Enel, dopo la bolletta da un milione, la storia del rischio stacco per un centesimo

Le disavventure sono iniziate dal momento della sostituzione del contatore danneggiato che ha portato alla fattura record di oltre un milione di euro.

Enel, dopo la bolletta da un milione, la

Enel, bolletta da un milione di euro


Oltre un milione di euro, più di u milione 200mila euro da pagare è arivato per una bolletta Enel. Ma il caso è stato da subito risolto, diversamente da altri come la storia di un centisimo mancante per cui si potrebe staccare ad una vedova la luce. C'è da dire che garzie ad un nuova norma non si dovrebbero poter vdere più errori simili.

L'importo da pagare è stato così elevato da poter provocare un infarto. Perché anche in caso di distrazione prolunga è realmente improbabile che un 75enne di Capannori, alle porte di Lucca, possa consumare energia elettrica per uso domestico per oltre 1 milione e 200.000 euro. Meno male che l'ha presa con la dovuta ironia e che soprattutto si sia reso subito conto come ci sia stato qualcosa di sbagliato. Eppure quella bolletta era lì, davanti agli occhi e regolarmente recapitata via posta. Fortunatamente la questione si è risolta a stretto giro e la stessa Enel ha risposto in via ufficiale a quello che è subito apparso come un errore. A distanza di tre giorni dall'errore, le cose si sono rimesse a posto, con tanto di scuse del gestore dell'energia elettrica e la promessa di seguire da vicino la vicenda fino alla scrittura della parola fine.

La risposta del gestore alla bolletta da un milione di euro

Protagonista della vicenda è stato Pietro Baldassarri e per gli amanti della precisione, l'importo della bolletta che si è visto recapitare è stato pari a 1.200.040 euro. Ebbene, dopo aver proceduto con le necessarie verifiche, Enel ha precisa di essersi subito attivata e di aver sospeso la fattura inviata in attesa dell'emissione di quella corretta. Insomma, ha riconosciuto l'errore (avrebbe potuto fare diversamente?), ma nessun regalino di riparazione. Significa che la bolletta ricevuta sarà sostituita e la somma per il consumo realmente effettuato sarà riscossa. Tuttavia Enel ci ha tenuto a recapita anche le sue scuse per il disagio arrecato, mettendo nero su bianco che nessun pagamento di questo tipo è dovuto e che sono in corso le azioni per il ricalcolo corretto. Insomma, quel milioni e 200.00 euro rimane un clamoroso svarione.

Una mastodontica quantità di energia (non) consumata

Anzi, per utilizzare le parole dello stesso gestore, si è trattato di un problema generato da un errore del sistema in fase di trascrizione della lettura in telegestione. A ogni modo, l'operatore promette di seguire direttamente l'evolversi della vicenda fino alla positiva risoluzione. Le ricostruzioni dei fatti degli organi di stampa locali sono state particolarmente interessanti perché hanno innanzitutto verificato che il consumo di energia elettrica per quella cifra equivale a 3 milioni e 3645 kilowattora. Difficile capire per un occhio non proprio esperto comprendere la mole di energia di cui stiamo parlando. E così viene fuori che si tratta della stessa che potrebbe alimentare più di 4.000 bolidi della Formula 1 al massimo delle prestazioni o anche sufficiente per spingere 40 navi da crociera. Si tratta di numeri naturalmente impensabili per l'abitazione domestica di un pensionato di 75 anni in cui vivono cinque persone.

Le disavventure sono iniziate dal momento della sostituzione del contatore danneggiato (in seguito a una precedente bolletta piuttosto salata) che ha portato alla fattura record di oltre un milione di euro. Ma come ricorda il pensionato, il personale tecnico e gli ingegneri hanno manifestato la massima disponibilità nel risolvere la questione.




Ti è piaciuto questo articolo?





Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il