Bollette, milioni italiani non riescono a pagare nel silenzio. Ecco aiuti e agevolazioni

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Bollette, milioni italiani non riescono

Famiglie italiane in povertà energetica

Lo sconto nella bolletta della luce varia tra 125 e 184 euro l'anno, quello sul gas da 34 a 273 euro. Ed è previsto anche il bonus per disagio fisico.

Se la povertà sarà realmente sconfitta lo dirà solo il tempo, per ora c'è un'evidenza dalla quale non si scappa: 9,4 milioni di italiani sono in povertà energetica. Non riescono cioè a pagare le bollette per il consumo di luce e gas. Da qui la predisposizione di aiuti e agevolazioni per aiutarli in questa difficoltà. Ma come scoperto dall'Istat, succede che un numero crescente di famiglie sia costretto a limitare i consumi per non finire nei guai economici. Insomma, l'obiettivo delle Nazioni unite di sviluppare politiche in favore dell'ambiente e di assicurare alle famiglie più bisognose un livello di energia adeguato per le proprie necessità non è stato raggiunto. Non del tutto e non in Italia se sono in aumento le famiglie che non riescono a pagare le bollette o che non riesce riscaldare in maniera adeguata la propria abitazione. O, più in generale, sono chiamate a continui sacrifici anche nella gestione della luce.

Sempre più famiglie italiane in povertà energetica

A sorprendere allora del contenuto del rapporto Istat, ripreso dalla rivista Energia, è proprio la presenza dell'Italia nella lista delle nazioni con sacche di povertà energetica. Come si legge testualmente, è in crescita la quota di popolazione che non riesce a riscaldare l'abitazione. Sulla base dei dati aggiornati a due anni fa, questa situazione coinvolge il 16,5% delle famiglie italiane ovvero oltre 9 milioni di persone. A vivere una situazione di disagio sono soprattutto gli abitanti delle regioni del centro-nord Italia. Alla base di questa situazione - ma questa volta è l'Osservatorio dell'Unione europea sulla povertà energetica a scattare la fotografia - ci sono anche i costi piuttosto elevati per il consumo di luce e gas. Più esattamente, solo in Danimarca e in Germania il prezzo dell'elettricità è maggiore. E non va meglio con il gas se solo in Svezia e in Portogallo costa di più. Siamo sempre al terzo posto.

E a chiudere il cerchio della situazione tutt'altro che rosea, l'Italia è tra i Paesi con la più alta percentuale di abitazioni umide con perdite e riparazioni da fare a tetti e infissi. Per gli amanti dei numeri, l'Osservatorio dell'Unione europea sulla povertà energetica colloca il nostro Paese al sesto posto sui 28 europei.

Riscaldamenti e caloriferi non accesi

Caloriferi e riscaldamenti spenti per evitare bollette troppo elevate che non si possono pagare. Stando a quanto riportano le ultime notizie, ben 9 milioni di italiani terrebbero i riscaldamenti spenti perchè non avrebbero la possibilità di pagare le bollette. La situazione sta diventando davvero tragica. Quando ci sono persone che non possono riscaldare come si dovrebbe la propria casa per vivere bene allora è necessario iniziare a porsi serie domande. Nel 2012, per affrontare la situazione di emergenza in cui sono costrette a vivere non poche persone nel nostro Paese, era nato il progetto Sustainable Energy for All per poter garantire a tutti l’accesso a sistemi di energia sostenibili, sicuri e a prezzi accessibili, ma già nel 2016, stando ai recenti dati, il 16,5% delle famiglie italiane non aveva la possibilità di accendere i riscaldamenti per rendere la propria casa ricca di adeguato calore e ciò significa che si è ancora ben lontani da riuscire ad assicurare a tutti la possibilità di uso di caloriferi e riscaldamenti.

Aiuti e agevolazioni per bollette luce e gas 2019

Come premesso, non si tratta di una novità assoluta perché sia istituzioni e sia ong che si occupano di disagio sociale conoscono bene questa situazione e a più riprese la mettono al centro dell'attenzione pubblica. Resta da chiedersi come evolverà la situazione considerando gli aumenti annunciati delle tariffe per l'elettricità e il gas. E cosa succederà con il passaggio al mercato libero e l'abbandono del mercato tutelato? Non sempre quindi casuale che il 9,1% delle famiglie italiane hanno o hanno avuto problemi con il pagamento delle bollette dell'energia. Per tutti loro sono a disposizione adesso e lo saranno nel 2018 le agevolazioni riservate alle famiglie in condizioni di disagio economico e numerose. Per ottenere il bonus per le luce e quello per il gas occorre esibire un Isee non maggiore di 8.107,5 euro, ma questo tetto sale per i nuclei familiari con più di tre figli a carico e l'Isee non deve superare i 20.000 euro.

Lo sconto nella bolletta della luce varia tra 125 e 184 euro l'anno, quello sul gas da 34 a 273 euro. Ed è previsto anche il bonus per disagio fisico se nella famiglia vive una persona affetta da grave malattia ed è cioè costretta a utilizzare apparecchiature elettriche per restare in vita.

Ultime Notizie