Le vere alternative alla caldaia che riscaldano davvero e fanno risparmiare su bollette

di Chiara Compagnucci pubblicato il
Le vere alternative alla caldaia che ris

Alternative alla caldaia, quali sono quelle reali

Non c'è solo la tradizionale caldaia per riscaldare gli ambienti della casa. Non mancano le alternative che si rivelano anche più economiche in termini di spesa.

Il riscaldamento a gas è il più utilizzato dalle famiglie in Italia. Eppure, anche e soprattutto per via dell'aumento dei costi della bolletta, è in corso la ricerca di alternative alla caldaia per cercare di risparmiare sul costo delle bollette.

I prezzi del gas sono in aumento da diversi mesi, proprio come quelli dell'elettricità. Ma ci sono appunto alcune alternative a questo sistema di riscaldamento. Approfondiamo quindi:

  • Alternative alla caldaia, quali sono quelle reali

  • Altri modi per risparmiare nelle bollette del riscaldamento

Alternative alla caldaia, quali sono quelle reali

La prima cosa da sapere è che la caldaia a gas non è l'unico mezzo di riscaldamento. È possibile utilizzare diversi altri combustibili e altre apparecchiature possono sostituire la caldaia a gas. Il primo esempio è quello della caldaia a biomassa. Funziona allo stesso modo della caldaia a gas, ma cambia solo il carburante. Ne esistono di diversi tipi: la caldaia a legna, la caldaia a pellet, la caldaia a cippato. Il vantaggio del legno è che è un combustibile poco costoso che produce energia pulita e rinnovabile. La caldaia a biomassa può essere utilizzata per riscaldare tutta la casa, tramite il riscaldamento centralizzato ed è un dispositivo molto efficiente.

È inoltre possibile optare per una pompa di calore in sostituzione del riscaldamento con la caldaia. Questa è una delle soluzioni più ecologiche poiché, a seconda del modello, la pompa di calore utilizza principalmente energie rinnovabili tra acqua, aria o calore dal suolo. Richiede ancora elettricità per il suo funzionamento ed è un'apparecchiatura con buone prestazioni. Occorre però fare il conto con un prezzo mediamente elevato e con una procedura di installazione che può rivelarsi impegnativa.

Ancora una idea? Una stufa a legna. Potrebbe non essere in grado di fornire tutto il calore di cui si ha bisogno per l'intera abitazione, ma è un sistema interessante e da non sottovalutare. La stufa può funzionare con ceppi o pellet. Come per la caldaia a biomassa, è un combustibile rinnovabile e poco inquinante. Ed è possibile installare un sistema di recupero e ridistribuzione del calore nelle altre stanze.

L'installazione del riscaldamento elettrico è semplice, ma può essere costoso da utilizzare e avere un basso comfort termico. Un'alternativa da privilegiare solo per piccoli spazi, molto ben coibentati. Occorre quindi sapere che gli emettitori di calore hanno livelli di prestazione molto diversi.

Altri modi per risparmiare nelle bollette del riscaldamento

Un'altra alternativa che può sostituire il riscaldamento a gas è il sistema solare combinato. Si tratta di un sistema che può produrre calore per gli interni dell'abitazione, ma anche acqua calda. Questo sistema funziona con energia solare, un'energia rinnovabile e illimitata. Consente inoltre di risparmiare energia e quindi di risparmiare nelle bollette. Per funzionare, i collettori solari sono installati per raccogliere l'energia dal sole.

È questo il calore che verrà utilizzato tramite il sistema di riscaldamento, per alimentare sia i radiatori o il riscaldamento a pavimento, sia il serbatoio dell'acqua calda. Va da sé che il sole è obbligatorio per garantirne il funzionamento. Non è quindi consigliabile per tutti i territori e l'installazione è anche costosa.

Per quanto riguarda la produzione di acqua calda, se non si ha l'intenzione di di cambiare subito la caldaia, è possibile installare uno scaldabagno termodinamico per farsi carico di tutta la produzione di acqua calda sanitaria. In questo caso, la fonte di energia utilizzata per riscaldare l'acqua è il calore sottratto all'aria. Questo sistema consuma da 3 a 4 volte meno elettricità di uno scaldabagno convenzionale con resistenza elettrica. E se è abbinato ai pannelli fotovoltaici, il risparmio sarà molto più alto.