in tal caso recedere dal contratto.

I costi delle offerte Placet

I prezzi delle bollette di luce e gas delle offerte Placet vengono decisi dai venditori e devono prevedere sia offerte a prezzo fisso sia offerte a prezzo variabile e in ogni caso il prezzo prevede una quota fissa in euro, cliente e anno, e una quota energia espressa in €/kWh o €/Smc proporzionale ai volumi consumati.

Per la luce, ogni mese è previsto un prezzo indicizzato al Pun, prezzo unico nazionale espresso in €/kWh. in base alla fasce orarie e telegestito e per i clienti domestici e non domestici che non hanno tale tipologia di contatore il prezzo è uguale in tutte le ore. Per il gas naturale, le offerte prevedono un prezzo indicizzato al TTF e determinato ogni tre mesi in base alle quotazioni forward trimestrali OTCpresso l’hub TTF.

Quanto sono convenienti e per chi le offerte Placet    

La convenienza delle offerte Placet dipende dal fatto che, innanzitutto, sono differenziate in base al cliente cui sono rivolte rispetto ai costi di approvvigionamento e commercializzazione e i prezzi vengono stabiliti esclusivamente per l’approvvigionamento della materia prima, cioè luce o gas, senza alcun onere aggiuntivo o eventuali ulteriori servizi che il cliente magari non desidera e che possono prevede un costo ulteriore.

I servizi accessori previsti dalle offerte Placet sono comunque diversi e servono per soddisfare eventuali ulteriori esigenze dei clienti, rivelandosi molto utili, pur a prezzi molto contenuti.

Inoltre, per le offerte Placet la struttura di prezzo e le condizioni contrattuali, come garanzie e rateizzazione, vengono decise dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, sono inderogabili e questo rende le stesse offerte più semplici da confrontare a differenza delle offerte del Mercato Libero dove condizioni contrattuali e servizi associati al contratto, pur nel rispetto della regolazione dell’Autorità, possono variare molto da fornitore a fornitore.

Le offerte placet, infine, convengono a tutti i clienti domestici che hanno bisogno di tenere sempre sotto controllo spese, costi e consumi, considerando che gli avvisi da parte del fornitore su eventuali cambi devono essere precedenti la scadenza delle offerte e le nuove condizioni possono essere accettate, se ancora convenienti, o anche rifiutate liberamente.

Ti è piaciuto questo articolo? star

Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il